giovedì 21 settembre 2017

Stamattina è andata online la mia tappa riguardo la bellissima Challange dedicata a Stephen King, e vi ho parlato di "Pet Semetary". Consiglio di andare a sbirciare sul blog e (se non state partecipando!) recuperare le tappe passate, perché chi supererà le varie sfide porterà a casa...........Lo scoprirete solo giocando con noi! 😉 Creata da @clarissa_questionedilibri e sul suo blog trovate anche il regolamento completo. Potete partecipare su Facebook o Instagram 😊 Che aspettate??? 😁 #stephenkingchallenge #PetSematarySKC #PetSematary #leggereègioia #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #instadraw #instabook #book #books #loveread #amorelibri #challange #King #StephenKing #viaggiatricepigra


via IFTTT

Auguri al Re! 💛🎉🎈 #StephenKing #stephenkingsit #King #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Esce Oggi: La Moglie Imperfetta, di B.A.Paris

http://amzn.to/2xKsw27
Cliccando sulla Cover si va su Amazon





Autrice: B.A.Paris
Titolo Originale: The Breakdown
Editore: Casa Editrice Nord
Traduzione: Olivia Crosio
Pagine: 400
Prezzo: 16,90 €
Ebook: 9,99 €








Dopo La coppia perfetta,
il nuovo thriller di un’autrice tradotta in 35 paesi

A chi puoi credere, se non puoi fidarti
neanche di te stessa?

A chiunque ogni tanto capita di non ricordare dove siano le chiavi di casa o dove ha parcheggiato la macchina, o magari di dimenticare un appuntamento con un’amica. Chiunque non farebbe caso a simili sciocchezze. Per Cass Anderson, invece, è diverso. Ogni minimo deragliamento della memoria potrebbe essere un sintomo preciso: demenza precoce, la malattia che ha colpito la madre diversi anni prima. Ecco perché, adesso, Cass sta vivendo un incubo. Una sera di pioggia, tornando a casa, ha superato un’auto ferma sul ciglio della strada. All’interno c’era una donna, ma lei non si è fermata ad aiutarla. Poi la mattina seguente ha scoperto dai telegiornali che quella donna è stata assassinata. Esattamente dove lei l’aveva incrociata. E, subito, ai sensi di colpa si aggiunge l’angoscia di aver visto qualcosa che non avrebbe dovuto vedere. Come spiegare le telefonate mute che ha cominciato a ricevere proprio da quella mattina, se non come una velata minaccia? E perché anche quando è in casa ha così spesso la sensazione di essere osservata? Cass è terrorizzata perché non ricorda nessun dettaglio significativo riguardo quella sera. Purtroppo, però, da qualche giorno non si ricorda nemmeno come funziona la lavatrice, se ha preso o no le sue pillole, se uno dei coltelli in cucina avesse una strana macchia sulla lama, come di sangue… L’unico che potrebbe aiutarla a non impazzire e a capire cosa stia succedendo è suo marito, Matthew, che però le appare ogni giorno più distante e distaccato, quasi fosse il primo a essere certo che non ci sia niente da fare, che la malattia sta prendendo il sopravvento. E anche Cass ormai se ne sta convincendo. Un pomeriggio, però, proprio nel garage di casa fa una scoperta che cambia tutto…

Autrice
B.A. Paris è nata e cresciuta in Inghilterra, ma si è trasferita in Francia per lavorare in una grande banca d'investimento. A un certo punto della sua vita, però, ha deciso di cambiare e di dedicarsi all'insegnamento e alla narrativa. Quindi ha fondato una scuola di lingue e ha iniziato la stesura della Coppia perfetta, il suo romanzo d’esordio, che è stato tradotto in 35 Paesi ed è diventato un caso editoriale da milioni di copie vendute. Vive a Parigi col marito e le cinque figlie.

Stephen King Challenge : Pet Sematary



Giorno a tutti e Benvenuti in questa tappa, in cui vi parlerò di un romanzo del Re che ho adorato, ma prima un piccolo ripassino delle regole perché (eh si!) partecipando e giocando con noi, si può vincere qualcosa....
Creato da Questione di Libri, una sfida davvero incredibile e divertente che ha riunito molti fan (e blogger) di questo straordinario autore.

Ogni blog vi presenterà una sfida fotografica, incentrata sul romanzo trattato in quella tappa, che non sempre sarà così facile da portar a termine, ma con un po' di impegno e un pizzico di passione, potrete fare ogni compito senza troppi problemi.

Ma due regole sono fodamentali:
- Scattare una foto per ognuno dei libri presentati;
non potrete, quindi, partecipare solamente a una o due sfide.
- Aggiungere gli hashtag: #stephenkingchallenge (che sarà uguale per ogni foto) e #titoloSKC (ovviamente, questo, invece, cambierà in base al libro della sfida. Esempio: #PetSematarySKC).

Potrete partecipare sia tramite Facebook che tramite Instagram.

Cosa succede una volta scattata la foto?
Ci sarà una votazione, da parte di ogni blog. Infatti per ogni tappa il blogger che l'ha presentata sceglierà la sua foto preferita, tra quelle scattate.
E tra queste migliori ci sarà poi una sfida finale (tornate su Questione di Libri per i dettagli il 30 settembre)
[Se non avete bene chiara la sfida, andate sul Post di Presentazione]


Titolo: Pet Sematary
Autore: Stephen King
Copertina flessibile: 432 pagine
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pickwick
ISBN-10: 8868361256
In una limpida giornata di fine estate, la famiglia Creed si trasferisce in un tranquillo sobborgo residenziale di una cittadina del Maine. Non lontano dalla loro casa, al centro di una radura, sorge Pet Sematary, il cimitero dei cuccioli, un luogo dove i ragazzi del circondariato, secondo un'antica consuetudine, usano seppellire i propri animaletti. Ma ben presto la serena esistenza dei Creed viene sconvolta da una serie di episodi inquietanti e dall'improvviso ridestarsi di forze oscure e malefiche.


Un libro davvero bello e che mi ha rubato il cuore per i temi trattati.
Come sempre King parte da una situazione assolutamente banale e la trasforma, portando il lettore lungo binari sempre più strani, ma comprensibili.
Il protagonista della storia è Luois Creed, un giovane medico, marito di Rachel e padre di due bambini, Eileen di sei anni e Gage di due anni.
Si trasferisce nella piccola città di Ludlow per lavorare come medico nell'università del Maine lì accanto. Stringe subito amicizia con il vicino ottantenne Jud Crandall, che vede come figura paterna.
Ma sarà un incidente a stringere ancora di più il loro rapporto.
La casa, infatti, costeggia una superstrada molto trafficata ed un giorno il gatto di casa, Church, viene investito e muore. Ma Jud conosce un segreto che potrà risolvere la situazione. Poco distante dalle loro case c'è un piccolo cimitero degli animali e, seguendo un sentiero, si arriva in un punto isolato e antico, che compie magie. Il segreto di quel luogo è stato nascosto tra i bambini di Ludlow e tramandato, insieme alla sua storia, e così decide di fare Jud portando Louis in quel posto con Church, garantendogli che il gatto sarebbe tornato.
Louis è scettico, ma il giorno dopo Church torna davvero a casa. Eppure, non è più il gatto che conoscevano. E' diverso, cambiato nel profondo.
Il dubbio si insinua dentro Louis che cerca spiegazioni a ciò che è successo, ma con difficoltà.
Perseguitato anche da visioni ed incubi che lo mettono in guardia su quel luogo.
Eppure, sarà un'altra tragedia a riportarlo lungo quel sentiero e compiere qualcosa che mai avrebbe pensato di fare e che mai avrebbe dovuto fare.

Una storia di scelte, di disperazione, anche di egoismo, che porta il lettore ad immedesimarsi con il protagonista ed a chiedersi cosa sarebbe disposto a fare se finisse nei suoi panni.
Un romanzo malinconico, dai tratti crudi e forti in certi punti, ma che non cade mai nello splatter facile, mantenendo uno stile narrativo pulito e che, fino all'ultimo, non ti fa staccare dalle pagine.
Non un banale horror, ma qualcosa di più, che scava nelle vite e tira fuori quello che ognuno nasconde dentro; una caratteristica della scrittura di King che si ritrova sempre e lo rende così straordinario.

