lunedì 26 marzo 2018

Venerdì sera è finita la seconda stagione di "American Crime Story": "The Assassination Of Gianni Versace (L'Assassinio Di Gianni Versace). Una serie particolare e molto bella che si concentra su Cunanan, raccontano andando indietro nel tempo ciò che lo ha portato fino a competere quell'omicidio, il quinto senza mai essere fermato. Anche in questo caso c'è chi l'ha trovata noiosa e dispersiva, e chi l'ha adorata (come me). Ve ne parlo meglio sul Blog. Il mio consiglio? Guardatela! Davvero bella con attori straordinari.... #americancrimestorytheassassinationofgianniversace #davedere #americancrimestory #truestory #serie #tv #serietv #americancrimestoryversace #foxtv #gianniversace #serietvdipendente #storiavera #dramaseries #foxcrime #versace #andrewcunanan #series #assassiniodigianniversace #fox #serietvaddicted #assassinationofgianniversace #serietvmania #cunanan #drama #vedere @viaggiatricepigra


via IFTTT

American Crime Story: L'Assassinio Di Gianni Versace (Opinione su questa Seconda Stagione)

Avevo iniziato a pararvene prima di iniziare a guardarla (qui) ed ora, dopo l'ultima puntata che chiude questa seconda stagione di questa serie così particolare, proverò a parlarvene.
Non approfondirò le puntate, per non guastarvi la visione, ma i fatti sono noti ed accaduti più di vent'anni fa quindi su alcune cose non si può proprio parlare di Spoiler.
Se non volete sapere nulla, guardatelo perché merita ma non leggete.

In breve: Wow!
Anche questa seconda stagione di "American Crime Story" ha portato una storia incredibile e l'ha regalata al pubblico con uno stile particolare, portando attenzioni non solo alla storia narrata, ma facendo riflettere su quello che viene raccontato.

Ma prima di tutto vorrei porre una cosa che mi ha infastidito in primo piano:
perché il titolo è "L'Assassinio di Gianni Versace"?
Durante le puntate Versace è una macchia sullo sfondo, quando compare. Non serve molto ai fini narrativi, era solamente l'ultima e la più famosa vittima di Cunanan, per il resto viene raccontata la sua vita, ciò che lo porta a diventare un truffatore e a perdere il controllo uccidendo cinque uomini.
Forse è questo il punto.
Una delle tragedie di cui parla questa serie.
Ha ucciso così tante persone, eppure doveva arrivare fino a Versace prima che le acque si smuovessero abbastanza per metterlo in cima alla lista di ricercati e sbattere la sua faccia ovunque?
Purtroppo pare di si...



Tornando alla serie, questa seconda stagione ha uno stile completamente diverso per raccontare questa storia: partendo dalla fine, andando indietro nel tempo.
Nel primo episodio siamo a Miami il 15 luglio del 1997, quando Cunanan sparò a Versace sulla soglia di casa sua, uccidendolo e riuscendo poi a scappare dalla polizia. Ma Cunanan non è un volto sconosciuto perché l'FBI sapeva chi era, che aveva già ucciso, ma non avendo divulgato le foto non ha evitato quest'ultima morte.
Già solo con questa apertura fa venire i brividi allo spettatore.
Gli attori sono incredibili, le musiche straordinarie ad avvolgere tutto,...poi i costumi, gli ambienti.
Insomma, colpisce in pieno e fa venire voglia di saperne di più!
Ma attenzione, perché il titolo inganna.
Io per prima pensavo fosse qualcosa di simile al precedente (O.J.Simpson) e che la storia andasse avanti, concentrandosi appunto sull'Assassinio di Versace.
Invece ci troviamo a conoscere l'Assassino sempre meglio, puntata dopo puntata, andando indietro nelle tappe fondamentali che lo portarono ad essere una mina vagante.
Tutto questo porterà ad odiare Cunanan per i suoi comportamenti, per i suoi capricci, le morti senza senso che provocherà,....perché effettivamente, anche se non si scoprirà mai tutto ciò che c'era dietro alle sue azioni, sembrano solo invidia per una vita lussuosa che non è riuscito ad ottenere senza fare nulla. Eppure in certi momenti lo compatiremo e proveremo pena per lui, nonostante ciò che sappiamo farà.
Darren Criss è straordinario in questo ruolo!
Regala questa altalena di emozioni allo spettatore, rendendo un personaggio difficile non solo credibile, ma reale nelle sue sfaccettature.
Un giovane uomo che vuole spiccare nell'ambiente gay, diventare famoso e ricco, ma senza fare nulla. In molti gli diranno che ha talento e basterebbe poco impegno perché riesca ad avverare i suoi sogni, eppure non ne vuole sapere. E' un abile imbroglione, un manipolatore eccezionale, riesce a ribaltare la sua storia in mille modi, camaleontico e senza rimorsi. Pensa solo a se stesso ed al suo benessere, passando sopra chiunque per ottenere ciò che desidera, amici e non.
Una persona malata, viziata, egocentrica, che porterà solo sventura a chi incrocerà la sua strada.
Eppure intrigante, per questo lato, incuriosendo lo spettatore che vuole saperne di più, per capire qualcosa che mai avrà una spiegazione, di nessun genere.
Come già dicevo, Versace e la sua famiglia restano marginali, faranno qualche comparsa qua e là, ma non ne capisco appieno lo scopo.
Metter a confronto le due vite? Eppure sono diversi, fin dall'infanzia. L'unica cosa in comune è l'essere gay.

