domenica 31 maggio 2015

Tag… che passione!



Prima di tutto, grazie a Salotto Dei Libri che mi ha taggato (tipo un secolo fa!) per giocare e ora rispondo.....Con calma, ce la posso fare! :P

Un Tag non semplicemente Libroso, ma che punta anche ad altri aspetti "femminili" quali profumi e trucchi.

Preciso che le mie scelte sono fatte anche in modo etico, perché sempre più consapevolmente cerco di scegliere e di usare prodotti Cruelty Free, nonostante alcuni prodotti siano buoni e (ovviamente) famosi, la sofferenza che c'è dietro è troppo grande anche solo per chiudere gli occhi e far finta di nulla.

Ps. Se cliccate sulle immagini venite trasportati nel sito dove vengono venduti i prodotti di cui parlo, ma potete usarlo anche come piattaforma di partenza per sbirciare e, magari, trovare nuovi trucchi e/o una marca che vi può piacere (e che non fa male a nessuno!) ;)

Pps. Le immagini le avevo già sul pc o le ho reperite da internet, siete avvisati :P


Qual è il tuo profumo preferito?


Non metto quasi mai il profumo, ma ultimamente mi sono innamorata di una fragranza della Bottega Verde:
Essenza Dei Sogni
Un profumo leggero e fresco, che sa di cocco.
Non permane molto, ma è piacevole lo stesso.




E, quando mi ricordo, uso "Fresh" di Shaka, in formato da viaggio (ossia in una boccettina piccola e lunga, di vetro, con un roller per poter mettere il profumo sulla pelle)





Qual è il tuo smalto preferito?


Come marca direi Kiko e come colore....Nero!!!
Ne ho di tante diverse tonalità (dal giallo, al rosso, al verde, al blu....ovviamente tutti accesi e niente brillantini), ma il nero vince sempre (quando ho voglia e tempo per metterlo).

(immagine non mia, presa da internet)




Qual è il tuo rossetto preferito?


Purtroppo non ne ho uno, perché ho il bruttissimo vizio di leccarmi e mordermi continuamente le labbra, quindi durerebbero niente per trasformarmi in un clown in tempo zero.....cosa da evitare! Quindi, via di burrocacao.
Ma se potessi, ne ho due in borsa che ho comprato perché li voglio mettere, ma con sto viziaccio....

Dark Vampire di Shaka
Cremoso e morbido, sul sito in una infinità di colori da farmi venir voglia di comprarli tutti.
Se trovo una promo nei negozi, ne comprerò altri!


Altri che ho provato sono quelli di Kiko, ma che diventano secchi in fretta (almeno quelli che ho provato io, sempre che non siano le mie labbra tropo "pretenziose")

(alcuni dei colori che ho, ho messo un collegamento a Kiko, ma non sono gli stessi rossetti....o il sito non li vende, o sono "vecchi" xD )



Qual è la tua palette preferita?


Non ho una palette, di solito uso matita e ombretto rigorosamente nero (va bene con tutto ed è un trucco veloce e facile da fare).

(scusate, avevo solo una "foto di gruppo")


Si ho una palette, ma l'ho presa su internet da neanche so più dove e una vecchissima regalata dalla mia migliore amica, praticamente nuova!
Ma visto che non le uso mai....inutile metterle :/



Esci mai di casa senza fondotinta?


Sempre!
E' qualcosa che non sopporto e che mai riuscirò a sopportare.
Il massimo usavo le BBCream (parlo in passato perchè ora ne sto cercando una che sia CrueltyFree) o più spesso uso crema per ammorbidire il viso e un po' di cipria per i rossori.
(Se qualcuna sa come si puliscono le spugnette, me lo dica! xD )




Qual è il tuo libro preferito?


Non ne esiste solo uno, sorry.



Preferisci acquistare in negozio o online?


Purtroppo devo dire Online. Più comodo ed economico, soprattutto per i formati digitali che si possono acquistare solo in quel modo).
Ma ciò non implica che ogni libreria che vedo non ci passi una mezzoretta dentro, perdendomi come Alice tra gli scaffali......


Non taggo nessun altro per il semplice fatto che, arrivando sempre per ultima, finirei con il ri-taggare le stesse persone.....Quindi chi vuole, ci giochi (ma lasci un messaggio sotto, che poi voglio leggere ^.^ )

Opinione "VirtNet Runner - Il Giocatore" (The Mortality Doctrine 1) - James Dashner



Titolo: VirtNet Runner - Il Giocatore
Autore: James Dashner
Pubblicazione: 2 Aprile 2015
Pagine: 294
Editore: Fanucci



*°* °*° *°* °*° *°*

TRAMA

Michael è un giocatore e, come la maggior parte dei giocatori, spende più tempo nel VirtNet che nel mondo reale. Il VirtNet è una totale immersione nel virtuale, e crea dipendenza. Grazie alla tecnologia, chiunque abbia un bel po' di soldi può sperimentare mondi fantastici, rischiare la vita senza essere mai in pericolo, o semplicemente spassarsela con i propri amici virtuali. E più si hanno doti da hacker, maggiore è il divertimento. Eppure anche in questa realtà alternativa esistono delle regole, e infrangerle può avere conseguenze estreme. Qualcuno però pensa non sia necessario seguirle: un giocatore anonimo è andato oltre ogni limite e tiene in ostaggio altri giocatori nel VirtNet. Gli effetti nel mondo reale sono devastanti: tutti gli ostaggi infatti finiscono per essere dichiarati cerebralmente morti. Il governo sa che per acciuffare un hacker ci vuole un altro hacker. Il prescelto è Michael, ma il rischio è enorme. Se accetta la sfida, Michael sa che dovrà infrangere a sua volta le regole del VirtNet e affrontare pericoli e predatori che una mente umana non può neanche immaginare. E sa anche che il confine tra gioco e realtà potrebbe essere cancellato per sempre.


*°* °*° *°* °*° *°*



AUTORE

"James Smith Dashner (Austell, 26 novembre 1972) è uno scrittore statunitense, autore di romanzi di fantascienza distopica per ragazzi, noto soprattutto per la serie The Maze Runner.
Uno di sei fratelli, ha frequentato la Duluth High School e la Brigham Young University nello Utah.
È nato e cresciuto in Georgia e vive nello Utah con la moglie e i quattro figli. Dopo diversi anni di lavoro nella finanza, è diventato scrittore a tempo pieno."


Per maggiori informazioni (o voster curiosità), c'è anche il sito dell'autore: http://jamesdashner.com/ (Ovviamente, in Inglese)


OPERE


"The Jimmy Fincher Saga" (mai arrivata in Italia):
• A Door in the Woods (2003)
• A Gift of Ice (2004)
• The Tower of Air (2004)
• War of the Black Curtain (2005)

"The 13th Reality series" (mai arrivata in Italia):
• The Journal of Curious Letters (2008)
• The Hunt for Dark Infinity (2009)
• The Blade of Shattered Hope (2010)
• The Void of Mist and Thunder (2012)

"The Maze Runner" (The Maze Runner Series):
• Il labirinto - Maze Runner (The Maze Runner, 2009), 2014 (già pubblicato nel 2011 come Il Labirinto)
• La fuga - Maze Runner (The Scorch Trials, 2010), 2014 (già pubblicato nel 2012 come La fuga)
• La rivelazione - Maze Runner (The Death Cure, 2011), Fanucci 2014
• La mutazione - Maze Runner (The Kill Order, 2012), Fanucci 2014
• The Fever Code, 2016 (Inedito)

"The VirtNet Runner / The Mortality Doctrine" (The Mortality Doctrine):
• VirtNet Runner - Il giocatore (Primo libro della serie "The Mortality Doctrine") (The Eye of Minds, 2013), Fanucci 2015
• The Rule of Thoughts, 2014
• The Game of Lives, (uscita novembre 2015)
• Gunner Skale (prequel), 2014