Inutile dirvi che lo voglio rileggere. E che lo vorrò rileggere ancora, ed ancora...
Credo sia uno di quei romanzi in cui ad ogni lettura mostri sfaccettature diverse, rinfrescando la memoria sulla storia ma anche risvegliando ogni volta quelle sensazioni che si provarono la prima.




La Sfida

In questa tappa dovrete replicare la foto qui accanto, del piccolo attore protagonista della versione cinematografica di Pet Sematary: Gage, ovvero Miko Hughes.
Prendete la vostra copia del libro e cercate di rifarla.
Se non avete il cartaceo potete usare un cellulare oppure un tablet con una cover del romanzo a tutto schermo (oppure una stampa).

Mi raccomando ricordatevi gli hashtag: #stephenkingchallenge e #PetSematarySKC



Tutte le tappe e i blog,
mi raccomando seguiteli tutti e partecipate numerosi!

martedì 19 settembre 2017

Arrivato 😍 Grazie ancora a @ilcoloredeilibri @illibrosullafinestra papersoulbook bookspedia e @longanesi_editore The Store, di James #Patterson #TheStore #JamesPatterson #longanesi #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Presentazione: Armonia finale, di Hendrik R. Rose





Autore: Hendrik R. Rose
Titolo: Armonia finale
ISBN: 9788897823636
Data di pubblicazione: 14 Ottobre 2017
Pagine: 486
Prezzo Cartaceo: 23.00€
Prezzo Ebook: 4.99€
Collana: Tanto è Fantasy







In anteprima a Stranimondi (Milano - 14/15 Ottobre 2017)
La Ponga edizioni presenta un nuovo libro della sua collana
"Tanto è Fantasy" dal titolo "Armonia finale" di Hendrik R. Rose.

Trama
Gli elfi sono tra noi, loro malgrado. In un futuro prossimo e dolorosamente simile al presente, una razza mitica quanto misteriosa è uscita allo scoperto solo per ritrovarsi oppressa vittima del razzismo degli umani. Rinchiusi in quartieri ghetto ai margini della società, gli elfi si ritroveranno sull’orlo dello sterminio totale, uccisi da ciò a cui un tempo erano più legati: la bellezza. Il loro destino è nelle mani di Elhand, riluttante leader di una rivolta sul punto di scoppiare.

Autore
Hendrik R. Rose ha studiato all'Accademia delle Belle Arti prima di diventare stilista e desi- gner di moda e accessori per aziende italiane ed estere. Docente di design di moda in importanti scuole italiane è sempre stata attratta da tutte le forme di comunicazione. Il lavoro l’ha portata a vivere per molti anni lontano dall’Italia e a viaggiare frequentemente in Europa e Oriente, dove trascorre diversi giorni all'anno tra India, Vietnam, Cina e Hong Kong. La passione per la scrittura ė dovuta agli stimoli e alle riflessioni raccolte durante questi viaggi e attraverso i contatti con la gente e le lunghe ore trascorse negli aeroporti, guardando e registrando i modi di fare e di vivere di persone di altre culture.

Estratti
"Ho disobbedito e ne vado fiero. Adesso è l'oscurità che voglio, premerò un tasto come fosse un grilletto, ma il mio orecchio udirà qualcosa di più dolce e lungo di un colpo sparato da una canna di metallo"

"L’uomo da quando ha iniziato a popolare questo pianeta ha sempre saputo di doversi difendere. A volte ha avuto ragione, altre volte no, ma si sa, il diverso spaventa e diventa uno spettro da circoscrivere entro un perimetro dalle mura alte, con porte blindate e la chiave nelle mani dei governi. Così fu costruito il Distretto 50."

lunedì 18 settembre 2017

Sono arrivati, fin troppo in fretta per i miei gusti ❄ Da pantaloncini e canotte a maglioni, in pochissimo tempo. Ora mi infagotto a letto sotto le coperte per farmi calduccio, terrò fuori solo una mano per il Kindle 😁😉 #ColdDays #cold #leggereègioia #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #instadraw #instabook #book #books #loveread #amorelibri #beauty #viaggiatricepigra


via IFTTT

Blogtour: The Stone. La Settima Pietra - Recensione

Ciao a tutti,
oggi tocca a me parlarvi di questo libro pensato per i ragazzi, ma una lettura adatta a tutte le età, e vi spiegherò meglio come mai più avanti.
Iniziamo a vedere la trama:


A Levermoir, una piccola isola al largo della costa irlandese, tutti si conoscono e la vita sembra scorrere uguale a se stessa da sempre. Liam abita con un padre assente, ha perso da poco la madre e sta cercando di rimettere insieme i pezzi della propria vita. Ma il misterioso suicidio del vecchio farista dà l'avvio a una serie di macabri episodi che trasformeranno profondamente l'isola. Sotto il faro a cui si è impiccato il signor Corry, Liam trova una pietra con delle strane incisioni, simile a quella che la madre aveva nascosto nella serra. Quando scopre che le due pietre, se accostate, diventano una cosa sola, condivide lo stupore con i suoi amici di sempre, Midrius e Dotty. Nel frattempo fatti tragici si susseguono senza tregua: morti sospette, incendi, sparizioni, incidenti stradali, e in ogni occasione fa la sua comparsa un frammento di quella pietra che sembra esercitare un oscuro potere sulla mente delle persone. E Liam si chiede quale sia il suo ruolo in questo disegno del destino. Età di lettura: da 12 anni.
 

In questo romanzo ci troviamo a Levermoir, un'isola a otto chilometri dalla costa di Connemara nella baia di Kilkieran (Irlanda), dove vivono i nostri giovani protagonisti della vicenda:
Liam Locklin, la voce narrante di molti grandi capitoli;
Milton Flogarty, il migliore amico di Liam;
Doreanna (Dotty) Finnock, una ragazzina decisamente impulsiva e amica dei ragazzi;
Fionnula Shawn, figlia del sindaco e amica dei ragazzi.

Sono un gruppo di ragazzini sui tredici anni che vanno a scuola sulla terraferma prendendo un traghetto, unico mezzo di trasporto (se non si contano le barche dei pescatori).
Un'isola chiusa, dove vige il detto "ciò che succede a Levermoir, resta a Levermoir", dove gli stranieri non sono ben visti, ci si conosce tra tutti e certi segreti sono fin troppo ben mantenuti.

Liam è un ragazzino ribelle che, dopo aver perso la madre per un'incidente mesi prima, si ritrova ad avere a che fare con un padre assente che non lo controlla minimamente e che passa le serate ad ubriacarsi. Abbandonato a se stesso marina la scuola tante volte per bighellonare e sarà in una di quelle giornate che si imbatterà in un crimine che sconvolgerà l'isola.
Appeso al faro, trova il suo custode, il signor Curry, impiccato.
Sconvolto dalla notizia avvertirà le "autorità", ma si nasconde per evitare di farsi coinvolgere e farsi scoprire in giro. Solo dopo aver chiamato dalla terraferma un poliziotto, Liam inizierà ad indagare su quella faccenda sospetta insieme ai suoi migliori amici Milton e Dotty, scoprendo per caso la prima di numerose pietre alquanto strane, ricche di incisioni molto particolari, che si riveleranno al centro di tutto.

Dopo questo evento sull'isola il clima inizierà a cambiare molto rapidamente e la tranquillità verrà scossa sempre più in fretta, portando a conseguenze sempre più gravi.
Tutti sembrano impazziti senza una ragione apparente.
Dovranno indagare questi ragazzi per capire cosa sta succedendo e scoprire la verità dietro qualcosa di antico che minaccia la loro isola.

Quasi 550 pagine per una storia fra il thriller e l'horror, pensata (probabilmente) per far avvicinare alla lettura quei ragazzi che non trovano fra gli scaffali qualcosa di particolare.
Guido si è infatti ispirato al maestro dell'horror, King, per creare questo romanzo, pensato (però) per un altro genere di pubblico. O più ampio, possiamo anche dire, visto che il Re non è per tutti.