Questo un altro punto che resta in sottofondo, ma che fa riflettere: l'omofobia.
Spesso infatti ci troviamo a vedere casi palesi e a renderci conto che in vent'anni abbiamo fatto strada ma (purtroppo) non tanta quanto si vorrebbe. Infatti alcuni omicidi vengono quasi non calcolati perché le vittime erano gay (uno dei motivi per cui si suppone la poca importanza data dall'FBI a Cunanan) o alcuni casi di aggressioni "declassate" perché la vittima era omosessuale.



Consiglio di guardarla è una serie davvero ben fatta, in ogni senso.
Anche in questo caso, anche semplicemente la somiglianza fra attori scelti e persone reali è impressionante; senza parlare poi del talento.
Ora non resta che aspettare la prossima stagione e scoprire la prossima storia.

L'Incubo Di Biancaneve, di Scarlet Danae #LIncuboDiBiancaneve #LaCittàDeiMercenari #ScarletDanae #leggere #leggerechepassione #reading #bookporn #leggeresempre #booknow #leggerefabene #bookblog #read #booklove #amoleggere #libridaleggere #daleggere #viaggiatricepigra


via IFTTT

venerdì 23 marzo 2018

Carmilla, Le Fanu #Carmilla #LeFanu #bookblog #readabook #booklover #read #booknerd #bookaholic #reading #leggere #bookblogger #reader #book #viaggiatricepigra


via IFTTT

Finalmente vi parlo di questo piccolo libretto che contiene 3 racconti di Le Fanu, tra cui il famosissimo "Carmilla". #Carmilla #LeFanu #bookblog #readabook #bookphotography #bookworm #bookblogging #instabook #booklove #readersofinstagram #bookaddict #booklover #read #booknerd #bookaholic #reading #leggere #bookblogger #reader #book #Swap3.0 #LiberaLoScaffale2018 #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

Opinione: Carmilla: La vampira e il detective dell’occulto, di Joseph Sheridan Le Fanu

http://amzn.to/2HHvAwK
Cliccando sulla Cover si va su Amazon
 
I racconti qui presentati, "Tè verde", "Il giudice Harbottle" e "Carmilla", appartengono alla raccolta "In a Glass Darkly". Composti in momenti differenti e pubblicati su varie riviste e poi riuniti nel 1872, i singoli racconti, benché diversissime siano le storie ivi riportate, possono essere considerati parti di un’unica narrazione, fatta di oscure risonanze e di sinistri riflessi. Elemento esterno unificante è la figura-cornice del Dottor Hesselius, medico, psicologo, mistico e metafisico tedesco, primo “detective dell’occulto” della letteratura europea.
Con questi racconti, Le Fanu ci invita a guardare nello specchio del reale con la consapevolezza che quanto vedremo non sarà la verità, ma una sua ombra confusa, il riflesso baluginante di qualcosa che sfugge al controllo della ragione.
"Tè verde" (1869) è la storia del reverendo Jennings che, dopo la lettura di "certi volumi antichi, inconsueti, edizioni tedesche di testi in latino medievale", mentre torna a casa con l’omnibus, vede comparire una misteriosa scimmia, che da quel momento in poi, tra improvvise sparizioni e scoraggianti ricomparse, continuerà a seguirlo fissandolo con languore maligno. "Il giudice Harbottle" (1872) è il funesto racconto della nemesi piombata su Mr Harbottle, uomo malvagio e corrotto, culminante nell’onirica condanna a morte dello stesso da parte del giudice capo Twofold (letteralmente "Doppione"). "Carmilla", infine, il più famoso dei racconti di Le Fanu, narra le astuzie e i languori della vampira Carmilla.

.° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Un classico che mi incuriosiva da tempo e che ho letto dopo un consiglio, per la sfida #LiberaLoScaffale2018. In questa raccolta abbiamo tre racconti di Le Fanu: "Tè Verde", "Il Giudice Harbottle" e "Carmilla", il suo romanzo più famoso e quello che mi ispirava di più.
Come spesso mi "lamento" con lo stile ho faticato un po', essendo molto descrittivo e con uno stile horror piuttosto vecchiotto (ricordo che sono stati scritti dopo la metà del 1800).
Il filo comune che unisce tutti i racconti è il dottor Martin Hesselius (che può essere definito un Detective dell'Occulto, per la sua conoscenza in molti campi), o per meglio dire il suo assistente che ha avuto il compito di riscrivere lettere e/o appunti del dottore durante i suoi anni in cui lo accompagnava, e che ci presenterà questi vari casi, riproponendoli al lettore attraverso questo espediente narrativo piuttosto originale.

Il primo racconto "Tè Verde" è il più breve dei tre, piuttosto noioso inizialmente mentre presenta il caso lasciando il lettore all'oscuro fino all'ultimo di cosa stia accadendo. Si muove sul "vedo/non vedo" per tenere sulla corda chi legge fino alle ultime righe. Un pochino noioso a tratti, eppure originale.
Il secondo "Il Giudice Harbottle" è il più pesante dei tre; più lungo del primo e si disperde un po' durante la narrazione, partendo da un punto e raccontando i fatti tornando indietro fino ad arrivare a parlare della questione in esame (del racconto). Originale anche questo, eppure lento.

Ed arriviamo all'ultimo, al famoso "Carmilla", che occupa metà di questa raccolta, ma fin troppo breve per la storia proposta. Laura è una giovane donna che ci racconterà questa storia attraverso delle lettere per ricostruire tutto ciò che ha passato. Viveva con il padre in un piccolo villaggio dell'Austria, vicino all'Ungheria, ma soffriva la solitudine, essendo l'unica ragazza giovane in quel luogo; insieme a lei ed il padre vivevano solo la sua governante ed un insegnante, che (a causa di un incubo avuto da bambina) la sorvegliavano quasi costantemente. Sarà dopo la morte di una sua coetanea che doveva farle visita che si imbatteranno in Carmilla, una giovane donna come Laura che però non è molto in salute e sua madre, che doveva fare un viaggio urgente, non sapeva a chi affidarla. Si offriranno di ospitarla sotto il loro tetto, ma sarà l'inizio di strani episodi intorno a quel luogo, che lentamente inizieranno a colpire anche la stessa Laura.
Un racconto interessante ed originale, che presenta in chiave particolare il vampirismo attraverso una donna manipolatrice, famelica e molto scaltra, lasciandoci alcuni dubbi fino alla fine, quando sarà il dottor Hesselius a spiegarci alcune cose, attraverso gli studi fatti negli anni.
E ricordandoci dell'epoca in cui fu scritto, lo trovo ancora più incredibile.

Cercherò poi altri racconti scritti da questo autore, perché mi ha incuriosito nonostante tutto.
Se amate i classici non potete perderlo.
Nel dubbio, merita anche solo per leggere Carmilla, mi ha davvero conquistato.

giovedì 22 marzo 2018

Genesis, di Bernard Beckett #Genesis #BernardBeckett#reading #leggere #leggo #libro #book #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Questa mattina vi parlo del secondo volume dello Swap3.0: Genesis. Un distopico per ragazzi, ma con potenziale per esser letto da tutti 😉 #Genesis #BernardBeckett #Swap3.0 #instalibro #reader #bookblogger #libro #booklover #bookshelf #read #leggerechepassione #booklovers #leggeresempre #bookblog #leggerefabene #book #reading #bookish #libridaleggere #amoleggere #leggere #booklove #bookaholic #booknerd #bookaddict #bookporn #booksofinstagram #bookworm #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