*°* °*° *°* °*° *°*


OPINIONE


Prima di tutto: Odio profondo per il titolo!!! "VirtNet Runner - Il giocatore" che riprende gli odiosssimi titoli della precedente saga, anche lì modificati per 'la-nuova-edizione-coordinata'....un brivido me l'hanno lasciato. Ma potevo passarci sopra, visto che era una saga chiamata "Maze Runner" anche in originale, quindi (marketing a parte) poteva anche starci. MA...... Il titolo originale era: The Eye of Minds = L'occhio della Mente Molto più bello e d'impatto che non quel titolaccio italiano, con la cover fin troppo simile a quelle nuove della ripubblicazione di "Maze Runner". Ok, so che in Italia questa è una delle pecche principali nelle traduzioni e conversioni....ma andiamo!!! [.....] Ma andiamo avanti. Il libro è meno incisivo dei precedenti, ma non meno originale. Probabilmente ero stata così colpita dalla saga "Maze Runner" che mi sono auto-influenzata, sopratutto nella prima metà del libro. Perchè a ripensarci adesso: è molto buono! La storia è originale [.....] Il protagonista è Michael, che con due suoi amici, viene reclutato dal governo (insieme ad altri haker) per riuscire a trovare chi sta manipolando altri giocatori, tenendoli bloccati nel gioco o anche causando in loro coma e/o la morte. [...] potrerà questi 3 amici ad indagare e rischiare la vita per riuscire a rintracciarlo, non solo nel gioco, ma anche nella vita reale...Opinione completa su Ciao.it


*°* °*° *°* °*° *°*

DOVE COMPRARLO

Su Fanucci:
Copertina Rigida: 14,90€
Ebook: 2,99€

Su Amazon:
Copertina Rigida: 12,67€
Kindle: 2,99€

Su Mondadori:
Copertina Rigida: 12,66€
Kobo: 2,99€

Su Feltrinelli:
Copertina Rigida: 12,66€
Ebook: 2,99€

Su IBS:
Copertina Rigida: 12,66€
Ebook: 2,99€



Altre Edizioni
(Cliccate sulle immagini per andare su Amazon)

giovedì 28 maggio 2015

Opinione "La Stagione degli Innocenti" di Samuel Bjørk



Titolo: La Stagione degli Innocenti
Autore: Samuel Bjørk
Pubblicazione: 7 Maggio 2015
Pagine: 490
Editore: Longanesi



*°* °*° *°* °*° *°*

TRAMA

Nel folto di una foresta norvegese immersa nel silenzio, c’è qualcosa di inatteso. Qualcosa di crudele. La giovanissima vittima è impiccata a un albero e ha al collo l’unica traccia lasciata dall’assassino: un cartello con scritto Io viaggio da sola.
La gravità del crimine spinge la polizia di Oslo a riaprire una speciale unità investigativa, la più efficace ma anche la più irregolare, e a richiamare in servizio il veterano Holger Munch. Sovrappeso, divorziato, solitario e appassionato di enigmi, Munch è un uomo all’apparenza gioviale che però dentro di sé nasconde un abisso. Ma è anche il secondo miglior investigatore della polizia norvegese.
Il migliore in assoluto è la sua collaboratrice, Mia Krüger, e Munch sa di aver bisogno di lei per venire a capo di quel terribile enigma. Ma deve riuscire a convincerla a tornare in azione. Mia infatti sta attraversando il momento peggiore della sua vita. Eppure, anche nella più cupa disperazione, niente può fermare le sue capacità di intuizione. È lei a cogliere l’indizio che era sotto gli occhi di tutti e che nessuno ha visto, il segno più terrificante lasciato dal killer. Un segno che non lascia spazio a dubbi: questa vittima è soltanto la prima di una lunga serie.
Solo Mia e Holger possono impedire che la fine dell’inverno diventi una strage di innocenti, soltanto loro possono fermare una mano omicida che presto colpirà vicino… Molto vicino.

Con un intreccio che non lascia scampo e due protagonisti destinati a entrare nel cuore dei lettori, La stagione degli innocenti ha già conquistato tutta Europa e sta per uscire in 22 Paesi.


*°* °*° *°* °*° *°*



AUTORE

"Samuel Bjørk è lo pseudonimo di Frode Sander Øien, poliedrico artista norvegese. Autore di pièce teatrali, musicista e cantautore, ha tradotto alcune delle opere di Shakespeare. Vive a Oslo. " (da http://www.longanesi.it/scheda-autore.asp?editore=Longanesi&idautore=4535) "La Stagione degli Innocenti" ("Det henger it engel alene i skogen" pubblicato nel 2013) è il suo romanzo d'esordio, fin da subito ha avuto un successo enorme anche in Svezia, dove, in pochi giorni dall’uscita ha venduto oltre 35.000 copie. Ha venduto i suoi diritti in 22 paesi ed è candidato al Bookseller Norvegian Award.

*°* °*° *°* °*° *°*


OPINIONE


Prima di tutto:
Ringrazio la Longanesi per avermi permesso di leggerlo!

Adoro i triller e questo non mi ha deluso.
Non so bene perchè, ma dall'est ormai sembra quasi una moda lanciare triller e polizieschi.....e (anche se per il momento ne ho letti pochi) anche se son più che altro d'esordio, mi accorgo che mai una volta mi deludano, che siano banali o che ti facciano pensare "Vabbè, il prossimo sarà meglio".....anzi! Fanno sperare che ne verranno scritti altri per seguire di nuovo questi autori.
E Bjork entra a pieno titolo tra questi emergenti, riuscendo a creare qualcosa che potrebbe dar filo da torcere ad autori più confermati, ma a volte non così incisivi.

La storia...Opinione completa su Ciao.it


*°* °*° *°* °*° *°*



DOVE COMPRARLO

Su Amazon:
Copertina Rigida: 14,37€
Kindle: 9,99€

Su Mondadori:
Copertina Rigida: 14,36€
Kobo: 9,99€

Su Feltrinelli:
Copertina Rigida: 14,36€
Ebook: 9,99€

Su IBS:
Copertina Rigida: 14,36€
Ebook: 9,99€



Altre Edizioni
(Cliccate sulle immagini per andare su Amazon)

lunedì 25 maggio 2015

"Di Favole e Di Gioia", Concorso Magla e Arpeggio Libero

DI FAVOLE E DI GIOIA
Concorso di Magla e Arpeggio Libero




Modalità di partecipazione



Svolgimento contest

Fra tutti i partecipanti verranno selezionati i vincitori che saranno inseriti nell'antologia omonima edita da Arpeggio Libero.

Partecipazione Gratuita


Durata contest
Due mesi: dal 1° giugno al 1° agosto 2015 (ore 15,00). I materiali pervenuti in redazione oltre questa data saranno esclusi dal contest.


Elaborati in gara

I concorrenti possono partecipare con il proprio elaborato edito o inedito (max 1 per categoria) nelle seguenti categorie:

a) favole o fiabe per bambini

b) illustrazioni e disegni in tema fiabesco per volume di racconti per bambini



Dettagli elaborati

a) favole o fiabe: testo di 5.000 caratteri (spazi inclusi) in formato word, odt o similare, no pdf

b) illustrazioni e disegni: bianco nero o a colori, realizzati con computergrafica o a mano, file in formato tiff, jpeg a bassa risoluzione (l'invio del file ad alta risoluzione verrà richiesto solo ai concorrenti selezionati e avverrà in un momento successivo).


Ulteriore documentazione

È necessario firmare e allegare assieme al proprio elaborato la liberatoria, pena l'esclusione dal contest. Se un concorrente partecipa in entrambe le categorie dovrà inviare due liberatorie distinte con ogni invio. Se un concorrente partecipa con un elaborato edito, l'autore dovrà possedere l'autorizzazione del proprio editore per la pubblicazione nell'antologia che andrà aggiunta all'invio assieme all'elaborato e alla liberatoria.