Come alcuni libri ha alcune parti scorrevoli ed alcune molto meno, in cui la storia si "impantana" ed è un pochino ostico venirne fuori.
In particolare queste parti le troviamo inizialmente ai grandi capitoli:
infatti la storia è divisa in tre parti più una conclusione e ad ogni inizio (circa) ci si ferma e si rallenta.
Il perché è molto semplice, l'autore si sofferma molto(troppo) sui dettagli presentando personaggi e luoghi, forse troppi tutti insieme.
Andando avanti nella lettura ci si fa una mappa mentale dell'isola (si, tranquilli, è presente all'inizio e ben disegnata, ma leggendo in digitale diventa complicato tornarci continuamente...abitudine mia! Perché non lo avrei fatto nemmeno se cartaceo) come dei suoi abitanti, quindi può risultare "pesante" avere tutto vicino e descritto nei dettagli subito.
Anche perché poi tutto viene, in ogni caso, ridetto mentre di continua a leggere, riuscendo con più calma ad attribuire un nome ad una persona (ed al suo ruolo), come per l'immaginarsi i vari luoghi in cui si svolgono i fatti.

Un altro "errore" è stato dividere il punto di vista narrativo fra questi capitoloni.
Nella prima parte passa tutto attraverso gli occhi di Liam. Nella seconda invece si passa da cittadino a cittadino, portando un po' di confusione nella lettura, sia per il distacco nello stile, che riguardo le voci narranti che continuano a saltare. Per chiudere con il terzo tornando a dare voce solo a Liam.
Capisco la scelta per permettere di vedere e capire alcune cose, ma c'è davvero tanto stacco e, per come ha scelto di chiudere la storia, poteva tenere lui come POV dall'inizio alla fine.

Una storia piacevole ed interessante nel complesso.
Non fatevi scoraggiare dalle mie "critiche", è la mia opinione a riguardo perché noto subito certe cose, facendo fatica a leggerle.
Se amate leggere con calma e vi piace scoprire tutto per immaginare nei minimi dettagli un luogo, come i personaggi, questo fa proprio per voi.
Porta il lettore di qualunque età su quest'isola e a stare fra i vari abitanti.
L'avventura poi aumenta di ritmo mano a mano che la storia prosegue, portando sempre più curiosità per capire, insieme ai protagonisti, cosa stia succedendo perché si intuisce che ci sia qualcosa di anormale su quell'isola.
Gli ultimi capitoli li ho divorati, chiudendolo soddisfatta.
Avrei voluto un libro così quando ero più piccola! Forse mi sarebbe piaciuto ancora di più.

Una storia adatta ai ragazzi che cercano qualcosa di particolare e difficilmente in commercio pensato per la loro età, come per gli adulti. Anzi, non vergognatevi a comprarlo se vi incuriosisce solo per il suggerimento sull'età, credo abbia un ottimo potenziale per un largo pubblico.

Direi che ho già detto tanto.
Non dimenticate di seguire tutte le tappe per scoprire un po' di tutto su questo romanzo!
 

lunedì 11 settembre 2017

Regole che chi ha un gatto conosce molto bene: quando è comoda, non puoi muoverti. Almeno il #Kindle è vicino 😁 #Kindle è leggero! 😆😄 #cat #blackcat #catandbook #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Cover Reveal: Alla Deriva, di Chris Simms




Titolo: Alla Deriva
Autore: Chris Simms
ISBN: 9788863934168
Collana: MISTÉRIA
Pagine: 448
Prezzo: 14,90 euro
Data Pubblicazione: 21 Settembre



Trama
Stavano in fondo al la zattera e non sapevamo quale sarebbe stata la loro mossa successiva.
La mia immaginazione creava dei mostri spaventosi. Il fulmine li ha illuminati mentre allentavano le corde legate alla nostra zattera, volevano ucciderci tutti quanti. Li abbiamo aggre diti.
Delle dita tentavano di cavarmi gli occhi. Un’onda mi ha spinto giù dalla zattera, così ho afferrato una corda. Ho sentito qualcuno scivolare su di me, le sue urla farsi sempre più lontane.

L’ispettore di Manchester Jon Spicer e il suo collega Rick vengono incaricati di indagare sul brutale assassinio di un richiedente asilo russo, ma si trovano in un vicolo cieco quando l’identità dell’uomo si rivela falsa. Gli unici indizi sono un gommone trovato alla deriva, delle misteriose lettere restituite dal mare e una flottiglia di paperelle di gomma che navigano in direzione della costa britannica. Intanto altri richiedenti asilo iniziano a morire, ognuno ucciso nello stesso orribile modo. Anche Spicer e la sua famiglia si trovano in mortale pericolo, perché la sua ex moglie Alice, un’assistente sociale, sta cercando di aiutare una giovane donna, che è il prossimo obiettivo del killer.

Autore
Chris Simms (1969, Horsham, West Sussex) è un autore britannico di più di venti romanzi polizieschi. Si è laureato presso l’Università di Newcastle e poi ha iniziato a viaggiare in tutto il mondo. L’idea per il suo primo romanzo gli è venuta sulla corsia di un’autostrada nelle prime ore del mattino, mentre era in attesa di un mezzo di soccorso per la sua automobile in panne. Gli spunti per i libri successivi sono nati da ogni genere di situazione: intravedendo una chiesa abbandonata dal finestrino di un treno in movimento; leggendo un articolo di giornale su un uomo che sosteneva di essere stato attaccato da una pantera; ascoltando un programma radiofonico su una flottiglia di paperelle di gomma gialle che, cadute da una nave da carico, fluttuavano lentamente attraverso l’Atlantico. Non può mai sapere quando l’ispirazione sta nascendo. Ma, per fortuna, le idee continuano ad affiorare nella sua testa.

Cover Reveal: Loving The Angel, di Nicole Teso



Oggi una succosa anteprima anche sul mio blog, ovvero il Cover Reveal dell'ultimo romanzo di Nicole Teso, autrice di Loving the demon (il primo capitolo di questa trilogia).
La copertina del suo secondo romanzo: "Loving The Angel", realizzata dalla bravissima Pamela Fattorelli/Catnip Design.


 
Titolo: Loving the angel
Autore: Nicole Teso
Genere: Dark Romance
Editore: Self - publishing
Data di pubblicazione: 28 Settembre 2017 (ebook + cartaceo)
 
La trilogia è composta da:
1) Loving the demon
2) Loving the angel
+ terzo romanzo a seguire

TRAMA

La mia vita ha raggiunto il capolinea quando sono stata rapita.
Jake Evans, l'uomo che mi ha tolto tutto, non solo mi ha costretta a sopportare un dolore devastante, ma si è anche preso una parte della mia mente, piegandomi al suo desiderio.
Ero convinta di potermi salvare, ma mi sbagliavo: quello era solo l'inizio.

La mia vita è finita il giorno in cui ho rapito la schiava che ora ossessiona la mia mente.
Brittany Moore, l'unica donna che sia stata in grado di farmi conoscere la luce, mi sta distruggendo, facendomi impazzire giorno dopo giorno.

È giunto il momento della resa dei conti, prima che i miei demoni mi sottomettano per sempre.

 


Un graphic teaser
con una citazione tratta dal romanzo.
 
Ecco il booktrailer amatoriale.
video
 


L'AUTRICE

Nicole Teso nasce il 10 novembre 1996 a San Donà di Piave, una città in provincia di Venezia.
Parrucchiera di giorno e lettrice compulsiva di notte, è amministratrice di un blog letterario e ama la scrittura fin dalla tenera età.
Le sue storie preferite sono popolate da protagonisti oscuri e devastati.
Loving the demon è il suo primo romanzo.
 
Per essere sempre aggiornato sulle novità, clicca "mi piace" alla pagina ufficiale.

giovedì 7 settembre 2017

State seguendo questa bellissima Challange dedicata a Stephen King? No?!? 😱 Recuperate subito 😉 Creata da @clarissa_questionedilibri, ogni blog vi parlerà di un libro del Re e, chi parteciperà alle varie sfide, avrà la possibilità di vincere......qualcosa! 😋😄 Seguiteci e partecipate su Facebook o Instagram 😊 #stephenkingchallenge #miserySKC #libri #libro #leggere #challange #King #StephenKing #viaggiatricepigra


via IFTTT

Opinione: Strider. La Grande Foresta, di Andrea Grassi

http://amzn.to/2gFmrN3
Cliccando sulla Cover si va su Amazon

Un tempo vi fu una guerra terribile, un conflitto tra gli uomini... e qualcos’altro.
La Storia è un susseguirsi d’invasioni e soprusi, ma nessuno era preparato ad affrontare ciò che uscì dalla nebbia che un giorno avvolse il Nord. Da quel momento qualcosa cambiò per sempre, nel mondo e nelle persone.
Ma, per due ragazzini di quello che potrebbe essere l’ultimo villaggio ancora esistente, la Nebbia Nera ed i guerrieri conosciuti come Strider sono solo vecchie storie…
Fino a quando un orfano senza alcuna memoria del proprio passato sconvolge le loro vite, perché la Progenie non è solo un ricordo e la guerra… forse non è mai davvero finita.

