sabato 8 aprile 2017

Sabato Horror: The Hoarder






 


Titolo originale The Hoarder
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 2015
Durata 84 min
Genere horror, thriller
Regia Matt Winn
Sceneggiatura  James Handel, Matt Winn









Interpreti e personaggi
Mischa Barton ...
Ella
Robert Knepper ...
Vince
Emily Atack ...
Molly
Valene Kane ...
Willow
Charlotte Salt ...
Sarah
Andrew Buckley ...
Stephen
Ed Cooper Clarke ...
Brad
John Sackville ...
Ian
Philip Philmar ...
Jeffrey
Richard Sumitro ...
Rashid
Jamie Bacon ...
Wayne


Trama
L'affascinante Ella scopre un giorno che il fidanzato, un banchiere di Wall Street, ha affittato di nascosto un deposito, e lei teme che lo abbia fatto per nasconderle una relazione. Con l'aiuto di Molly, la sua migliore amica, s'intrufola nella struttura ma quello che scopre è decisamente più terrificante.
 
Trailer

Opinione 

.....no, no, No, NO, NO!!!!
Osceno, orribile, inguardabile....

Girando su Sky l'ho trovato nel reparto horror e mi sono buttata per curiosità.
Mai l'avessi fatto!
Vi dico che avrei voluto mandare avanti per cercare di velocizzare e arrivare alla fine, perchè è insopportabile.
Gli attori sono pessimi, fanno sbadigliare (non so se sia il doppiaggio o se facciano così schifo pure in lingua originale);
La storia non ha il minimo senso logico e procede a stento, con i soliti clichè: sconosciuti intrappolati e qualcosa che da loro la caccia.
Ammetto che la trovata verso la fine è interessante, ma è totalmente sprecata perchè è messo in scena in modo orribile. Non può salvare nulla.
Per non parlare degli ultimi minuti: prevedibilissimi! (Come il resto, d'altronde)
Non lo guardate!!!


Vi Racconto La Trama
(Con Spoiler!)
Visto quanto fa schifo, vi risparmio e vi riassumo la storia.


Emma, la nostra protagonista, è una rompiballe che deve sposarsi ma teme che il suo fidanzato la tradisca perchè ha affittato un magazzino e ci tiene la loro roba.
Quindi chiede(obbliga) la sua migliore amica ad aiutarla ad indagare.
Vanno in questo enorme deposito, che (ovviamente) ha tutti i vari reparti sottoterra su quattro piani.
Il proprierario le fa entrare senza problemi. 
Loro scendono fino al quarto, dove servirebbe una chiave speciale per entrare, ma Molly è una perfetta scassinatrice, quindi entrano.
Altro problema: le luci. (Un classico!)
Sono a tempo quindi bisogna cliccare sugli interruttori o tutto diventa buio, luce dopo luce.
Arrivano alla fine trovando la porta, ma devono strusciare molte volte la tessera perchè non si apre, e quando lo fa Molly entra le luci si spengono (ma vah?!), ha un'accendino in tasca e lo accende, dicendo che sente aria e, non appena torna la luce, qualcosa la aggredisce. Quando Emma si volta la vede attaccata col le braccia quasi in cima alla porta (wtf?!) che chiede aiuto, prima che la porta sbatta. Mille tentativi inutili per aprire la porta e, quando accade, trova una figura umanoide ma strana accanto al cadavere dell'amica con uno squarcio sulla gola.

Scappa terrorizzata, lanciando via la borsa (ma perchè?!?). Torna in ascensore, ma si blocca. Scappa sul tetto e si arrampica fino al terzo piano dove l'attende il poliziotto più stereotipato del mondo: arrogante, macho,....
E una tizia totalmente stralunata, Willow.
Racconta cosa sia accaduto, ovviamente non viene creduta. Vince scende e non riesce ad aprire la porta, ma trova un'impronta insanguinata. Torna su e finge che non sia accaduto nulla.
Anzi, le rivela che sono due idiote, perchè hanno letto male il numero ed il magazzino era al terzo piano. Si fa convincere comunque ad andare a chiamare aiuto. Ma senza ascensore devono usare le scale, chiuse con un catenaccio.

Nel frattempo il posto sta per chiudere e Stephen (il capo) manda l'aiutante a fare un giro per controllare che non ci sia nessuno.
Ci sono una coppia che sta per divorziare (Ian e Sarah).
Il fattone (perchè è ovvio) si chiude per farsi una canna, ma sente un rumore e viene ucciso. Da chi, non si capisce.
Sarah chiede ad Ian di andare a chiedere più tempo perchè deve assolutamente trovare un paio di scarpe rosse (mai la superficialità è così forte come negli horror), quindi lui finisce per incontrare Emma e gli altri, bloccati. Gli rivelano che c'è qualcuno di pericoloso e lui corre indietro, ma troppo tardi.
Sarah è stata aggredita e restano solo scie di sangue.
Ovviamente Vince e Ian si attaccano, invece di cercare soluzioni.

Si imbattono poi in Rashid, un uomo che le ragazze avevano incontrato scendendo all'inizio di tutto. Si scopre che vive lì e che di notte si sentono cose strane, ma conosce il ripostiglio e prendono tronchesi, una sega circolare e un nastr adesivo, per non far scattare le luci.
Willow da fuori di testa e si accende una sigaretta, scatta il sistema d'allarme e salta fuori quella "creatura" che attacca Willow in una scena al limite del ridicolo.
Scene al rallenty che non c'entrano nulla!
Ma il nostro prode poliziotto spara e colpisce alla spalla la "creatura", facendola scappare.