Invio a: magla.isoladellibro@gmail.com

Liberatoria

domenica 24 maggio 2015

Opinione "Madonna liberaci da Putin! Le Pussy Riot scuotono la Russia (e non solo)" di Andrea Vania



Titolo: Madonna liberaci da Putin! Le Pussy Riot scuotono la Russia (e non solo)
Autore: Andrea Vania
A Cura di: D. Paletta, M. Asomov, C. Fucci
Pubblicazione: 24 febbraio 2014
Pagine: 144
Editore: VoloLiberoEdizioni



*°* °*° *°* °*° *°*



TRAMA

Le Pussy Riot sono un collettivo riot grrrl e punk rock russo, femminista e politicamente impegnato.
Sono finite al centro dell’attenzione perché tre di loro sono state condannate e messe in carcere dopo aver cantato una “preghiera anti-Putin” nella cattedrale di Cristo Salvatore nella capitale russa.
La Chiesa ortodossa russa ha giocato un ruolo nella carcerazione delle Pussy Riot nel 2012. Lo ha dichiarato una delle ragazze della band, Marija AlÑ‘hina, in una conferenza stampa a Mosca dopo la loro liberazione, grazie all’amnistia promulgata dal presidente Vladimir Putin.
“Vogliamo continuare a fare ciò per cui siamo finite in prigione. Vogliamo come prima cacciare” il presidente russo Vladimir Putin. Al suo posto “mi piacerebbe molto invitare Mikhail Khodorkovski”. Lo ha detto Nadežda Tolokonnikova alla conferenza stampa a Mosca, insieme all’altro membro delle Pussy Riot Marija AlÑ‘hina, le due “graziate” da Putin dopo una lunga e dura detenzione nelle galere russe.
“Madonna, liberaci da Putin” è il titolo del libro ma è anche una preghiera, quindi niente a che vedere con la cantante americana……
Questo testo racconta per la prima volta un fenomeno come quello delle Pussy Riot dalla loro nascita a sino al momento di andare in stampa. Da allora molto altro è successo. Così leggere gli eventi alla luce di quanto raccontato nel libro permette una visione diversa e più puntuale dei fatti.
Proprio Madonna ha provocato una frattura all’interno del collettivo. Ad inizio Febbraio 2014 le due “ex galeotte” sono state ospitate al concerto ‘Bringing human rights home’, organizzato da Amnesty International al Barclays Center di New York. Presentate sul palco da Madonna, le due musiciste e attiviste russe non si sono esibite, scegliendo di parlare della loro lotta per il rispetto dei diritti umani. Questo intervento ha provocato, all’interno del collettivo, una serie di discussioni, frizioni e polemiche che sono cronaca di questi giorni.

“Madonna, liberaci da Putin – Le Pussy Riot scuotono la Russia – (e non solo)” analizza il fenomeno ed il grande fermento che ruota intorno a queste bad girls, lo fa anche attraverso l’esclusiva traduzione dei testi a cura di un madrelingua russo per la prima volta riportati nella nostra lingua.
Quello delle Pussy Riot é un fenomeno da conoscere per poter capire sino in fondo la loro protesta, il loro impegno ed iniziare ad approfondire quello che sta diventando un fenomeno politico e di costume più ancora che musicale e che sta strappando, a livello internazionale, un velo sulla gestione politica ed umanitaria Russia.
(da VoloLibero)


*°* °*° *°* °*° *°*



AUTORE

Andrea Vania

L’autore, per sua precisa volontà, rimarrà nel più completo anonimato, e ha scelto il suo pseudonimo Andrea Vania unendo nomi che possono essere sia maschili che femminili, in un giocare con gli stereotipi di genere che anche le Pussy Riot apprezzerebbero.
(da vololiberoedizioni)


COLLBORAZIONI

Daniele Paletta

Daniele Paletta (1980) ha sempre pensato di aver bisogno solo di musica e di storie interessanti da raccontare. A volte crede ancora che sia così. Dopo una laurea con una tesi sul femminismo nel rock americano degli anni novanta collabora con “Alias” de “Il Manifesto” e con altre testate, prima di iniziare a lavorare come booking agent per diversi musicisti italiani e stranieri. Dopo pochi anni, torna a fare il giornalista e ne guadagna in salute. Sfoga la passione per la musica curando e conducendo Rivoluzioni, il suo programma di bizzarre e inconsuete orbite sonore su Radio Rumore. Vive a Bologna, e scrive per un periodico di economia e cultura. “Stelle deboli” è il suo primo libro.
(da vololiberoedizioni)


Claudio Fucci

Claudio Fucci viene da lontano. Da un tempo magico dove la musica, la passione e l’amore venivano coniugate con la giovinezza e la rivoluzione. Periodo Beat, canti popolari, canzoni di “protesta”, poi il folk progressivo, il rock e mille contaminazioni. Innumerevoli feste, festival e concerti stringendo una bella collaborazione con Re Nudo e Andrea Valcarenghi (Festival Pop di Re Nudo di Alpi del Vice Re e del Parco Lambro, Feste al Pierlombardo…).

Aprì lo storico Festival del Parco Lambro. Maurizio Salvatori e Angelo Carrara lo inseriscono nella appena nata Trident Record. Con Eugenio Finardi come produttore, nel 1974 esce “Claudio Fucci” per la Trident Records. Ancora Festival, concerti un tour con Battiato, tre tour come “guest star” per i Pooh, quando inaugurarono l’idea di fare concerti in teatro. Si unisce al gruppo prog Le Mani per il quale scrive i testi e canta. Poi si dedica al teatro, al cinema, all’intrattenimento scrivendo anche spettacoli e colonne sonore.

Nel 2004 la BTF, dopo 30 anni, ristampa il disco della Trident. A maggio del 2006 esce “Synkretiko” (BTF), il suo nuovo lavoro, seguito a giugno da “Le Mani” (AMS-BTF), il CD dei lavori realizzati col gruppo omonimo e con il suo grande amico Dario Piana. Crea Vololibero Edizioni e… ma questa è un’altra storia. (da vololiberoedizioni)


Mikhail Amosov

Musicista, autore di testi, insegnante di Russo e traduttore. La sua presenza tra i curatori ha reso possibile la traduzione dei testi in lingua originale, nonchè riferimenti al costume e alla storia estremamente accurati.
(dal Libro, scusate ma in rete non ho trovato niente)

*°* °*° *°* °*° *°*



SITO PUSSY RIOT


pussy-riot.livejournal.com
Dalle prime notizie fino all'8 marzo 2012 sono i repost delle loro "esibizioni" e delle spiegazioni....ma poi la musica cambia e sembra diventato qualcosa di......boh, ha l'aria molto commerciale!

Le Pussy Riot hanno cambiato "volto", niente più Nadja e Marsha (e neanche Katjia, già nascosta da tempo dopo la sentenza che l'ha scagionata);
a leggere il post del 6 febbraio 2014 (dopo quel lungo silenzio e ad un mesetto dalla liberazione di Nadja e Marsha) si capisce bene che a prendere l'eredità ci sono altre, e che, nonostante siano felici della liberazione delle loro 'compagne', sono ancora irritate dalle distanze che hanno preso con loro.

"Siamo molto liete del rilascio di Masha e Nadi. Siamo orgogliose della loro resistenza alle dure prove che cadevano a loro sorte, la loro determinazione a tutto ciò che era di continuare la lotta iniziata da loro durante il loro soggiorno nelle colonie.

Purtroppo per noi, sono così state portate via dai problemi nelle carceri russe che hanno completamente dimenticato le aspirazioni e gli ideali del nostro gruppo: il femminismo, la resistenza separatista, la lotta contro l'autoritarismo e un culto della personalità, a causa della quale, di fatto, hanno ricevuto la loro punizione ingiusta.
Già non è un segreto che Maria e Nadia lasciato il gruppo, e non saranno più impegnati azionismo. Ora sono impegnati in un nuovo progetto. Ora si proteggono i diritti dei prigionieri."

[....]
"Al momento, stiamo assistendo a un conflitto di scandaloso per noi:
da un lato, a Nadia e Masha è ora focalizzato grande attenzione ai media e della comunità internazionale, nelle loro conferenze stampa si riuniscono una folla di giornalisti, persone ascolteranno ogni parola, ma finora, in modo che nessuno può sentirli.

In quasi tutte le interviste ripetono quello che hanno ottenuto fuori dal gruppo, che rappresentano non più Pussy Riot, ma agiscono per loro conto personalmente che non potranno più svolgere attività artistiche, etc. Tuttavia, i titoli dei giornali sono ancora pieni di nome della band, tutte le loro apparizioni in pubblico, come un discorso che annunciava Pussy Riot, e la loro applicazione per il ritiro viene trattata come la cessazione di tutto il gruppo Pussy Riot, ignorando il fatto che sul pulpito e solea non erano due, ma cinque donne Balaklava e sul Calvario nostro membro aveva otto anni."

Poi si lanciano contro il fatto che sfruttino le Pussy Riot per guadagnare soldi, mostrando le loro icone come manifesti prima dei comizi o altro, nonostante si siano dissociate dal movimento.