Nuova edizione del primo episodio della saga fantasy scritta e ideata da Andrea Grassi, ora arricchita dalle illustrazioni inedite di Ivan Calcaterra.

° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °
 
Circondato da un'enorme foresta c'è il piccolo villaggio di Cori, dove sono cresciuti Elana e Ian, due ragazzini molto amici che un giorno vanno a caccia...o meglio, Elana segue Ian per tenerlo fuori dai guai, mentre lui vuole andare ad uccidere un'enorme creatura che aveva sconfinato nel villaggio il giorno prima. Quando riescono a rintracciarlo però non riescono ad ucciderlo perché si trovano davanti qualcosa di assurdo: un ragazzino come loro, svenuto, vicino a quel "mostro".
Messa in fuga la creatura i due vanno dal ragazzo, vestito di stracci e coperto di sporcizia, che non ricorda nulla del suo passato. Nemmeno il suo nome. Sarà Elana a chiamarlo Nora (come il suo cagnolino perduto) e a lui piacerà da volerlo tenere. Tornando al villaggio viene accolto come una novità e ci mostrerà attraverso i suoi occhi com'è fatto e i suoi abitanti.
Accolto in casa di Elana e della madre, si rende utile da subito aiutandole facendo commissioni e quella vita inizia a piacergli, nonostante i battibecchi con i nuovi amici.
Elana è la tranquilla del gruppo, Ian il più scalmanato e vuole a tutti i costi dimostrare di essere coraggioso e forte, cosa che metterà i due maschietti spesso in competizione.
 
Una mattina partono insieme per mostrare a Nora un bel posto poco lontano dal villaggio, ma qualcosa spunta dal nulla e li attacca. Qualcosa che paralizza chiunque li veda per la prima volta e che non ricorda nulla di vagamente naturale. Qualcosa che, come scopriranno presto, arriva da un passato e da una guerra che pensavano di aver lasciato alle proprie spalle, tra Strider e le creature della Nebbia Nera.
Da quel momento tutto cambierà per quei giovani, ritrovandosi coinvolti in qualcosa molto più grande di loro che li obbligherà a partire e scoprire che ciò che gli veniva raccontato al villaggio erano bugie: non sono soli.
 
Una storia piuttosto scorrevole e che è solo il principio, il primo capitolo di una duologia dedicata a questo mondo. Una volta entrati nelle dinamiche e nella storia si fa fatica a staccarsi dalle pagine, che mostrano un mondo interessante e nuovo.
Sono straordinari i disegni messi tra le pagine, che permettono al lettore di farsi un'idea migliore dei personaggi di cui si parla durante la lettura.
Una pecca è che risulta breve e a volte si sente che la storia è troppo veloce; un ritmo più lento in alcuni punti forse avrebbe permesso qualche approfondimento, lasciando il tutto più armonico.
Resta comunque una bella lettura, un fantasy originale e piacevole.


martedì 5 settembre 2017

Sul blog oggi trovate la mia opinione su una delle ultime uscite @corbaccioeditore L'anno che è passato, di Amanda Reynolds #LannoCheÈPassato #AmandaReynolds #corbaccio #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

Opinione: L'anno che è passato, di Amanda Reynolds

http://amzn.to/2gziohD
Cliccando sulla Cover si va su Amazon

«Con maestria Amanda Reynolds svela la verità dei fatti tenendo il lettore inchiodato alla pagina. Un bellissimo romanzo d’esordio.» Kathryn Hughes, autrice di La lettera
Quando Jo si risveglia in fondo alle scale di casa e vede suo marito chino su di lei, non ha memoria di quel che è successo. Per fortuna non si è fatta nulla di grave, ma la caduta le ha provocato  un’amnesia che copre gli ultimi dodici mesi. Jo comincia con fatica a mettere insieme i tasselli della propria vita, ma i ricordi sono confusi e il marito e i figli non sono di aiuto. Tutti sembrano volerle nascondere qualcosa. E in effetti, a mano a mano che Jo si riappropria di brandelli del suo passato recente, quel che vede la sorprende, la inquieta, la disturba, perché non collima con l’immagine serena di una donna appagata dalla vita famigliare, con un marito affettuoso, due figli ormai grandi e responsabili, una bella villa in campagna. Cosa è successo durante l’ultimo anno? Perché dai recessi della sua memoria emergono volti sconosciuti, situazioni inconsuete, sensazioni di pericolo incombente? Perché si sente così sospettosa di tutti, degli amici, dei figli, del marito… persino di se stessa?

Nel romanzo d’esordio L’anno che è passato, Amanda Reynolds mette la sua scrittura raffinata e incalzante al servizio di una protagonista costretta dagli eventi a svelare l’orrore che può nascondersi dietro la facciata di una vita «normale».

° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Adoro questo genere di libri, che stanno tra il thriller ed la narrativa, dove non si sa fino all'ultima riga cosa sia davvero successo, muovendosi tra il mistero e la realtà, tra ricordi e fantasia.
Questo rientra in quel gruppo presentando una storia, ed una famiglia, all'apparenza normale che però nasconde tutt'altro.

Noi conosciamo Jo appena dopo un fatto orribile; confusa e dolorante, apre gli occhi e si ritrova vicino al marito, contro il quale prova dei sentimenti contrastanti: non lo vuole accanto nonostante non si sa spiegare il motivo di tanto astio. All'arrivo dei soccorsi infatti, anche se ancora confusa, chiede di allontanarlo, ma sarà solo in ospedale che capirà cosa le è successo, di essere caduta dalle scale e di essersi ferita, ma il danno peggiore non è propriamente fisico perché quella caduta le ha causato un'amnesia molto grave: Jo non ricorda nulla dell'ultimo anno trascorso.

Dopo una giornata la rimandano a casa, visto che non si è fatta male gravemente.
E qui vorrei fare una piccola pausa, perché una cosa che mi ha infastidito molto è il fatto che nessuno in ospedale metta minimamente in discussione il fatto che sia scivolata. La versione del marito.
Nessuna indagine, nessuna protezione a quella donna che, per quanto ne sa anche il lettore, potrebbe anche essere stata spinta giù di sotto, visto che lei non ricorda nulla.
Danno per buono le parole di lui e la rimandano a casa, quasi trattandola da bambina, con superficialità irritante.
Non so se è voluto, come una critica verso queste strutture, oppure uno scivolone nella trama.

Sconvolta da quanto accaduto Jo si rende conto in fretta che tutti intorno a lei si muovono con cautela per tenerle all'oscuro il tempo che ha perso, ma per quale ragione?
Rob, il marito, è iperprotettivo e soffocante; non la lascia sola per più di pochi istanti e la mette sotto controllo comprandole un cellulare nuovo, visto che quello vecchio si è rotto durante la caduta e lui l'ha buttato via.
I figli Sash e Fin, poco più che ventenni, restano un po' marginali alla storia, ma capiremo andando avanti meglio le varie dinamiche che li hanno portati a staccarsi dai genitori.
E a Jo non resta nulla a cui aggrapparsi per poter trovare le risposte che cerca per rimettere insieme il puzzle del suo ultimo anno perduto.

Sarà grazie ad una chiamata di Rose, un'amica di Jo con cui faceva volontariato e di cui non ricordava nulla, che inizierà a far riemergere alcuni tasselli e a riprendersi pezzi d'indipendenza, nascondendosi a Rob e alla sua bolla nella quale la vuole rinchiudere.