Opinione: Genesis, di Bernard Beckett

http://amzn.to/2u0FKXw
Cliccando sulla Cover si va su Amzon
Anax vuole essere ammessa all'Accademia, il luogo del potere, l'istituzione più prestigiosa della Repubblica. Per farlo ha studiato a lungo col suo maestro, Pericles, e ha preparato una ricerca su Adam Forde, scomparso nel 2077, eroe nazionale che osò opporsi al regime e per punizione fu rinchiuso per mesi in una stanza con Artfink, l'androide più evoluto che la tecnologia avesse mai concepito. Anax dovrà esporre le sue tesi per cinque ore davanti a uno commissione. Ed è assistendo a questo esame che il lettore scopre insieme ad Anax - che le cose non sono andate proprio come sono state raccontate. Dal dialogo tra l'uomo e il robot emergono interrogativi fondamentali: che cosa ci rende umani, e dunque diversi dalle macchine? Se l'intelligenza artificiale supera ogni aspettativa, può forse sopravanzare l'umanità? Se lo è chiesto Adam Forde e ora se lo chiede Anax, impegnata in un confronto con la storia e con se stessa che la porterà a scoprire un'amara, sorprendente verità.

.° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Secondo libro dello Swap3.0.  (Non sapete cosa sia? Ve ne parliamo qui )
In questo caso invece ho adorato questa lettura strana e particolare, ma più nelle mie corde.
La protagonista del racconto è Anax, una giovane che vuole essere ammessa all'Accademia e per poterlo fare deve superare una prova di cinque ore davanti una commissione. Lei si è preparata molto col suo maestro Pericles, portando una ricerca su Adam Forde, ma andando avanti le ore lei scoprirà che ci sono dei segreti custoditi nell'Accademia, alcuni molto pericolosi da scoprire.

La storia è divisa in quattro parti, intermezzate da delle pause, che la commissione le da fra una sessione e l'altra, durante le quali scopriremo qualcosa in più sulla protagonista.
Per il resto sentiremo la sua tesi su Adam e ciò che fece, fra la sua ricerca e frammenti di dialogo fra Anax e la commissione per metterla alla prova per capire cosa ne pensi.
Una storia che racconta come Adam a mise in discussione i regime compiendo scelte che lo fecero finire rinchiuso con Art, un androide estremamente intelligente, con il quale avranno lunghi dibattiti riguardo le macchine e il loro potenziale. Punto focale, su cui la commissione si focalizzerà.
Interessante e piuttosto scorrevole, propone una storia nuova e che fa riflettere, lasciando sgomento il lettore alla fine di tutto quando, insieme ad Anax, la verità verrà a galla.
Dovrebbe essere una lettura per ragazzi, ma ancora una volta credo che non si possa limitare solo a loro per il potenziale che ha.
Tenetelo presente!

mercoledì 21 marzo 2018

Oggi sul Blog vi parlo della versione cinematografica del libro di Jane Howking "Verso L'Infinito". Straordinario! 😍 #biografico #davedere #drammatico #EddieRedmayne #FelicityJones, #film #JamesMarsh #JaneWildeHawking #LaTeoriaDelTutto #sentimentale, #StephenHawking, #TheTheoryofEverything #movie #movietime #movieposter #goodmovie #movienight #filmisnotdead #cinema #tosee #moviestar #movielover #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

La Teoria Del Tutto





Titolo originale The Theory of Everything 
Paese di produzione Regno Unito
Anno 2014
Durata 123 min
Genere biografico, drammatico, sentimentale
Regia James Marsh
Soggetto Jane Wilde Hawking (biografia)