" Tutto questo è molto in contrasto con i principi del gruppo Pussy Riot:
Noi - personale separatista delle donne, in modo da un uomo non possiamo rappresentarlo sul manifesto o nella vita reale;
ci atteniamo alla ideologia della sinistra anticapitalista e quindi mai prendere i soldi per il punto di vista delle sue opere, tutte le clip sono gratuitamente su Internet, e le prestazioni del pubblico sono sempre persone a caso, e ancora di più, non abbiamo mai vendere i biglietti per il loro "show".
Solo esibizioni illegali in modo inaspettato, non destinati per questo i luoghi pubblici, e diffondere i clip - in fonti pubbliche aperte.
Siamo anonimo perché siamo contro il culto della personalità contro la gerarchia della emergente anche sulla base di dati esterni, l'età e altre caratteristiche sociali. Copriamo i loro volti, perché siamo contro l'uso del volto di una donna come un marchio per la promozione di tutti i beni e servizi."


Tutto questo ben già detto anche dalle due ragazze che hanno già lottato in precedenza per evitare che il marchio "Pussy Riot" venga depositato.
Ma forse la memoria è corta e i riflettori puntati solo sulle due arrestate ingiustamente, fa rodere un pò chi rimane nell'ombra (ma da quanto davvero sono lì dietro al movimento?!?)
La fama è una brutta bestia, ma l'uso che ne stanno facendo Nadja e Marsha per attirare l'attenzione sulle sofferenze, lottare per queste e cambiarle, mi pare un'ottima scelta.....nonostante ciò che pensino queste "New Pussy Riot".

[Tutto quello tra virgolette è preso da post e tradotto con Google...non è il meglio, ma così si ha un idea di cosa c'è scritto....ovviamente non ho riportato l'intero brano]


*°* °*° *°* °*° *°*



OPINIONE


Prima di tutto un enorme grazie a VoloLiberoEdizioni, che mi ha permesso di leggerlo!

Mi era stato consigliato da Daniele Paletta, lo stesso autore di Stelle Deboli che ho letto, amato e recensito; ma ho dovuto aspettare prima di poterlo leggere....e finalmente, ora che l'ho fatto, posso dire....WOOOW!

[.....]

Ma vediamo questo libro: scritto a più mani, racconta dall'inizio la vicenda, senza mettersi da una parte o dall'altra, ma puramente osservando i fatti e riportandoli (il chè è del tutto favorevole alle Pussy, nonostante questo), mesconando le loro apparizioni con i testi delle loro canzoni, per permettere al lettore di capire meglio fin dall'inizio tutta la storia.

Rabbia ed indignazione sono solo poche emozioni che mi son salite fino in gola nel leggere tutto ciò che hanno dovuto passare in un paese che non credevo fosse così arretrato, maschilista, sessista, omofobo, razzista, ....... e la lista continua.

[......]


Performance e canzoni

Il libro apre le canzioni con "Uccidi il Sessista!", credo la loro prima opera, ma mai messa in scena in pubblico:


Canzone nata poichè, nonostante in teoria ci siano stati progressi sul ruolo della donna, viene ancora vista come incompleta senza un uomo e dei figli a cui badare: deve sposarsi e avere figli. Punto. Questo è il suo ruolo. Anche la legge retrocede, togliendo alle donne molta libertà riguardo l'aborto. Ma non solo quello. E donne come le Pussy Riot a questo gioco non ci stanno.

"[...]Non c'è mai libertà in prigione" (ovvero la famiglia, dove la donna è quasi schiava)
Una vita d'inferno, il dominio degli uomini
Esci fuori, libera le donne!
[...]
Vomitate, sputate, ubriacatevi, cagate
Mentre noi saremo lesbiche con piacere!
[...] Diventa femminista!
Pace al mondo, morte agli uomini
[...] Uccidi il sessista, lava via il suo sangue! "



Il 6 novembre appare "Libera il Lastricato", la loro prima esibizione pubblica e il primo post sul loro sito, che ne spiegherà il motivo e in cui verrà riportato oltre il video, le fotografie


"Nelle aule scolastiche stipano gli elettori
Nelle aule afose le cabine imputridiscono
Odore di sudore e puzza di controllo
I pavimenti sono spazzati, la stabilità è servita [....]"

(un riferimento alle elezioni incombenti e ai brogli di Putin)


Il 30 novembre si esibiscono nelle vie della Moda di Mosca con Kropotkin-Vodka



Il 14 dicembre si esibiscono sul tetto di un carcere con "Morte alla Galera, Libertà di Protesta!"


"[...]La volontà di essere forti, senza capi di merda
Le azioni dirette sono il futuro dell'umanità
Lgbt, femministe, difendete la patria!
Morte alla galera, libertà di protesta!

Costringi gli sbirri a servire la libertà
Le proteste portano il sereno
Prendi la piazza, organizza un'occupazione!
Togli i mitra a tutti gli sbirri!
[...]Aprite le porte, strappate le mostrine,
Respirate con noi il profumo della libertà"



Il 20 gennaio 2012, alla Piazza Rossa di Mosca, cantano "Putin si è cagato addosso"


"[....] Il regime sta andando verso la censura del sogno,
E' arriato il tempo della battaglia sovversiva.
Un branco di carosne del regime sessista
Chiede perdono alla lama femminista[....]"



Per arrivare al 21 febbraio 2012 quando, dentro la Cattedrale del Cristo Salvatore di Mosca cantano "Madonna Liberaci Da Putin", che costò a due di loro la condanna in carcere:


"[...]L'illusione di libertà sta nel cielo [...]

Per non offendere il Santissimo
Le donne devono partorire ed amare. [...]
Maria Vergine diventa femminista [...]"


[I Testi delle canzoni, anche se sono alcuni pezzi, sono presi e copiati dal Libro]





Processate....dalla chiesa

Eh si, perchè nonostante tutto, il motivo che hanno trovato per improgionarle è stato il fatto di essersi esibite in chiesa e che quindi ciò ha offeso i credenti.

La messa in scena ha inizio!
[.....] OPINIONE COMPLETA SU CIAO.IT





*°* °*° *°* °*° *°*

DOVE COMPRARLO

Su VoloLibero:
Copertina Flessibile: 12,75€
Ebook: 7,49€

Su Amazon:
Copertina Flessibile: 12,75€
Kindle: 7,49€

Su Mondadori:
Copertina Flessibile: 12,75€
Kobo: 7,49€

Su Feltrinelli:
Copertina Flessibile: 12,75€
Ebook: 7,49€

Su IBS:
Copertina Flessibile: 12,75€
Ebook: 7,49€


Opinione "L'Uomo Illustrato" di Ray Bradbury


(L'Uomo Illustrato, 2005)


Titolo: L'Uomo Illustrato
Autore: Ray Bradbury
Pubblicazione: 1 gennaio 2005
Pagine: 239
Editore: Fanucci



*°* °*° *°* °*° *°*

TRAMA

L'uomo illustrato è in continuo movimento, e gli arcani disegni che ne ornano il corpo narrano storie inimmaginabili: vicende di amore e gioia, disperazione e morte, ambientate agli albori dell'umanità, nel suo radioso passato e nel suo futuro decadente e tormentato: diciotto storie in cui magia e verità si fondono in un caleidoscopico, meraviglioso arazzo intessuto dall'immaginazione senza pari di Ray Bradbury. Riccorendo a un'ingegnosa invenzione narrativa che apre e chiude il libro, Bradbury racconta del suo incontro con l'uomo illustrato, un vagabondo il cui corpo costellato di tatuaggi è un vero e proprio dipinto vivente. Le figure vi prendono vita come per magia, rivelando la propria storia allo sconcertato ascoltatore.

*°* °*° *°* °*° *°*

CURIOSITA'

• Un adattamento cinematografico di alcuni dei racconti di Bradbury è stato diretto nel 1969 da Jack Smight e interpretato da Rod Steiger e Claire Bloom, con una colonna sonora del compositore specializzato Jerry Goldsmith.
• La canzone Rocket Man di Elton John e Bernie Taupin è ispirata all'omonimo racconto di questa raccolta.
• La canzone The Veldt di Deadmau5 è ispirata all'omonimo racconto di questa raccolta e dedicata a Bradbury; il video musicale, uscito dopo la sua morte, ne illustra la storia.
• L'Uomo Illustrato è uno dei protagonisti di un successivo romanzo di Bradbury, Something Witcked This Way Comes, pubblicato in Italia nel 1978 con il titolo Il popolo dell'autunno.