Alternando il passato (di mese in mese) al presente (giorno dopo giorno, dopo la caduta), la Reynolds presenta una storia interessante che cattura il lettore, mostrando una famiglia che appare perfetta, ma che non lo è affatto. Staccando questi periodi temporali per raccontare frammenti di ricordi che vengono a galla e per spiegarli al lettore, portandolo dentro la vita di Jo e iniziando a capire come mai quell'anno è stato così importante e sono restii a raccontarle la verità.

Un racconto che a volte scorre lento e noioso, in altri punti veloce ed interessante, in cui i personaggi a volte appaiono velocemente, altri vengono approfonditi, ma si ha sempre una vaga idea basata sull'impressione di Jo: è lei il centro di tutto, sempre; ciò fa mettere in dubbio anche i ruoli nella vicenda, se non sia lei la "cattiva", se non la stiano proteggendo da se stessa, tenendole nascosto il passato.
Solo negli ultimi capitoli collegheremo, insieme a lei, i vari tasselli, trovando un quadro generale della situazione e riuscendo finalmente a mettere in chiaro tutti i vari dubbi che vengono sollevati durante la lettura.
Un buon esordio, molto piacevole da leggere.

giovedì 24 agosto 2017

#Strider. La Grande Foresta, di Andrea Grassi #LaGrandeForesta #AndreaGrassi #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Relax e leggiam 😉😄 #Strider. La Grande Foresta, di Andrea Grassi #LaGrandeForesta #AndreaGrassi #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Opinione: Chocolat, di Joanne Harris

http://amzn.to/2xg0yGU
Cliccando sulla Cover si va su Amazon

A Lansquenet, quieto villaggio al centro della Francia, la vita scorre placida. Un po' troppo placida: è una comunità chiusa, dove sono rimasti soprattutto anziani contadini e artigiani, dominata con rude benevolenza dal giovane curato Francis Reynaud. È martedì grasso - una tradizione pagana avversata dalla chiesa - quando nel villaggio arrivano Vianne Rocher e la sua giovane figlia Anouk. La donna è assai simpatica e originale, sexy e misteriosa, forse è remissaria di potenze superiori (o magari inferiori). Vianne rileva una vecchia pasticceria, ribattezzata "La Celeste Praline", che ben presto diviene - agli occhi del curato - un elemento di disordine. Anche perché Vianne non frequenta la chiesa ma inizia ad aiutare a modo suo chi si trova in difficoltà: il solitario maestro in pensione Guillaume, l'adolescente ribelle Jeannot, la cleptomane Josephine, l'eccentrica Armande. Ben presto il tranquillo villaggio diventa più disordinato, ribelle e soprattutto felice. E lo scontro tra Benpensanti e Golosi, tra le delizie terrestri offerte da Vianne e quelle celesti promesse da padre Reynaud, tra Carnevale e Quaresima, diventa inevitabile.

° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Avevo visto il film per caso e mi era piaciuto, anche se non proprio il mio genere.
"Tratto dal romanzo..." mi era subito saltato all'occhio e mi ero ripromessa di leggerlo, prima o poi.
Essendo la Harris un'autrice che non mi dispiace, un po' troppo dispersiva e descrittiva ma brava a scrivere, era nella mia wish fino a quando non mi è stato regalato da un'amica, per puro caso.
E' rimasto un po' sullo scaffale, purtroppo, in attesa di tempo per poterlo leggere con calma e finalmente ci sono riuscita.
Come in tanti altri casi, il libro è migliore del film, ma non di tanto. La pellicola ha il suo fascino e gli attori protagonisti sono straordinari a portare sullo schermo questi personaggi così particolari ed unici.

La storia viene raccontata in alternanza da due persone praticamente opposte: Vianne Rocher e Francis Reynaud. Vianne è appena arrivata nella cittadina di Lansquenet, insieme alla figlia Anouk, decidendo di aprire una cioccolateria proprio vicino alla chiesa dove Raynaud predica la serietà e la morale cristiana più stretta e inflessibile.
Vianne è una nomade (un po' strega, anche), ha girato il mondo fin da quando era piccola insieme a sua madre, che l'ha lasciata sola anni prima, e con unica compagna la figlia. Ma ormai è stanca di scappare e viaggiare, vuole fermarsi e mettere radici da qualche parte...e perché non proprio lì?
All'inizio tutti la guardano curiosi e diffidenti, ma in poco tempo riuscirà a farsi apprezzare da sempre più persone, nonostante l'odio costante del curato che tenta in ogni modo di ostacolarla e farla andare via. Allegra, sexy e intelligente, sa come muoversi senza perdere il suo buon cuore e sbirciando dentro i vari abitanti per legger dentro le loro tribolazioni e cercare di dare un po' di pace e amicizia sincera.

Tra i suoi clienti fissi fin da subito ci saranno il vecchio Guillaume con il fedele cagnolino sempre accanto, ma con il cuore pieno di tristezza, e l'anziana ma "terribile" Armande con un segreto ben nascosto, ma presto si uniranno la giovane Josephine che si nasconde da tutti per una colpa non sua, gli amici di Anouk che, nonostante le ramanzine dei genitori, ci giocano insieme e non perdono occasione per fare un salto al negozio...per non parlare di un giovane zingaro che arriva con la sua gente sulle rive della città, accolto da Armande a braccia aperte ed odiato da Raynaud e chi lo segue.

Una storia frizzante e fresca, leggera da leggere e che scorre veloce.
Molto carina e simpatica, rallegra il cuore, anche se in alcuni punti mette tristezza.
Un bel romanzo, di cui leggerò i seguiti perché sono curiosa di vedere cosa succederà alle protagoniste andando avanti.

mercoledì 23 agosto 2017

Opinione: Da Zero A Infinito, di Fabio Lastrucci

http://amzn.to/2weEobi
Cliccando sulla Cover si va su Amazon

Dalla prefazione di Massimo Citi:
«Uno dei principali segni distintivi della narrativa di Fabio Lastrucci è la fine, una fine con la “f” minuscola, un giudizio universale che non ha nulla della tradizione cristiana né di altre religioni, ma che ha una risonanza saldamente laica, una cesura che viene a interrompere una successione di vite banali, terrene, spesso volgari, curve su una realtà asfittica e prive di qualsiasi impulso che possa salvarle dalla successione dei vuoti gesti quotidiani.
Non una fine definitiva, ma un evento temporaneo, un'interruzione in qualche modo prevista, uno iato nella quotidianità che lascerà posto ad Altri e che rovescerà le carte mostrando il tessuto profondo del mondo.
Andando nell'ordine della memoria questi Altri, i soli viventi della scena, potranno assumere panni estremamente diversi, segnati da un leggero ma incontenibile humour nero: uno scarafaggio incline a considerazioni sfiduciate, un cane di cartone, un licantropo di nobili natali, una galleria di vecchi cartoons in bianco e nero, un fantasma borghese, un minotauro condannato a ripercorrere gli stessi sotterranei metropolitani, un drop-out in una Ferrara dechirichiana, alieni che hanno dimenticato la loro missione, transessuali con una passione molto particolare, satanisti ingenui e ignoranti. Tutte creature ugualmente incerte, perplesse, obbligate a misurarsi con la propria natura – ferina o metodica, rabbiosa o malinconica – e sforzarsi di immaginare un mondo privo di un'umanità chiassosa e impudica.»

° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Quindici racconti che hanno in comune tra di loro...nulla!!
L'autore ci porta in luoghi reali ed irreali; a conoscere personaggi folli, a volte divertenti altre volte pazzi, o tristi; in tempi presenti mentre in alcuni racconti si vola in altri momenti.
Niente è prevedibile.
E non si può neanche tastare l'acqua prima di buttarsi, ci si deve immergere di botto nella storia per provare a capire di chi stia parlando, dove, quando,....in modo da poterla comprendere e poterla apprezzare in pieno.