Interpreti e personaggi
Eddie Redmayne: Stephen Hawking
Felicity Jones, Jane Wilde Hawking, Eddie Redmayne
Stephen Hawking
Felicity Jones: Jane Wilde Hawking
Maxine Peake: Elaine Mason
Charlie Cox: Jonathan Hellyer Jones
Emily Watson: Beryl Wilde
Guy Oliver-Watts: George Wilde
David Thewlis: Dennis William Sciama
Harry Lloyd: Brian
Simon McBurney: Frank Hawking
Abigail Crutenden: Isabel Hawking
Charlotte Hope: Philippa Hawking
Lucy Chappell: Mary Hawking
Christian McKay: Roger Penrose
Enzo Cilenti: Kip Thorne
Alice Orr-Ewing: Diana King
Georg Nikoloff: Isaak Markovich Khalatnikov
Thomas Morrison: Carter
Michael Marcus: Ellis
Gruffudd Glyn: Rees
Simon Chandler: John Taylor
Tom Prior: Robert Hawking

Trama
La Teoria del Tutto, il film diretto da James Marsh, racconta la storia del più grande e celebrato fisico della nostra epoca, Stephen Hawking (1942-2018), e di Jane Wilde, la studentessa di Arte di cui si è innamorato mentre studiavano insieme a Cambridge negli anni 60.
All'età di 21 anni, Stephen Hawking (Eddie Redmayne), brillante studente di cosmologia, è stato colpito da una malattia terminale per la quale, secondo le diagnosi dei medici, gli sarebbero rimasti 2 anni di vita. Stimolato però all'amore della sua compagna di studi a Cambridge, Jane Wilde (Felicity Jones), arrivò ad essere chiamato il successore di Einstein, oltre a diventare un marito e un padre dei loro tre figli. Durante il loro matrimonio allo stesso modo in cui il corpo di Stephen si indeboliva, dall’altro lato la sua fama accademica saliva alle stelle. Il professor Stephen Hawking è uno dei più famosi scienziati della nostra epoca e autore del bestseller "A Brief History of Time", che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo.

Trailer


Davvero un film eccezionale!
Avevo letto il libro da cui hanno poi tratto il film "Verso L'Infinito", che pensavo di aver recensito invece la memoria mi ha tratto in inganno (se non lo avete ancora letto: fatelo! E' incredibilmente bello); e quindi era in lista anche la visione ma ogni volta che mi veniva in mente rimandavo, fino a settimana scorsa quando è scomparso Stephen Hawking e lo hanno dato in televisione.

Eddie Redmayne è un nome che resta impresso, basta vederlo recitare una volta e ti incanta; infatti era una delle ragioni per cui pensavo che il film sarebbe stato bello: è un attore straordinario che riesce a portare sullo schermo personaggi davvero difficili e delicati (per esempio nel film "Danish Girl", dove interpreta il primo transessuale che si è sottoposto ad intervento chirurgico, ne parlo qui se siete curiosi a riguardo).
Insomma, bravissimo e mi ha decisamente sorpreso anche in questo ruolo, estremamente complesso per il quale penso che riesca ad incantare chiunque lo guardi, trasportandolo dentro la storia, fra la malattia e la vita di Hawking.
Persino il professor Hawking si è complimentato per il lavoro svolto (in generale) e ha deciso di "donare" la sua voce per la parte finale del film.
Redmayne ha lavorato tantissimo per prepararsi a questo ruolo, sia guardando molte riprese di Hawking, che lavorando sul suo corpo, perdendo molti chili, imparando a gestire la "fisicità" e le "movenze" dei malati (passando anche del tempo con chi soffre di SLA), fermandosi davanti allo specchio provando e riprovando espressioni e pose,...ed il tutto ha dato vita a qualcosa di stupefacente, permettendo allo spettatore di entrare in questa storia vera e mostrandogli tutto ciò che accade durante la vita e la malattia di Hawking; recitando in un modo così emozionante che ti coinvolge in modo totale, trascinandoti in questa storia d'amore davvero unica.

Ma non solo lui è bravo, anche la sua compagna di scena Felicity Jones, che interpreta la prima moglie di Hawking è perfetta per quel ruolo. (Nel romanzo è lei la voce narrante) raccontando ai lettori questo amore così forte, ma anche la sua forza, combattendo per il suo uomo, insieme a lui contro la malattia e contro il mondo che non era al passo con questi problemi, portando avanti la famiglia senza fermarsi di fronte a nulla.