*°* °*° *°* °*° *°*

RACCONTI


Ebbene si, perchè "l'Uomo Illustrato", uscito anche con il titolo "Il Gioco Dei Pianeti", ma poi cambiato per restare fedele all'originale "The illustrated Man", poi non è proprio un romanzo, è un insieme di racconti con a sfondo questo Uomo Illustrato che fa da collante, mediante la propria pelle.....
Purtroppo nelle varie edizioni non tutti i racconti sono stati pubblicati, cosa che detesto!
Perchè non tradurlo tutto?!?!? O mettere e/o togliere certi racconti???
[grrrrrrrrrrrrr]

Nella versione che ho letto io ci sono 13 racconti, mentre in quella completa originale ce ne sono 18.


Elenco:

• La savana (The Veldt) - presente nelle edizioni in italiano dal 1995
• Caleidoscopio (Kaleidoscope, 1949) - presente in italiano dal 1995
• A parti invertite (The Other Foot, 1951) - presente in italiano dal 1995
• L'altropiede (The Other Foot, 1951) - presente in italiano fino al 1969
• L'autostrada (The Highway, 1950)
• L'uomo (The Man, 1949)
• Le sfere di fuoco (The Fire Balloons) - presente in italiano fino al 1969
• La lunga pioggia (Death-by-Rain, 1950) - presente in italiano dal 1995
• L'astronauta (The Rocket Man, 1951) - presente in italiano solo nell'edizione del 1995
• Usher II (Usher II) - presente in italiano dal 1995
• L'ultima notte del mondo (The Last Night of the World, 1951)
• Il razzo (Outcast of the Stars, 1950)
• Gli esuli (The Exiles, 1950) - presente in italiano fino al 1969
• Verso il nulla (No Particular Night or Morning), tradotto come Una notte o un mattino qualunque dal 1995
• La volpe e la foresta (The Fox and the Forest)
• Il visitatore (The Visitor, 1948)
• La betoniera (The Concrete Mixer, 1949) - presente in italiano fino al 1969
• Marionette Inc. (Marionettes, Inc., 1949), tradotto come Marionette S.p.A. dal 1995
• La città (The City)
• Ora Zero (Zero Hour, 1947) - presente in italiano dal 1995
• Il parco giochi (Playground, 1953) - presente in italiano dal 1995
(lista da Wikipedia)

[.....]

Alla mia lettura, paragonando le due "scalette" di racconti, manca:
A parti invertite, Le sfere di fuoco, L'astronauta, Usher II, Il parco giochi
Che da lettrice "puntigliosa" (e rompiballe) quale sono, mi irrita parecchio....

Ma già solo trovare questo libro è difficile, cercherò di rintracciare questi racconti, ma la vedo davvero dura....



*°* °*° *°* °*° *°*



FILM

Dettagli:
Attori: Rod Steiger, Claire Bloom, Robert Drivas, Don Dubbins, Jason Evers
Regista: Jack Smight
Formato: DVD, PAL, Schermo panoramico
Audio: Italiano (Dolby Digital 2.0), Inglese (Dolby Digital 2.0)
Lingua: Italiano, Inglese
Sottotitoli: Italiano
Regione: Regione 2 (Ulteriori informazioni su Formati DVD.)
Formato immagine: 2.35:1
Numero di dischi: 1
Studio: Sinister Film
Data versione DVD: 24 giu. 2014
Durata: 103 minuti


"The Illustrated Man è un film di fantascienza del 1969, diretto da Jack Smight e con Rod Steiger. La sceneggiatura di Howard B. Kreitsek si basa su tre racconti brevi contenuti nella collezione Il gioco dei pianeti di Ray Bradbury: "The Veldt", "The Long Rain" e "The Last Night of the World". "

Trama:

Ambientato in America, il film affronta tre storie di Bradbury narrate nel futuro, con Steiger che racconta le origini dei tatuaggi che ha sul corpo. La trama si divide quindi in tre episodi: la realtà alternativa (The Veldt), un misterioso pianeta (The Long Rain) e la fine del mondo (The Last Night of the World). Con la compagnia di un cane, Steiger racconta le proprie avventure a dei passanti, spiegando che la storia dell'"uomo illustrato" è iniziata con l'incontro di una donna dai poteri magici chiamata Felicia.

La scelta di fare interpretare a Steiger oltre all'uomo illustrustato anche i personaggi di ciascuna storia dovrebbe sottolineare una ideale e fisica continuità nella figura del "perdente", ma la poco ispirata regia di Smight finisce con l'appiattirne il significato evidenziandone soltanto l'aspetto meccanico e ripetitivo della finzione. (da http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=26715)

Ovviamente, già leggendone alcuni estratti della trama e vedendo i trailer, hanno modificato i racconti....ma resto un pò curiosa di vedere questo film, anche se non smanio, viste queste differenze.


Trailer:



Il film è uscito anche in Italiano (infatti si può trovare il DVD), ma di trailer non ne ho trovati....


*°* °*° *°* °*° *°*



AUTORE

Ray Douglas Bradbury (1920 – 2012) è stato uno scrittore statunitense, innovatore del genere fantascientifico; nella sua carriera è stato anche sceneggiatore cinematografico.
[....] Nel 1934, durante la Grande depressione, a causa della quale il padre rimase disoccupato, si trasferì con la propria famiglia in California, dove scoprì il mondo della fantascienza, tanto da iniziare a scrivere alcuni racconti sulle riviste del settore. Tra le sue prime opere si contano anche dei racconti polizieschi e noir.

Nel 1950 raccolse in un unico volume le sue Cronache marziane, che ottennero un vasto successo internazionale non ancora intaccato dal passare degli anni.
L'anno successivo seguì il romanzo breve Gli anni del rogo (The Fireman) sulla rivista Galaxy Science Fiction, espanso nel 1953 nel capolavoro per cui è maggiormente ricordato, Fahrenheit 451, una sorta di elogio alla lettura ambientato in una società distopica, da cui fu tratto un film omonimo di successo diretto da François Truffaut.

Negli anni successivi Bradbury intraprese la carriera di sceneggiatore cinematografico [.....] Negli ultimi anni della sua vita si dimostrò sfavorevole ai libri in formato elettronico, tanto da impedire che le proprie opere venissero pubblicate in forma digitale.
Solo nel 2011 ha consentito di pubblicare in formato elettronico il suo romanzo di maggior successo, Fahrenheit 451, sostenendo comunque di preferire il formato cartaceo.

Il 5 giugno 2012, all'età di 91 anni, è morto a Los Angeles, nella villa dove si era ritirato.
Nel 2006 è stato insignito del titolo di duca di Diente de León dal sovrano del Regno di Redonda.

Il 22 agosto 2012 gli scienziati della NASA coinvolti nel progetto Mars Science Laboratory hanno dato il nome di Bradbury Landing all'area dell'atterraggio su Marte del rover Curiosity, avvenuto il 6 agosto 2012.


Per maggliri informazioni sulle sue opere, andate sulla pagina:
http://it.wikipedia.org/wiki/Ray_Bradbury
(dalla quale ho presto queste informazioni)



*°* °*° *°* °*° *°*

(L'Uomo Illustrato, 1951)

OPINIONE


La storia parte con una nota introduttiva lunga e che, sinceramente, salto sempre in ogni romanzo in cui capita perchè le trovo....beh, irritanti e un pò inutili! Voglio leggere il libro, non un pensiero di qualcuno riguardo l'opera e/o l'autore....
[....]
Le storie sono straordinarie: tutte originali e, alcune più, alcune meno, coinvolgono il lettore e lo fanno sentire anche a disagio, perchè son situazioni che potrebbero capitare anche a noi, per quanto riguarda la nostra natura, so benissimo che per i viaggi spaziali (molto spesso base delle trame) siamo mooolto lontani. La natura umana è la protagonista, nonostante tutto il contorno, sopratutto i nostri lati peggiori; per cui, non sono storie vivaci, ma sempre cupe e inquietanti, a volte.