Da Zero A Infinito
Il Trucchetto di Olindo
La Meccanica dell'Ambaradan
"Loro"
Nella Stagione Arsa
Il Noviziato del Comando
La Sindrome della Locusta
Larve
Nero di Seppia
DB
Il Paradosso G
Specchi e Confini
Trasparente come un Respiro
Ultime Notizie dal Papero
Max Satisfaction

Alcuni non li ho compresi e in tanti il finale è stato troppo brusco per i miei gusti, lasciando la storia in sospeso e con curiosità insoddisfatta.
Tra questi quello più triste e dolce allo stesso tempo (per me) è stato Specchi e Confini, dove l'autore ci porta a vivere e vedere attraverso la prospettiva di.....no, non posso dirvelo! Dovete scoprirlo.
La Meccanica dell'Ambaradan mi ha portato a vedere la nostra realtà mescolata a qualcosa di assurdo, impensabile, facendomi restare incollata alle pagine (forse il migliore tra questi racconti). Mitologia e fantascienza si mescolano in un tranquillo palazzo, che rivelerà sorprese inaspettate.
Ricordi e malinconia si mescolano in Ultime Notizie dal Papero. Un racconto unico, che spiazza il lettore, portandolo a scavare nella sua infanzia (sempre che non sia troppo giovane!).
Max Satisfaction è un racconto strano, particolare e interessante, allo stesso tempo. Una storia raccontata durante un viaggio, tra due estranei, riguardante una coppia molto famosa e trattando anche il mondo dell'eros del futuro, con "escort" robot.

Tirando le somme, una bella raccolta di racconti!
Tenete d'occhio l'autore, con questa fantasia mette decisamente curiosità sapere cosa potrà scrivere in futuro.

martedì 22 agosto 2017

Quando torni a casa e vorresti buttarti tra le pagine di un libro....e non prendi la cosa metaforicamente, crollandogli sopra fisicamente 😅 #cat #catandbook #gatto #gattoelibro #lovecat #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #book #books #loveread #amorelibri #viaggiatricepigra


via IFTTT

Opinione: Nelle Fauci Del Mostro

http://amzn.to/2ih8IMN
Cliccando sulla Cover si va su Amazon
Percorrendo nelle tenebre le strade di campagna nei dintorni di Firenze, si prova tuttora un senso di inquietudine, di disagio. Come se tanti occhi cattivi ci osservassero con malignità. L'aria sembra ancora permeata da una presenza invisibile e terribile: il Mostro di Firenze. Nonostante si siano susseguite indagini, inchieste, processi, condanne e assoluzioni, questo mistero è rimasto indelebile nel tempo, una lunga scia di sangue con tanti interrogativi e poche risposte certe. Proprio per questo motivo, nelle nostre menti, il Mostro è sempre lì, cristallizzato nei meandri della memoria. Nonostante siamo ormai trascorsi molti anni dai cosiddetti delitti del Mostro di Firenze, ima catena di omicidi che per quasi un ventennio insanguinò le colline e le campagne toscane, l'alone di mistero e di inquietudine che aleggia intorno a questa figura si percepisce ancora oggi. Una vera e propria leggenda allo stesso pari di efferati serial killer che hanno lasciato una traccia indelebile nel ventesimo secolo. Seguendo questo fil rouge gli autori hanno partorito dieci storie intense ed enigmatiche nello stesso tempo, dieci racconti in grado di incatenare il lettore e di trascinarlo con forza nei meandri della follia.

° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Una serie di racconti ispirati al Mostro di Firenze. Alcuni più interessanti e coinvolgenti di altri, ognuno con uno stile diverso e diversi per trame e punti di vista.
Particolare e ben fatto, non male come lettura.
Se volete una lettura non molto impegnativa (potete fermarvi dopo ogni racconto) e piuttosto scorrevole (dipende dall'autore e dal suo stile, come dai gusti personali di chi legge).

- Due, di Mirko Tondi
Un vecchio che ama spiare dalla finestra, una notte si trova a vedere qualcosa di unico che gli farà riprendere in mano alcuni ricordi e carte, portandolo a compiere una decisione "particolare"...

- Phobia, di Arianna Niccolai
Dario Moriani era in macchina con la sua fidanzata, da giovane, appartato per fare l'amore, quando qualcosa si è mosso e li ha spaventati. Erano gli anni del Mostro di Firenze e credettero di essere salvi per miracolo. Ma quella paura non passa, resta dentro anche per anni...

- Francobolli E Vecchi Castelli, di Paolo Piani
Antonello Carta è un giovane che sta studiando per diventare profiling, ed il suo professore è un puntiglioso (stronzo) che mette sotto pressione ogni studente. Per la pausa invernale propone a tutti una tesi, con una base comune: una lettera inviata dal Mostro di Firenze alla polizia. Ognuno deve, da questa, individuare una strategia per trarre un profilo. Antonello è subito attratto da un particolare e decide di indagare: il francobollo....

La Finestra Sul Mondo, di Andrei Gamannossi
Uno dei racconti più brevi e particolari, del quale non so bene cosa dire per non esagerare.
Il protagonista è una persona qualunque, che in una bella notte si trova in mezzo alla natura, da solo....

- Il Mostro E' Tornato, di Stefano Rossi
Nella città di Pietraccio vengono ritrovati i corpi di due amanti, brutalmente assassinati come nel rituale de Il Mostro di Firenze. Il blogger Torsolo va ad investigare, per cercare di dare ai suoi follower la sua versione dei fatti, esaminando la scena e vari dettagli che potrà trovare, ma....

- Eros E Morte, di Sergio Calamandrei
La vicenda è ambientata negli anni in cui il Mostro uccideva. Renzo è un giovane ed è spaventato da lui, ma c'è anche molto altro a fargli paura, come le malattie che iniziano a farsi notare nel mondo del sesso, anche eterosessuale. Ma tutto sembra venir dimenticato una l in cui incontra Gianna e scopre con tristezza che hanno solo una notte prima che lei parta.

- Amori Perigliosi, di Vario Cambi
Anche questa vicenda è ambientata negli anni in cui il Mostro seminava paura.
Leandro è un giovane che trova un lavoro come carrozziere, con una fidanzata "storica" sempre più pressante e una collega molto affascinante, le cose iniziano a farsi confuse.....

- Ouroboros, di Bernardo Fallani
Mentre una "setta" misteriosa si aggira nell'ombra, Matteo e Gaia sono solo due giovani innamorati che si stanno affacciando alla vera vita e che stanno per scoprire quanto l'intimità abbia livelli diversi e profondi.

- La Voce Delle Macchine, di Simone Innocenti
Un racconto ben fatto, ma fuori tema (non ho trovato tracce ne riferimenti al Mostro).
Parla di un uomo e della sua ossessione maniacale per la concentrazione...

- Il Mostro Dentro, di Paolo Romboni
Davide Ferrucci è al suo primo giorno come disegnatore per la polizia, quando un caso particolarmente truce arriva in centrale e l'Ispettore lo coinvolge nelle indagini.

lunedì 21 agosto 2017

Da Gennaio a Luglio, insieme abbiamo letto: 383953 pagine 🎉🎉🎉 1313 libri📚📚📚 In 31!!! . Per chi volesse aggiungersi, l'evento su #Facebook è questo: http://ift.tt/2x6NvZk (Contano Le Pagine, Non I Libri) Oppure se volete partecipare tramite IG, ditemelo che vi aggiungo al gruppo creato apposta 😉 #contanolepagine2017 #contanolepaginenonilibri #libri #leggere #viaggiatricepigra


via IFTTT

Iniziamo una nuova avventura (così piano piano gli arretrati finiranno 😉) #Strider. La Grande Foresta, di Andrea Grassi #LaGrandeForesta #AndreaGrassi #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

Opinione: IT, di Stephen King

http://amzn.to/2uUYkv9
Cliccando sulla Cover si va su Amazon

In una ridente e sonnolenta cittadina americana, un gruppo di ragazzini, esplorando per gioco le fogne, risveglia da un sonno primordiale una creatura informe e mostruosa: It. E quando, molti anni dopo, It ricompare a chiedere il suo tributo di sangue, gli stessi ragazzini, ormai adulti, abbandonano la famiglia e il proprio lavoro per tornare a combatterlo. E l'incubo ricomincia. Un viaggio illuminante lungo l'oscuro corridoio che conduce dagli sconcertanti misteri dell'infanzia a quelli della maturità.


[Note Mie:
Il mio cartaceo non è più in vendita.
Ho scelto questa cover perché è la più bella pubblicata nella nuova ristampa, in cover rigida.
E non è detto che non la ricompri più avanti!]