Lo potete vedere anche da voi quanto il cast sia azzeccato, non solo come bravura (la foto a sinistra). Redmayne e Jones raccontano questa storia dal primo incontro fra Stephen e Jane, di come si siano trovati ed innamorati, prima che la malattia si manifestasse; e di come Jane non si sia arresa e abbia voluto stare accanto a Stephen, nonostante gli avessero dato solo un paio d'anni di vita. Si sposarono presto, molto giovani, ed ebbero in tutto tre figli (nonostante la malattia progressiva di Stephen).
Nel libro Jane ci parla molto di più della loro vita, meno della carriera del marito, permettendo al lettore di vedere oltre la facciata dello scienziato intelligentissimo, guardando il lato umano: a volte dolce, spesso testardo, qualche volta infantile,...di Stephen. Tutte sfaccettature umane e vere, che permettono di comprendere meglio la situazione.
Nel film hanno messo lui al centro della storia, alternando la famiglia alla carriera, ma riesce a rendere perfettamente anche in quel modo, perché ci sono comunque molte scene che mostrano i risvolti di frustrazione fra malattia e problemi di qualunque coppia.


Una storia che sicuramente tocca i cuori del pubblico e che fa riflettere molto sul significato di Forza.
Guardatela! Non ve ne pentirete...



 

martedì 20 marzo 2018

Opinione: Kim, di Rudyard Kipling

http://amzn.to/2G4n3Xs
Cliccando sulla Cover si va su Amazon
Nato in India da genitori irlandesi, Kimball O’Hara ha imparato a vivere di espedienti per le strade di Lahore come ogni bambino indiano, anche se le sue origini fanno di lui un sahib, un privilegiato. Quando conosce il vecchio asceta tibetano Teshu, decide di diventare suo discepolo e di accompagnarlo nel suo pellegrinaggio alla ricerca di un mitico fiume purificatore, le cui acque redimono dalla Ruota della Vita. Ma presto è richiamato ai suoi doveri di “bianco” e viene travolto dal Grande Gioco dell’imperialismo, un mondo affascinante e avventuroso che però lo allontanerà dagli antichi valori della cultura indiana appresi nel corso della sua intensa amicizia con Teshu. Kim ci offre così il racconto dello strenuo tentativo di riconciliare due culture quanto mai opposte, ma anche la celebrazione di un’amicizia cui fa da sfondo l’opulenza dei paesaggi indiani, deturpati dall’opprimente presenza del dominio britannico.

.° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Questo è il primo libro che inaugura lo Swap3.0 che ho letto.
Cos'è lo Swap3.0?? Ve ne parliamo quì
Ammetto che è sempre un piacere misto a paura leggere libri che qualcuno ha amato e di cui non sai nulla. Si rimane in bilico, potendo alla fine scoprire qualcosa che ti conquista oppure qualcosa che proprio non fa per te. E purtroppo mi ritrovo in quest'ultimo caso.
Come mi sto lamentando da un po', faccio fatica a leggere. A volte le storie non mi conquistano, a volte mi sento di prendere tempo per godermi una lettura, altre non ho nemmeno voglia di aprire un volume. Questo non ha giovato.

E' un bel libro, nel complesso, ma ho fatto terribilmente a pugni con lo stile che non fa per me.
Molto descrittivo e lento, racconta la vita di Kim, un ragazzino bianco che ha imparato a vivere e cavarsela da solo per le strade di Lahore, fino all'incontro con un vecchio lama, decidendo di accompagnarlo verso la ricerca di un Fiume.
Lui è molto sveglio ed intelligente, dimostrerà fin da subito queste doti accompagnando quel vecchio e rimanendogli accanto, affezionandosi sempre di più a lui e imparando ciò che gli insegna.
Ma la strada è lunga e la via non è conosciuta, così inseguendo una profezia Kim si ritrova bloccato nel mondo dei bianchi, a dover fare le loro scuole per diventare ciò che loro aspirano per lui, nonostante lui si ribelli con ogni fibra del suo corpo.
Sarà il lama a fargli accettare questo percorso, comprendendo quanto possa fargli bene l'istruzione e "costringendolo" a seguire questi studi. Ma Kim è nato dalla strada, non riesce a rimanere troppo negli schemi, ed anche crescendo unirà in fretta la sua abilità imparata da piccolo alle conoscenze della scuola, diventando lentamente una pedina del Grande Gioco...