La maestria nel darci così tante storie, così diverse e così affascinanti (a modo loro) è molto rara. Ammetto che è il primo libro di Bradbury che leggo, ma ciò mi incoraggia ad andare avanti e scoprire altro riguardo l'autore e le sue opere....... ...Opinione completa su Ciao.it


giovedì 21 maggio 2015

Opinione "La Chiave Bianca" di Erica Stori



Titolo: La Chiave Bianca
Autore: Erica Stori
Pagine: 146
Pubblicazione: gennaio 2015
Editore: Youcanprint


TRAMA


La chiave bianca è un romanzo di formazione, un'avventura sia fisica che spirituale. È la fotografia del modo di vivere di una ragazza, che pur abitando in un ambiente rurale, dove sembra non esserci speranza, corre attraverso le linee della propria personalità per conoscere se stessa. Eva è una giovane donna impegnata a cercare il vero in ogni cosa. Vive in un piccolo paese della campagna mantovana, dove fra passeggiate lungo gli argini e tenute agricole, è protagonista di un fatto straordinario: trova, o meglio le viene consegnata la chiave bianca. Un oggetto misterioso che la obbligherà, insieme ad alcuni amici,a compiere un viaggio incredibile. Inizia così un'esperienza difficile, quasi insostenibile, che condurrà Eva e il lettore verso la Verità.



AUTRICE


Erica Stori ama descriversi come una persona che ha sacrificato ogni cosa per dedicarsi alla scrittura. Una scrittrice che continuamente si mette in discussione, come su un filo sospeso perennemente nel vuoto. Ex presidente dell’associazione “Rock inside for human rights” nel cui comitato d’onore compaiono i due Premi Nobel per la Pace Betty Williams e Lech Walesa, è stata assistente letteraria di Vittorio Sgarbi. “La chiave bianca” è il suo romanzo d’esordio.




OPINIONE


Questo romanzo mi è stato donato dall'autrice per poterlo leggere e darle un'opinione sincera e personale;
odio dover dare valutazioni negative, ma credo che certe critiche, se sono costuttive, sono molto utili a chi scrive per poter migliorare e magari riuscire a tirar fuori qualcosa di ancora migliore da dentro di sè.
Con questa piccola premessa non voglio dire che il romanzo non mi è piaciuto, anzi!
E' veloce da leggere, scritto molto bene, la storia è originale....ma....eh, purtroppo ci sono alcuni 'ma' che non voglio tenermi solo per me......Opinione completa su Ciao.it




Per il romanzo
su Amazon:
Copertina Flessibile: 10,50€
Kindle: 0,99€
su Mondadori:
Copertina Flessibile: 9,35€
Kobo: 0,99€
su Feltrinelli:
Copertina Flessibile: 9,35€
Ebook: 0,99€
su youcanprint:
Copertina Flessibile: 11€
Ebook: 0,99€
su IBS:
Copertina Flessibile: 9,35€

mercoledì 20 maggio 2015

Opinione "The Heir" (serie The Selection 4) di Kiera Cass



Titolo: The Heir (The Selection 4)
Autore: Kiera Cass
Pubblicazione: 5 Maggio 2015
Pagine: 324
Editore: Sperling & Kupfer



*°* °*° *°* °*° *°*

TRAMA

Sono passati vent'anni da quando America Singer ha partecipato alla Selezione e conquistato il cuore del principe Maxon. Ora, nel regno di Illéa, è tempo di dare inizio a una nuova competizione. Il Paese infatti è in diffi coltà: il popolo è inquieto e infelice, la tensione cresce ogni giorno e la situazione è sempre più precaria. Solo una Selezione potrebbe risollevare gli animi dei sudditi e alleggerire l'atmosfera. E questa volta toccherà alla futura erede al trono, Eadlyn, scegliere tra i trentacinque pretendenti arrivati a Palazzo. Il re e la regina però non hanno fatto i conti con il carattere indipendente e determinato della giovane principessa, che non ha alcuna intenzione di assecondare questa farsa e lasciare decidere agli altri della sua vita. L'idea che la Selezione possa regalarle la stessa favola d'amore dei suoi genitori non la sfi ora nemmeno. Ma scoprirà presto che il suo lieto fine non è poi così impossibile come aveva pensato…

In contemporanea con gli Stati Uniti, arriva in Italia il quarto, attesissimo romanzo di una delle serie YA più amate e di successo degli ultimi anni: pubblicata in 32 Paesi, bestseller n°1 del New York Times e nella Top 10 dei libri più venduti in Francia, Germania e Brasile, con oltre 2 milioni e mezzo di copie nel mondo.

*°* °*° *°* °*° *°*

SERIE TELEVISIVA

Nel 2012 CW compra i diritti della serie per farne una serie televisiva con Aimee Teegarden come protagonista. Il 30 marzo, a Budapest, si concludono le riprese dell’episodio pilota. CW fa un altro episodio pilota con Yael Grobglas come America e Michael Malarky come Maxon, ma neanche questo conquista il network.


*°* °*° *°* °*° *°*

FILM


(dal sito dell'autrice, testo originale completo: http://www.kieracass.com/news/2015/4/22/warner-brothers-has-purchased-the-film-rights-for-the-select.html
tradotto alla buona e non riportato tutto
Notizia del 22 Aprile 2015)

"Warner Brothers ha acquistato i diritti cinematografici per la selezione!

L'annuncio è stato appena fatto!
Ecco la parola ufficiale via Deadline.com:
"Warner Bros ha vinto diritti cinematografici del bestseller globale "La Selezione" di Kiera Cass, la prima di una serie di romanzi di cinque [....] e sarà Katie Lovejoy ad adattarlo.
Il libro ha venduto 3,5 milioni di copie in tutto il mondo, e gli altri due volumi sono stati pubblicati.
HarperTeen appena fatto un contratto di altri due libri per continuare la serie, che viene pubblicata in 32 lingue.
Descritto come The Hunger Games, senza spargimento di sangue, segue 35 ragazze svantaggiate che sono state scelte per competere per poter vivere una vita di lusso. Il protagonista, America Singer, 'è dolce con un giovane del suo quartiere' (scusate ma non so tradurre meglio "is sweet on a young man from her district"), ma quando lei è esposta all'opulenza di una vita reale, è in conflitto, anche se una rivolta dei ribelli li minaccia.

Quindiiiii, quali sono i tuoi pensieri su un possibile film su "la selezione"?
Sono sicura che ci saranno un sacco di domande, e io cercherò di rispondere al più presto!
Grazie per il vostro sostegno, tutti voi!



*°* °*° *°* °*° *°*



AUTRICE

"Kiera Cass si è laureata alla Radford University e vive a Blacksburg, Virginia, con la famiglia. In tutta la sua vita ha baciato più o meno quattordici ragazzi: sfortunatamente, nessuno di loro era un principe."
(presentazione pubblicata sui libri)

"Kiera Cass, classe 1981, americana, nata da padre portoricano, moglie e madre di due figli, reduce, proprio in questi giorni - leggiamo su Twitter - da un evento potenzialmente tragico (il padre, il 4 settembre, ha avuto un attacco di cuore; ora sta bene), è una scrittrice di narrativa young adult fantastico-romantica.

La Cass ha esordito nel 2009 col romanzo autopubblicato The Siren.
Quasi immediatamente successiva è la ricerca di un agente e la presentazione del suo nuovo libro, The Selection, ad HarperTeen, che l'ha pubblicato nel 2012.
Da quel momento l'autrice è diventata una top seller, tradotta in una trentina di paesi, e la sua trilogia un grande successo (ne stava per essere tratta anche una serie tv CW, ma il progetto era stato accantonato due volte, preferendogli, infine, la storica The Reign). "
(da http://www.booksblog.it/post/113698/the-one-di-kiera-cass)

"Sono laureata alla Radford University con una B.S. nella storia.
Sono cresciuta in South Carolina e attualmente vivo a Christiansburg, Virginia con mio marito ingegnere elettronico, figlio auto-ossessionato, e una figlia amante delle principesse.
Sono un #1 del New York Times bestseller, woohoo!
Sono anche un cliente importante al mio negozio di Cupcake.

Cose che odio:
Quando le persone non riescono a utilizzare indicatori di direzione, volare, insalate.