 Da quando hanno annunciato l'uscita del nuovo film, dicendo che a Settembre sarebbe stato nelle sale di tutto il mondo, ho iniziato a dirmi che lo dovevo rileggere.
Nessuna domanda. Nessuna incertezza. LO AVREI FATTO.

E' uno di quei libri che vanno letti e riletti nella vita, ed era giunta l'occasione (ottima) per farlo.
Così quando mi hanno tirato dentro (le mie swappine) per una (ri)lettura, non me lo sono fatto ripetere. Beh, per dire la verità si, perché ho aspettato un po' prima di incominciarlo, ma una volta preso il via non mi sono più staccata e non volevo nessun'altra lettura di mezzo che potesse rovinarmi questa storia.
(Infatti ora sto aspettando che loro finiscano per poterne parlare...e fremo! Sperando piaccia a tutte)

L'ho letto con calma, assaporandone molti aspetti, ma (ahimè), come per i nostri protagonisti, la storia è troppa e già inizio a scordarmi alcuni dettagli, anche se vorrei tenerli stretti al cuore per sempre. Sarà un segno del destino quello di rendere IT così enormemente bello da volerlo rileggere ogni tot anni.

Ammetto che alcuni dettagli mi sono tornati in mente quasi come il momento in cui li stavo leggendo.
In particolare i primi capitoli, che (ricordo) scorrevano in una giornata calda di quasi estate, in coda dal dottore, dopo la scuola....e cosa meglio di IT per superare le ore di lunghissima attesa?!
Questo lo ricordo chiaramente.
Come il finale. Non so perché, ma sapevo cosa stavo per leggere. Quello prima mi si era come cancellato dalla mente e mi ritrovavo e leggere come la prima volta, tra l'affanno di scoprire cosa sarebbe successo sentendo le pagine finire ed il non voler chiudere questo libro....ma quel pezzo: limpido come il sole.

Ma torniamo alla storia!!!
Se è il libro simbolo del nostro Re c'è un motivo: è semplicemente incredibile!
Un mattone, al primo sguardo, che sembra ostico da leggere, ma quando viene chiuso si sente che la storia è troppo vasta ed il romanzo troppo breve.
Se ne vorrebbe di più (eh si, noi lettori siamo una razza ingorda e mai contenta).


Si muove abilmente tra il loro passato e loro presente, tra il 1958 e il 1985.
Così lontani da noi, eppure con temi quasi attuali, anche se i tempi sono cambiati e molto.
27 anni separano queste storie ed i loro protagonisti che, per una promessa infantile, si ritrovano a Derry, dove sono cresciuti, per affrontare un nemico comune che (purtroppo) non erano riusciti a scacciare da ragazzini.
Però tutto comincia un pochino prima, nell'autunno del 1957, quando George Denbrough si trova a far scivolare nell'acqua dei canali una barchetta, rincorrendola lungo i marciapiedi allagati della città.
Un gioco innocente, qualcosa di semplice che però finisce in tragedia perché quel giorno George si spegnerà per sempre a causa di un crudele mostro che abita sotto il suolo di Derry.
Ci vorranno mesi, ma quando Bill, suo fratello, capirà chi (o meglio, cosa) ha ucciso il suo fratellino, inizierà un percorso da cui non potrà tornare indietro; insieme ad altri ragazzi che, come lui, hanno incontrato questo mostro e sono sopravvissuti.

Sette bambini, riuniti da qualcosa di misterioso e sconosciuto, che li ha spinti ad incontrarsi e a fare gruppo, a sfogarsi e a creare un legame di amicizia indistruttibile.

Bill, Ben, Beverly, Richie, Eddie, Mike, Stan:
Il Club Dei Perdenti.

 
 
La loro storia incomincia dall'ultimo giorno di scuola nell'estate del '58.
Ben Hanscom, un ragazzo emarginato a causa del suo peso, si trova a dover scappare dal bullo della scuola, Henry Bowers, per salvarsi la vita e finisce nei Barren (un territorio sporco e selvaggio, quasi un canale che scendeva dalla strada principale per un lungo tratto, con alcuni sbocchi di fogna e un "fiume" che lo percorreva). Lì incontrerà Bill (Tartaglia, per via della balbuzie) Denbrough e Eddie Kaspbrak (piccolo, fragile e malatuccio).
Da quell'incontro casuale inizieranno a stringere una forte amicizia e ad iniziare a giocare sempre di più in quel luogo, "marcando" quel territorio come loro.
Si uniranno presto anche Richie (Boccaccia) Tozier (un piccoletto con gli occhiali e la lingua troppo svelta) e Stan (L'Uomo) Uris (ebreo e molto rigido).
Per poi aggregarsi l'unica ragazzina, Beverly Marsh. E per ultimo, come se lo avessero sentito, Mike Hanlon (l'unico ragazzino di colore della zona).

Ad unirli non solo l'amicizia sincera e vera, ma qualcosa di più, un terrore profondo.
Perché la cosa che ha ucciso George (IT), sta uccidendo ancora e tutti si sono trovati ad averci a che fare, riuscendo per un pelo a salvarsi la vita. C'è qualcosa di molto profondo in questo.
Un legame quasi magico, per cui decideranno di farsi forza a vicenda per trovare il modo di ucciderlo e farla finita.

Ma la bellezza del romanzo non sta solo nella storia di questa "caccia al mostro", perché King sa benissimo che i mostri non si nascondono solo sotto il letto, acquattati nel buio, in attesa.
I mostri sono intorno a noi! Sempre.
Sono il padre che picchia la figlia, la violenza psicologica di una madre, il bullo che aggredisce i più deboli, il voltarsi di una o più persone di fronte ad un crimine....
King mette tutto questo e ci fa pensare molto, perché questo male (nel romanzo) proviene da IT ma lo alimenta, lo protegge,...





E sarà una delle ragioni per cui dopo 27 anni Mike chiamerà ognuno di loro per ricordargli che tutto è ricominciato, che devono tornare a Derry; facendogli tornare la memoria riguardo quell'estate e la loro amicizia, persa nel tempo e dimenticata, perché il mostro sta uccidendo di nuovo e loro sono gli unici a poterlo fermare.






Come già dicevo, la bravura di King nel muoversi tra il presente ed il passato, vedendo tornare a galla i loro ricordi e riscoprendoli insieme a loro, mentre viaggiano verso "casa".
Per una promessa. Per l'ultima volta. Anche se non sanno nemmeno se ne usciranno vivi.

Cresciuti, cambiati, di successo, eppure ognuno che si porta dietro i segni della sua infanzia dimenticata, e spesso portandosi dietro i propri demoni, mai sepolti.

Un viaggio nel tempo, che li obbligherà a fare i conti con loro stessi e a confrontarsi con il terrore, visto in maniera diversa dall'infanzia, perché nessuno pensa seriamente di morire quando è piccolo.
E con un'enorme svantaggio che potrebbe esser loro fatale.

Un libro straordinario e che DEVE essere letto almeno una volta nella vita.
Un "piccolo" capolavoro che regala uno spaccato di un mondo e dei suoi protagonisti, senza censure e senza vergogna, tra paura e risate, tra terrore e amore, e amicizia profonda e vera.
Ora lo rimetto sulla mensola, ma so che mi mancherà molto.
Di sicuro lo rileggerò, ma non aspetterò 27 anni per farlo, e anche di questo sono sicura!

giovedì 17 agosto 2017

Chocolat, di Joanne Harris #Chocolat #JoanneHarris #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Quanto ci vorrebbe un bel frappè ghiacciato al cioccolato per accompagnare questa lettura 🍫😁 #Chocolat #JoanneHarris #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

La Vita Privata, di Henry James #LaVitaPrivata #HenryJames #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

martedì 8 agosto 2017

Shadow Play (Il Fuorilegge Della Magia Nera 2), di Domino Finn #ShadowPlay #IlFuorileggeDellaMagiaNera #DominoFinn #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

- Ma è d-d-davvero un c-c-clown? ~ È un mostro. Un mostro che vive qui a Derry. E uccide i bambini. . . [L'immagine è di uno dei Poster/Locandine promozionali del nuovo film. Il testo viene dal libro di King. Se volete, potete copiarla, ma non tagliate il mio tag!] #IT #StephenKing #stephenkingsit #King #quote #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Consiglio del Giorno: Come Miele e Neve

http://amzn.to/2wnrUeP
Cliccando sulla Cover si va su Amazon




​Autore : Siro T. Winter
Grafica Cover: Winterly Graphics - Covers&Design
Titolo: Come miele e neve
Casa Editrice: Self publishing
Genere: Romanzo
Biografia e opere: Prima esperienza nel campo del self.
Prezzo ebook: 1,59
Cartaceo: 13,68


NB: la versione cartacea contiene quattro pov dal punto di vista

maschile e presenta una cover diversa dalla versione digitale.