Tranquilli, quello che vi ho raccontato è davvero poco rispetto alla trama complessiva, che mi ha lasciato spesso confusa o annoiata, e temo di non aver compreso nemmeno il senso complessivo del romanzo, il perché che quando si chiude un libro dovrebbe apparire nella mente.
Pazienza, non faceva per me.
Non lo sconsiglio però!
Credo potrebbe piacere molto come lettura a chi ama i classici o questo genere di storie.
Pensateci su...

lunedì 19 marzo 2018

Cats & Book = Cute 😍 #gatto #cats_of_instagram #instagatto #book #socute #cute #cat #cats #instacute #cutecat #bookphotography #instaphoto #booklove #bookish #bookaddict #gattone #instacat #booklover #photo #catandbooks #catlover #photography #bookaholic #catandbook #libro #catstagram #cuteness #booknerd #catsofinstagram #viaggiatricepigra


via IFTTT

Oggi vi parlo di un bel racconto fra horror e fantascienza Fatevi tentare se vi piace il genere 😎 #GrossoGuaioADorbaRocchese #SamueleFabbrizzi #VitoPirrò #DarkTwin #horror #fantascienza #splatter #reading #leggere #leggo #libro #book #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

Opinione: Grosso Guaio a Dorba Rocchese, di Samuele Fabbrizzi & Vito Pirrò

http://amzn.to/2pk906G
Cliccando sulla Cover si va su Amazon
“La mia città non conosce la luce del sole. Dorba Roc­chese è tenebra sporcata dai neon di bar e bordelli. Brulicante di prostitute, droga e violenza.” Inizia così la storia di Garco e Stecca, due “addetti al recupero crediti” per il boss Baldimeo, malavitoso di Dorba Rocchese. Due personaggi forti, violenti, dai modi poco cortesi, la cui intesa è minata da incomprensioni caratteriali e da una netta differenza nel modus operandi: Stecca è senza freni, sadico e perverso, e Garco non sopporta più di dover sistemare le cose anche per lui. Per questo decide di chiedere al boss di separarli, finendo però invischiato in un ultimo lavoro che dovrebbe segnare la fine della collaborazione tra i due: una semplice visita al dottor Carmona, un vecchio medico indebitato fino al collo. Arrivati a casa del dottore i due, però, scopriranno che la loro impresa non sarà affatto semplice come pensavano: si troveranno imprigionati da pesanti serrande d'acciaio all'interno dell'abitazione dello scienziato, trasformata in un laboratorio per la sperimentazione di uno strano virus. Su cavie umane: uomini e donne tramutati in creature orripilanti e senza controllo, un incubo che ha preso vita. In una notte diversa da tutte le altre, Garco e Stecca dovranno mettere da parte il rancore e usare tutte le armi in loro possesso per uscire vivi da quell'Inferno in terra.

.° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Adoro queste letture!
Divorato in un sol boccone mi ha ridato aria fresca, con questa storia fra menti psicopatiche e qualcosa di più strano che li attende nell'ombra. I protagonisti sono Garco e Stecca, una coppia al servizio del boss Baldimeo per il recupero crediti....insomma, chi si sporca le mani. Nessuno dei due è un cuore tenero, ma scopriremo presto che uno prova decisamente troppo gusto in ciò che fa.
Garco è quello più razionale fra i due, anche se non ha problemi a tirare fuori i tirapugni per sistemare le cose a modo suo; mentre Stecca...non ha controllo. Sadico ed impaziente, più volte ha obbligato Garco a ripulire i casini fatti e lui non ne può più di fare la babysitter.
Però prima di separarsi hanno un' ultima missione: andare a trovare il dottor Cremona.
Semplice, no?
Invece si rivela l'inizio di una nottata d'inferno per i due. O meglio, per uno dei due, l'altro apprezzerà la sfida che si troverà ad affrontare.