Cose che amo:
Forniture per ufficio, boy band, dolci."
(tradotto alla buona dal sito ufficiale dell'autrice:
http://www.kieracass.com/about/)


*°* °*° *°* °*° *°*


OPINIONE

Un altro bel libro che mi ha regalato un piacevole diversivo, leggero ed estramemente scorrevole (e scritto molto bene, aggiungo) , racconta le vicende di Eadlyn, figlia di America e Maxon, vent'anni dopo la fine della Selezione che li ha visti sposarsi. Viziata, testarda e prima donna ad aspirare al trono, si trova a dover affrontare una Selezione questa volta tutta al maschile per distrarre il popolo che sta entrando in rivolta, a causa delle caste abolite anni prima ed i problemi che stanno rinascendo pe colpa di questa vecchia, ma mai dimenticata, divisione della popolazione.
Eadlyn, costretta a ciò, obbedisce solo per amore dei genitori, concedendo un periodo di "grazia" dove sopporterà questa per lei messa in scena, per dare tempo al padre di riprendere fiato e trovare una soluzione a questi problemi così inaspettati; ma non vuole rinunciare alla sua indipendenza e obbligarsi a scegliere marito, quindi per lei la decisione finale è già scontata.
Ma non ha fatto i conti con ciò che significa far parte di questo evento e avere a che fare con 35 ragazzi, ciò le cambierà il modo di guardare ed affrontare le cose, e, forse, cambierà anche il risultato finale di questa gara......

[...]
Un bel romanzo, scorrevole, veloce da leggere e scritto bene.
Non sono amante dei romance (eh, si, lo sapete già), ma a volte questi mi danno qualche ora di relax e di stacco da altri libri che sono più di mio gusto ma più impegnativi.
Nonostante questo, seguo la serie perchè non è banale, è qualcosa di abbastanza originale e piacevole, che non cade nei soliti cliché.... (ok, alcuni ci sono, ma non sono così scontati e prevedibili come in molti altri romanzi)...Opinione completa su Ciao.it


*°* °*° *°* °*° *°*

DOVE COMPRARLO

Su Amazon:
Copertina Rigida: 15,22€
Kindle: 6,65€

Su Mondadori:
Copertina Rigida: 15,21€
Kobo: 9,99€

Su Feltrinelli:
Copertina Rigida: 15,21€

Ebook: 9,99€

Su IBS:
Copertina Rigida: 15,22€
Ebook: 9,99€


martedì 19 maggio 2015

Consiglio del giorno: "La chiave bianca"



Titolo: La Chiave Bianca
Autore: Erica Stori
Pagine: 146
Pubblicazione: gennaio 2015
Editore: Youcanprint


TRAMA


La chiave bianca è un romanzo di formazione, un'avventura sia fisica che spirituale. È la fotografia del modo di vivere di una ragazza, che pur abitando in un ambiente rurale, dove sembra non esserci speranza, corre attraverso le linee della propria personalità per conoscere se stessa. Eva è una giovane donna impegnata a cercare il vero in ogni cosa. Vive in un piccolo paese della campagna mantovana, dove fra passeggiate lungo gli argini e tenute agricole, è protagonista di un fatto straordinario: trova, o meglio le viene consegnata la chiave bianca. Un oggetto misterioso che la obbligherà, insieme ad alcuni amici,a compiere un viaggio incredibile. Inizia così un'esperienza difficile, quasi insostenibile, che condurrà Eva e il lettore verso la Verità.



AUTRICE


Erica Stori ama descriversi come una persona che ha sacrificato ogni cosa per dedicarsi alla scrittura. Una scrittrice che continuamente si mette in discussione, come su un filo sospeso perennemente nel vuoto. Ex presidente dell’associazione “Rock inside for human rights” nel cui comitato d’onore compaiono i due Premi Nobel per la Pace Betty Williams e Lech Walesa, è stata assistente letteraria di Vittorio Sgarbi. “La chiave bianca” è il suo romanzo d’esordio.




ESTRATTI PIU' BELLI


La ragazza era lì, osservava il fiume dall'alto dell'argine pieno di erba fresca. Nel cuore un miscuglio di sensazioni miti e opache insieme. L'acqua era azzurra nella parte centrale, ma rimaneva scura verso le sponde, dove gli enormi pioppi spandevano la propria ombra. Un impulso improvviso la spinse a scendere verso la spiaggia cosparsa di cespugli selvatici, poco lontano da dove due sere prima era stata la festa. Inspirò l'inconfondibile odore della verità mescolato a quello dei pioppi e dell'acqua. Avvertì, come la sera dell'evento misterioso, un intenso bruciore nel petto, la stessa fitta nella parte sinistra. Il suo occhio del cuore cominciava a rivelarsi.

* ° * ° *


Eva considerò, nell'osservare il volto della madre, che forse era venuto il momento di una tregua: che era ora di liberarsi dalle recriminazioni e dal rancore. Ormai non sapeva neanche più come fosse cominciata quella sua guerra ostinata e perché, ma d'un tratto capì di avere sempre considerato sua madre colpevole dell'assenza del padre, di non averle neanche mai parlato di lui. Capì d'un tratto quanto fosse abietta la sua accusa; vide con improvvisa chiarezza tutto il dolore creato dalla sua voglia di distruggere, di assoggettare, di dominare. Si sentì invadere da una serenità mai provata, e ricambiò il sorriso della madre. Bevve il caffè e, una volta sistemati i piatti nella lavastoviglie, l'abbracciò. Elena, abituata alla freddezza ipercritica e crudele della figlia, rimase dapprima immobile come un baccalà e poi ricambiò l'abbraccio, un po' goffamente.
Più tardi, nella quiete della sua camera, Eva osservava dalla finestra aperta i grandi pioppi e le fronde appena agitate da un vento leggero; le stelle che sparivano e riapparivano col moto lento di poche nuvole, il buio fondo e brillante di un cielo per nulla minaccioso. Sprofondò lentamente in quella quiete e quando si addormentò era svanita in lei, con ogni tensione e pensiero, anche la malinconia che sempre l'accompagnava. Una nuova convinzione l'avrebbe guidata d'ora in poi: esiste una via, semplice e diritta, per essere felici.

* ° * ° *


—Magari lʹosso non è davvero umano, voglio dire del nostro mondo.
Può essere qualcosa di più. Ci manca un tassello e quando manca un tassello e non si riesce a spiegare qualcosa, può darsi che quel qualcosa sia più grande delle nostre little minds...
—Beh, facile a dirsi — lʹinterruppe a sua volta Francesco.
— E poi sentite questa, secondo me quel coso deve anche avere poteri allucinogeni, oltre la stranezza dello stato termico. Stavo scrivendo i dati dei test quando la temperatura nella stanza, appunto, è salita di colpo, un caldo da pazzi, guardo il ventilatore che sʹera bloccato, e vedo tra le pale il muso del mio povero cane! —
—E’ una magia di quel mostriciattolo verde…— disse Eva, subito bloccata da Brando con un calcetto sullo stinco.
—Che cosa? — sʹincuriosì Francesco.
—Devʹessere, come hai detto tu, unʹallucinazione ... non lo so. Ma dobbiamo andare, adesso — farfugliò Eva.
— Sì, andiamo adesso — le fece eco Brando.
—Prendete su il vostro osso. — li salutò Francesco, porgendo a Brando il pacchetto col misterioso contenuto.
—Grazie, Francesco. Sei stato grande. Non parlarne a nessuno, mi raccomando. In qualche modo il mistero si risolverà.
—O magari non è un mistero, solo un banale errore. E finisce tutto in niente — aggiunse Francesco per tranquillizzare lʹamico mentre uscivano dal laboratorio.





DICONO DEL ROMANZO


Un romanzo così emozionante che bisognerebbe trarne subito un film!
Michele Mirabella durante la presentazione in Campidoglio.