Sinossi:

«Perché batte il cuore?»

È questa la domanda che Lucia “Lou” Zarda, trent’anni, si è posta per tutta la vita.
Ferita e delusa dopo la fine della storia decennale con Andrea Marini, Lou vive nel suo mondo fatto di colori e tele e di lunghe passeggiate solitarie fino alla spiaggetta che guarda al parco di Seurasaari di Helsinki, divisa tra il lavoro al Museo d’arte contemporanea e il bozzolo sicuro della sua piccola casa.

L’incontro inaspettato con il musicista che vive a pochi passi da lei, l’affascinante e misterioso Vilhelmi Niemi e i suoi verdi occhi di giada getterà mille dubbi su Lou, investendola con un turbinio di nuove emozioni, incertezze e speranze.
La voglia di lasciarsi andare si scontra con l’antica paura di non essere abbastanza.
Scappare o restare rischiando di essere ferita di nuovo?
Lasciarsi amare o rifugiarsi nella solitudine rassicurante?

Un susseguirsi di eventi inaspettati spingerà Lou a compiere una scelta che potrebbe cambiarle per sempre la vita.
Anni dopo, il destino porterà nuovamente Lou ad Helsinki, nella terra che l’ha adottata e nella quale si sente a casa, la fredda e magica Finlandia con le sue aurore boreali e il sole di mezzanotte, dov’ è sempre stato il suo cuore.
Il ricordo di Vilhelmi, di colui che ha amato profondamente, non l’ha mai lasciata, tormentandola anche nei sogni.
Forse le loro strade si incroceranno ancora una volta e Lou troverà la risposta alla sua domanda.


Pagina facebook: https://www.facebook.com/ComeMieleeNeve/
Soundtrack https://www.youtube.com/watch?v=tqeK2nwS6B8&list=PLPZtzMdmuHd1NPvO5LYcNGeLUM5wmwnbQ

Video Trailer



Consiglio del Giorno: Una Felicità Leggera Leggera

http://amzn.to/2wBzVw3
Cliccando sulla Cover si va su Amazon





Titolo Una Felicità Leggera Leggera
Autrice Loriana Lucciarini
Casa Editrice Le Mezzelane Casa Editrice
Costo 2,99€
Data Pubblicazione 2 agosto 2017

http://www.lemezzelane.altervista.org/negozio/index.php?id_product=42&controller=product






Una donna piena di sfumature. Un uomo chiuso nel suo mondo grigio e spento. Due cuori che s'incontrano trasformando la solitudine in colore. Ma fino a che punto l'amore può diventare la ragione per tradire? Quanto i legami e le paure possono impedire a Miriam di raggiungere quel pezzo di cielo che tanto desidera?
Un romanzo intenso e delicato, capace di scavare a fondo nell'anima, restituendoci squarci di emozioni inchiostrate di parole.

lunedì 7 agosto 2017

#Dampyr - L'Indagatore Dell'Incubo #LIndagatoreDellIncubo #DylanDog #fumetto #fumetti #SergioBonelliEditore #comic #comics #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #libro #book #loveread #amorelibri #viaggiatricepigra


via IFTTT

Adoro sempre di più 😍😍 #IT #StephenKing #stephenkingsit #King #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Esce oggi: Shadow Play (Il Fuorilegge Della Magia Nera 2), di Domino Finn Ma c'è di più!! Infatti la @dunwichedizioni ha permesso a me e ad altri blogger di leggerlo in anteprima per farne un Review Party (Grazie!!!!!❤) Cisco torna più in gamba e simpatico che mai, ma sempre alle prese col passato (che non ricorda) e i frutti di quel periodo che lo perseguitano; trovare le risposte a troppe domande sarà difficile, ma quello è solo il principio..... Cercate e trovate tutte le opinioni riguardo questo stupendo secondo capitolo di una saga che voglio continuare al più presto 😍 . #ShadowPlay #IlFuorileggeDellaMagiaNera #DominoFinn #ReviewParty #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Review Party: Shadow Play

 

http://amzn.to/2vF3a4t
Cliccando sulla Cover si va su Amazon
Mi chiamo Cisco Suarez e una settimana fa ero morto.
Costretto da una maledizione a servire un’organizzazione avvolta dalle ombre, ho parecchio sangue sulle mie mani. Per fortuna ho anche un problema a rispettare le autorità, perciò non prendo più ordini e la prima cosa da fare sulla mia lista è abbattere quei bastardi.

Se sono bravo in qualcosa, è cercare in posti bui. Ma ho anche delle ombre di mio. Dei fatti terribili continuano a tormentarmi e non sto parlando di un tipo di tormento metaforico. Sto parlando di fantasmi, di maghi... e di quell’entità dagli scintillanti occhi rossi.
Questo dimostra che è vero quello che dicono: si raccoglie ciò che si semina.
La resurrezione è sopravvalutata o cosa?



Cisco ritorna!
Dopo la sua prima avventura in Dead Man, il Fuorilegge della Magia Nera continua le sue avventure dal dove lo avevamo lasciato.
Dopo una settimana turbolenta, passata a capire cosa gli fosse successo, la sua vita però non smette di essere caotica. Dieci anni di vita persi nel nulla da quando si era svegliato in un cassonetto e aver scoperto di essere morto...ma c'era anche di peggio. Era diventato una marionetta, uno zombie, costretto a fare da sicario per dei cattivoni a cui aveva dato la caccia per ciò che lo avevano costretto a fare: oltre tante vittime (più o meno innocenti) lo avevano costretto a sterminare la sua famiglia, cosa che ancora lo perseguita, nonostante non ricordi nulla e non sia stata affatto colpa sua.
Ma aver sconfitto i suoi nemici che lo rivolevano servo non è bastato. Ancora troppe domande non hanno risposta e lui deve indagare, per risolvere i misteri che circondano la sua morte.

In piena notte infatti torna nel luogo dove lo hanno reso uno zombie, cercando tracce residue dell'incantesimo e sperando di poter veder oltre e capire qualche dettagli rimasto in quel posto, per trovare tutti i colpevoli e sperare di ottenere qualche risposta.
Ma nulla è mai semplice per lui.
Infatti, poco dopo aver iniziato a scavare, viene attaccato da un poltergeist molto violento ed inusuale, che continua a stargli addosso finché non scappa, dandogli una pista su cui continuare le sue indagini.
Si ritrova a casa del suo ex migliore amico Evan, per chiedergli di rintracciare una barca per conto suo, visto che è nelle forze dell'ordine, ma anche questo non è semplice: è sposato con la sua (ex) ragazza e vive con sua figlia, a cui non vogliono che si avvicini. Un bel casino!

L'unica che sembra ancora averlo a cuore sembra la migliore amica della sua sorellina (morta), Milena, ma con lui accanto nemmeno lei è al sicuro e la vuole tenere lontana: poltergeist che sembrano braccarlo dietro ogni angolo, un primordiale che si mette di mezzo in una pista e si rivela estremamente pericoloso, per non parlare del Corno che rivelerà sorprese inaspettate.

Cisco dovrà vedersela con molti nemici e rivedere le amicizie che credeva di avere ancora.
Furbo ed intelligente, meno sfrontato e impulsivo di dieci anni prima, si troverà nel pieno di un'altra avventura senza freni, con nemici che non gli danno tregua, mentre alcune risposte tornano a galla.
Il finale è assolutamente imprevedibile, mi ha lasciato senza parole.
Un protagonista interessante e carismatico, pieno di risorse e...anche divertente! Spero di poter leggere presto i seguiti, perché sono curiosa di scoprire come andrà avanti la storia di Cisco.
Nel frattempo, mi mancherà....