Si accorgono che le porte si chiudono e li isolano dalle scale, obbligandoli a rimanere in uno spazio ancora più ristretto. Solo Rashid è riuscito a passare, ma (indovinate un po'?) si fa ammazzare con la sega circolare che ha in mano.
No comment.

Decidono di cercare altre scale, dietro una porta chiusa a chiave, che il poliziotto fa saltare con una pallottola. In cima l'uscita è murata (ma perchè?!?)
Vince li convince a tornare al terzo piano, dove prende uno zaino colmo di soldi.
Ovviamente è corrotto (o qualcosa di simile) e vuole portarli con sè, in modo che se ne uscirà vivo e la polizia investigherà, non li potranno trovare (mentre parlano si succedono immagini dove lo zaino passa magicamente da una spalla sola ad entrambe....imbarazzante!)
Litigano ancora e si separano. (Geniale!)
In cinque minuti gli si apre lo zaino, decide di raccogliere le mazzette nel modo più stupido mai esistito e viene ucciso da una lama.

I tre sopravvissuti decidono di tentare la sorte attraverso il quarto piano, perchè Emma ricorda l'amica che le aveva detto di sentire aria. Quindi c'è una possibile uscita.
Willow, con la scusa del diabete, va nel suo magazzino ma (sorpresa!) è una tossica che si fa e la devono lasciare lì.
Entra qualcuno, lei riesce a stordirsi da sola e viene incelofanata.
(E quì iniziano i dubbi e si inizia a fare due più due).

Scendono e, aprendo la porta, si trovano davanti a molte porte con una finestrella e una specie di beveraggio per criceti attaccato fuori. Lei va ad indagare, mentre nessuno ha la geniale idea di sbirciare e capire cosa ci sia in ogni "gabbia".
Quando lei capisce cosa sta succedendo, vedendo il berretto del proprietario, una porta si apre e Ian spara (con una pistola che gli ha dato Willow), colpendo Sarah che era stata rinchiusa e la bocca cucita. Sotto shock, tocca ad emma nasconderlo in una di quelle celle, spegnendo tutto, e vedendo Stephen arrivare con Willow e, con una sparachiodi, chiuderle la bocca. Con tanto di paroline dolci.

Quando se ne va, escono, ma vengono aggrediti da Stephen. Ian viene colpito ma Emma scappa.
Ed inizia "l'inutile corsa", ovvero quando lei corre ma dietro ad ogni angolo il mostro è in agguato. Riesce a nascondersi nel deposito del fidanzato e trova l'agendina, rivelando che è parecchio strana anche lei! Maniaca del controllo e la infila in tasca, facendo cadere degli oggetti che lo fanno arrivare. Lotta inutile, ma scappa (anche se mi chiedo: perchè non lo ammazzi di botte?), grazie all'intervento del "mostro", che in realtà è uno dei prigionieri, ma che viene ucciso.
(E qui ti spiace per quel povero tapino)
Così lui esce, le sbarra la strada e lei....si arrende!!!
(MA CHE CAVOLO?!?)

Si risveglia su un tavolo da obitorio accanto ad Ian, già sottoposto al trattamento.
Le spiega che è tutta colpa sua per aver fatto scappare Jeffery (ovvero, quel poveretto che credevano un assassino, un mostro).
Lo prega di lasciarla andare (siiii, ma ceeertoooo).
"Casualmente" ha finito le munizioni, così li lascia soli. Ian le passa un bisturi (che non si capisce perchè non lo abbia ancora usato lui), così si libera e quando torna lo colpisce.
Riprende la sua agendina e scappa nei sotterranei ed inciampa su Molly, facendosi sentire e ricominciando la corsa.
Arriva ad una scalinata verso la luce, sale e riesce ad uscire, ma (non si sa come) l'agendina resta incastrata, così (al posto di scappare) lei riapre e viene agguantata.
(E con un: Te lo meriti!!!)

Finale:
Il fidanzato torna al deposito, raccontando al proprietario che vuole vendere tutto perchè la fidanzata è scappata, scomparsa insieme alla migliore amica. Che non si conoscono mai le persone.
E quando chiede di veder il deposito restano un paio di secondi bloccati entrambi.
Lui fissando il vuoto e Stephen con un taglierino pronto a scattare.
Si salva, alzando le spalle e dicendo che non gli interessa più nulla, di vendere tutto...mentre poi la telecamera scende e troviamo Emma che piange, con la bocca cucita, dentro la cella, scoprendo che ce ne sono molte altre oltre quelle che aveva visto.

Conclusione
L'idea del "collezionista" non è malaccio, una mente malata che nasconde le persone trattandole quasi da criceti, anche se è tutto lasciato al caso, non si sa perchè, come, da dove,....
Insomma, lui rinchiude chi ha scoperto il suo segreto e che non può lasciarlo andare via, riducendolo al silenzio e alla sua mercè, prendendosene cura però.
Non ha senso!
E' piuttosto originale come espediente per un killer, come il depistaggio mostro/vittima, ma tutto si perde per l'incapacità di rendere la trama interessante e ben fatta.

Nessun commento:

Posta un commento