mercoledì 12 aprile 2017

13 Reasons Why: Serie Tv




Titolo originale 13 Reasons Why
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2017 – in produzione
Formato serie TV
Genere drammatico, thriller
Stagioni 1
Episodi 13
Durata 49-61 min (episodio)
Lingua originale inglese

Ideatore Brian Yorkey
Soggetto 13 di Jay Asher




Interpreti e personaggi

Dylan Minnette: Clay Jensen
Katherine Langford: Hannah Baker
Christian Navarro: Tony Padilla
Alisha Boe: Jessica Davis
Brandon Flynn: Justin Foley
Justin Prentice: Bryce Walker
Miles Heizer: Alex Standall
Ross Butler: Zach Dempsey
Devin Druid: Tyler Down
Amy Hargreaves: Lainie Jensen
Derek Luke: Kevin Porter
Kate Walsh: Olivia Baker
Andrew "Andy" Baker: Brian d'Arcy James
Skye Miller: Sosie Bacon
Preside Gary Bolan: Steven Weber
Agente Standall: Mark Pellegrino
Marcus Cole: Steven Silver
Ryan Shaver: Tommy Dorfman
Sheri: Ajiona Alexus
Courtney Crimsen: Michele Selene Ang
Matt Jensen: Josh Hamilton
Mrs. Bradley: Keiko Agena
Brad: Henry Zaga
Pratters: Uriah Shelton
Jeff Atkins: Brandon Larracuente
Montgomery de la Cruz: Timothy Granaderos
Todd Crimsen: Robert Gant

Prima visione
Pubblicazione originale Data 31 marzo 2017
Sito web Netflix
Pubblicazione in italiano Data 31 marzo 2017
Sito web Netflix

Opinione
Avevo parlato del libro (qui) e del fatto che non ero sicura di vedere il telefilm, da cui è stato tratto.
Ma alla fin fine la curiosità ha vinto e ho iniziato a guardarlo e in breve l'ho divorato.
Ammetto che ci sono delle differenze tra questi due, ma è stato fatto un buon lavoro per adattarlo al meglio, anche se ridurre il tempo di ogni puntata avrebbe reso una storia migliore e più scorrevole.
Non mi soffermerò sulle differenze tra libro e serie tv, lo farò domani.
Per ora vi parlerò un po' (Spoiler Free) di questa serie televisiva.

Il protagonista è Clay (Dylan Minnette), un giovane che tornando a casa da scuola un giorno trova un pacco ad attenderlo, senza mittente. Aprendolo si trova davanti delle cassette, numerate da 1 a 13. Ascoltando la prima si rende conto che a parlare è Hannah, una sua compagna di scuola della quale è innamorato....ma lei si è suicidata qualche settimana prima.
Spiega che devono essere ascoltate e poi mandate alla prossima persona della lista, poiché chi riceve le cassette fa parte della sua storia e dei motivi che l'hanno spinta a quel gesto. E devono capire che anche cose che ritengono insignificanti hanno un peso.
Ogni cassetta è dedicata ad una persona, quindi anche Clay ne fa parte, avendole ricevute. Ma cosa avrà fatto?

Inizierà un viaggio faticoso per lui, dovendo ascoltare una voce che non potrà mai più sentire e scoprire segreti su alcuni compagni che credeva di conoscere.

Ogni puntata è dedicata ad una cassetta e quindi ad una persona, e al suo segreto.
Quello che ha fatto e di cosa ha comportato per Hannah.
Infatti ci renderemo conto presto che basta davvero poco per causare davvero tanti danni. Come una frana, basta una piccola roccia, seguita da un'altra, ed in poco tempo nulla si può fermare.
Tutto crolla.




Una serie cha fa riflettere molto e che, rispetto al libro, forse punta ad un target di maggiore età.
Infatti avverte che sono presenti scene che potrebbero turbare.
L'ho trovata davvero ben fatta, anche se a volte si perde un po' in dettagli superflui e annoia un po'.
Tratta dei temi davvero delicati, tra cui il bullismo ed il suicidio. Vediamo queste cose sia attraverso gli occhi di Hannah (Katherine Langford) che ripropone attraverso le cassette e i flashback la sua storia, e li rivediamo anche attraverso Clay nel presente, con gli effetti che ha portato la morte di Hannah.
Vediamo anche la sofferenza dei genitori della ragazza, che non sanno cosa sia potuto accadere, in cerca di risposte e di dare la colpa a qualcuno o qualcosa, intentando causa alla scuola.

Tra i personaggi che mi hanno colpito maggiormente c'è Tony (Christian Navarro) che riesce a rendere il suo personaggio interessante, nonostante sia differente dal libro. Sono riusciti a dargli spessore e intensità.
I protagonisti sono eccellenti, Clay e Hannah riescono a far entrare chi guarda in sintonia con questa storia, e con i loro problemi, portando la storia tra passato e presente. Non voglio soffermarmi ad elencarli tutti, ma il cast è composto da bravi attori, che si fanno amare ed odiare, a seconda del ruolo che interpreteranno in questa storia.

Ne consiglio la visione, porta a riflettere e a capire che fin troppo spesso basterebbe davvero poco per fare la differenza. Nessuno deve essere indifferente se nota qualche segnale. Nessuno deve essere lasciato solo per colpa di voci o altro. Un piccolo gesto può fare la differenza.
Ed i vari personaggi a volte se lo chiederanno:
se avessi/non avessi fatto quella cosa, sarebbe andata in modo diverso?


Curiosità
Nello stesso giorno (dell'uscita) è stato anche distribuito il documentario Tredici: oltre i perché, in cui i produttori, il cast della serie e alcuni psicologi discutono dei temi trattati nella serie come depressione, bullismo e violenza sessuale.

Poster Promozionali

 

Nessun commento:

Posta un commento