Trama affascinante e misteriosa. L’originale intreccio narrativo si rivela ben presto un misterioso percorso iniziatico, alla ricerca della verità che sta dietro la mera apparenza. Efficacissimo lo stile narrativo.
Gazzetta di Modena

Una vicenda emozionante, overreale ma al tempo stesso di una perfetta geometria, cosí come si equilibrano visioni apocalittiche e concretezza rurale, "stream of consciousness" e confronti violenti. "Esiste il vero?" é la perentoria domanda delle note di copertina. Beh, per la risposta vi lascio alle belle pagine di "La chiave bianca", convinto di un successo in questo caso immancabile.
Sololibri.net

La chiave bianca è scritto con tale dovizia di particolari che il lettore non potrà giungere alla fine del romanzo senza prima aver affrontato lui stesso il percorso della nuova realtà, insieme ai tre ragazzi. Un libro che raccoglie emozioni, magie, irrealtà che solleticano la fantasia e aiutano al contempo a comprendere l’importanza del vero che ci circonda. Un libro scritto con uno stile giovanile, moderno, adatto ad un pubblico principalmente giovane, ma anche a coloro che credono all’irrealtà per poi scoprire la realtà.
LetterMagazine, rivista culturale online

Questo romanzo è scritto in un modo veramente nuovo. Le avventure che i tre amici (con lo sciamano Don Juan) compiono sono come dei piccoli thriller che portano il lettore a farsi delle reali domande sulla percezione di ciò che ci circonda e a cercare un senso profondo nei giorni che ci sono dati da vivere. E’ un libro che dà una speranza per chi non si rassegna solo all’apparenza delle cose.
Libri.forumcommunity.net

Con questo libro l’autrice ci conduce in un viaggio misterioso. Mentre la prima parte del romanzo scorre via abbastanza velocemente, dalla metà in poi i contenuti si infittiscono a tal punto che è bene evitare ogni interruzione per poterne restare rapiti ed assorti.
i-libri.com

Elegante e profondo, da non perdere!
Iaia Michi - NoW! communication projects
Un romanzo che inaugura una nuova era letteraria, un prisma indefinibile, uno spazio inimmaginabile sotteso tra quotidianità rurale, percorsi fantascientifici e psicologici, il tutto sotto il controllo pungente di una satira tanto contadina quanto elitaria. L’autrice impugna uno stile diretto, estremamente vivace, attraverso dialoghi incisivi e concreti, ci consegna un grande affresco della provincia italiana. Una realtà violentemente chiamata a esporsi a concezioni stravolgenti, assolute, impensabili.
Chris Ferri






Per il romanzo
su Amazon:
Copertina Flessibile: 10,50€
Kindle: 0,99€
su Mondadori:
Copertina Flessibile: 9,35€
Kobo: 0,99€
su Feltrinelli:
Copertina Flessibile: 9,35€
Ebook: 0,99€
su youcanprint:
Copertina Flessibile: 11€
Ebook: 0,99€
su IBS:
Copertina Flessibile: 9,35€


Se volete contattare l'autrice

Il suo sito:
http://www.ericastori.com/chisono.html

Su Facebook:
https://www.facebook.com/lachiavebianca

sabato 16 maggio 2015

Opinione "Il Manuale dello Stagista Killer" di Shane Kuhn



Titolo: Il Manuale dello Stagista Killer
Autore: Shane Kuhn
Pubblicazione: 2 Aprile 2015
Pagine: 343
Editore: TimeCrime

Grazie a Time Crime per la collaborazione e la possibilità di averlo letto ^.^

*°* °*° *°* °*° *°*

TRAMA

John Lago non è un tipo raccomandabile. Eppure, nel suo mestiere è il migliore. Lavora come stagista presso un prestigioso studio legale di Manhattan e passa le sue ottanta ore settimanali portando caffè, rispondendo al telefono e occupandosi di quelle incombenze che per gli altri impiegati sono solo perdite di tempo. Ma non è questa la sua specialità: John Lago è al soldo della Risorse Umane s.r.l., un’agenzia di collocamento che funge da copertura per una rete di killer professionisti da infiltrare nelle aziende. Il loro obiettivo è eliminare i dirigenti corrotti, e a soli venticinque anni John è già uno dei migliori sicari di New York.

Gli stagisti, si sa, sono invisibili, il che garantisce la copertura perfetta per raccogliere informazioni e portare a termine un lavoro pulito. Il compito di John è far fuori uno dei partner dello studio legale, tra gli uomini più inavvicinabili della città, ma le cose si complicano più del previsto. Sulle tracce del suo obiettivo c’è anche Alice, un’altra stagista dello studio, che si dimostrerà essere la rivale più dura – e seducente – che John abbia mai affrontato.

*°* °*° *°* °*° *°*

CURIOSITA'

L’attore Dave Franco con ogni probabilità sarà John Lago nella riproposizione cinematografica prodotta dalla Sony Pictures, film che ha il titolo provvisorio di “The Intern’s Handbook”: i diritti per il progetto, tratto dal romanzo di Shane Kuhn, sono stati appena acquisiti dalla major hollywoodiana con l’intenzione di produrre un franchise, parallelamente a quella che sarà probabilmente una trilogia letteraria.

*°* °*° *°* °*° *°*

DICONO DEL ROMANZO


“Irriverente come un film di Tarantino e teso come un primo piano di Sergio Leone. Un thriller che piacerà agli amanti del cinema.”
Andrew Pyper

“Cupo, spavaldo e davvero entusiasmante.”
John Niven

“Una commedia nera esplosiva e ben scritta. Dialoghi serrati, un protagonista astuto e cinico, rovesciamenti ingegnosi e una buona dose di divertente violenza spaccaossa avvolgono questo pacchetto come un bel nastro.”
Kirkus Reviews

“La più cupa e allo stesso tempo strabordante commedia che possiate immaginare. Un thriller che luccica di humour nero, azioni pirotecniche e colpi di scena che vi lasceranno a bocca aperta.”
Lisa Lutz

“Esattamente il tipo di thriller che amiamo leggere. Nella nostra lista dei preferiti.”
Publishers Weekly

“Un’esperienza letteraria unica.”
Vogue uk

Se volete leggere altre opinioni (di stampo USA), purtroppo non tradotte, sul sito dell'autore: http://www.shanekuhn.com/the-intern-s-handbook.html

*°* °*° *°* °*° *°*



AUTORE

Shane Kuhn è uno scrittore e regista con vent’anni di esperienza; ha collaborato con Fox, Paramount, Sony e Universal, inoltre vanta una sceneggiatura e regia con la Lionsgate. Nel mondo del cinema indipendente, è uno dei quattro fondatori del Slamdance Film Festival e attualmente è membro del comitato esecutivo della Slamdance Inc. Ha incominciato lavorando come traduttore, direttore creativo, regista di video e produttore per diversi importanti marchi pubblicitari. Vive con la moglie e la famiglia tra il Massachusetts, il Colorado, Los Angeles e San Francisco.

Il Manuale dello Stagista Killer (The Intern's Handbook) tecnicamente è il suo primo romanzo, ma un paio di mesi prima è uscito Casual Friday, un prequel molto breve (50 pagine) sempre riguardo John Lago, al suo primo incarico; è in programma un seguito, Hostile Takeover, che uscirà a Giugno (in inglese, in italiano....chissà!)

Il suo sito ufficiale, se volete saperne di più: http://www.shanekuhn.com/index.html

*°* °*° *°* °*° *°*



OPINIONE

Appena iniziato a leggere mi dava quasi l'impressione in alcuni punti di aver a che fare con Palahniuck, per la schiettezza in alcuni passaggi e un pò lo stile, ma (purtroppo) questa è scemata in fretta. Ma ho messo 'purtroppo' solamente perchè è uno dei miei autori preferiti, non perchè questo libro non meriti di essere letto, anzi! Ha uno stile originale e fresco, che fa apprezzare questa storia originale e ben scritta, che coinvolge il lettore, non come una bomba, ma lentamente, facendolo entrare in questo mondo dove tutto può rappresentare una minaccia.

[....] aspetterò il seguito che leggerò, visto che con questo libro mi ha conquistato questo nuovo autore. Un pò esagerando e un pò mescolando la spacconaggine di questo ragazzo, unendo un pò di black humor, la passione smondata per i film e dei combattimenti da film, con qualche perla davvero nuova e fresca come informazioni perticolari e nuove, che rendono il tutto quasi reale e affascinante.....rendono il romanzo piacevole e scorrevole, riuscendo a trappare al lettore qualche sorriso e portandolo a leggere tutto velocemente, visto che quando la trama ti cattura, lo vuoi finire!...Opinione completa su Ciao.it


*°* °*° *°* °*° *°*

DOVE COMPRARLO


Su Time Crime:
Copertina Rigida: 9,90€
Ebook: 4,99€

Su Amazon:
Copertina Rigida: 8,42€
Kindle: 4,99€

Su Mondadori:
Copertina Rigida: 8,41€
Kobo: 4,99€

Su Feltrinelli:
Copertina Rigida: 8,41€

Su IBS:
Copertina Rigida: 8,42€