Una storia decisamente non per tutti, ma è per questo che mi è piaciuta davvero molto.
A tratti trash e splatter, porta il lettore in luoghi dove sembra quasi normale ciò che si legge, quando effettivamente non lo è. Con l'aggiunta della fantascienza alla fine da quel tocco in più alla storia, che però poteva rendere alla grande anche semplice, visti i caratterini dei protagonisti.
I capitoli alternano i protagonisti, credo anche alternando gli autori, che riescono a dare ognuno una prospettiva diversa attraverso gli occhi di uno o dell'altro, senza pestarsi i piedi o far sentire stacchi strani durante la lettura.
Sono riusciti entrambi i personaggi a conquistarmi, ognuno con le sue caratteristiche e personalità estreme. Come la storia: semplice, breve, eppure decisa ed intensa, lasciando il segno.
Sarei curiosa di leggere altre avventure di questa strana coppia!

mercoledì 14 marzo 2018

Kim, di Kipling #Kim #Kipling #classico #reading #leggere #leggo #libro #book #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Oggi è scomparso un grande uomo, che non si è mai arreso davanti alla sua malattia e, grazie alla sua mente geniale, ha continuato a viaggiare fino alla sua fine. Ammetto che lo conosco di fama e non ho (ancora) letto nulla di suo, ma qualche anno fa ho scoperto questo romanzo davvero bello, scritto dalla prima moglie di Hawking, dove racconta la loro vita, con la malattia, i figli,...ma soprattutto le difficoltà quotidiane (interne ed esterne alla famiglia) che ha dovuto affrontare e raccontandoci anche la parte umana e non il genio del marito, mostrandoci la cocciutaggine, l'irascibilità,....insomma i difetti umani che anche lui aveva. Un libro davvero bello e che da una prospettiva diversa riguardo questo genio indiscusso. . Se volete saperne di più su di lui, ma non sapete se affrontare i libri di Hawking, provate prima a leggere questo romanzo. Io ci penso da anni a provare ad affrontare qualcosa di Stephen, ma temo sia tutto troppo complicato (e per me poi noioso). . Ditemi: qualcuno ha già letto questo romanzo? O libri di S.H.? E come sono? Fatemi sapere la vostra opinione 😊 #VersoLInfinito #LaTeoriaDelTutto #JaneHawking #StephenHawking #Hawking #romanzo #storiavera #reading #leggere #leggo #libro #book #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

venerdì 9 marzo 2018

Wolves Coast, di Ornella Calcagnile #WolvesCoast #OrnellaCalcagnile #Dunwich #DunwichEdizioni #ParanormalRomance #racconto #reading #leggere #leggo #libro #book #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Esce oggi questo nuovo romanzo di @ornellacalcagnile, venite a scoprirlo sul blog....ma non solo! Perché è in corso un Review Party e ne parlano altre blogger 😉 #WolvesCoast #OrnellaCalcagnile #Dunwich #DunwichEdizioni #ParanormalRomance #Novità #DunwichEdizioni #Dunwich #racconto #reading #leggere #leggo #libro #book #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

Review Party. Wolves Coast, di Ornella Calcagnile


Benvenuti in questo Review Party dove vi presentiamo l'ultimo libro pubblicato da Ornella Calcagnile: Wolves Coast.
Se non conoscete già l'autrice, potete immaginare (dalla cover e dalla CE) vagamente di cosa si tratta, presentandosi già all'occhio come un bel Paranormal Romance, made in Italy.
E questo è solo il pacchetto....


http://amzn.to/2oToYnp
Cliccando sulla Cover si va su Amazon
Wolves Coast è una ridente località che ai turisti appare come un semplice luogo di vacanza. Nessuno penserebbe mai a una terra di conflitti che ha visto affrontarsi coloni e amerindi, nessuno si aspetterebbe che quella faida si sia trascinata in sordina per secoli fino a esplodere in una battaglia tra popolazioni vicine, eppure per certi versi distanti.

Howi è un giovane di South Wolves con il cuore ferito e un enorme segreto a gravargli sulle spalle, ma con una solida comunità su cui poter contare. Emily è una ragazza di città, delusa dagli affetti, con uno spiccato desiderio di libertà e in cerca della propria strada, una ricerca che la porterà a Wolves Coast. Due personalità che, sebbene diverse, riescono a unirsi profondamente nell’arco di un’estate e a spalleggiarsi in uno scontro senza eguali per quel lembo di costa tanto desiderato da una fazione e tanto protetto dall’altra.
Amore e guerra sono vicini più che mai, ma il primo sopravvivrà alla seconda?


La storia sembra breve (neanche 200 paginette) ma ha tantissimo da dire e lo fa in modo esaustivo, senza far staccare gli occhi dalle pagine, mettendo curiosità al lettore ad ogni fine capitolo, "costringendolo" a chiudere il romanzo solo al suo termine.
Una storia che potrà sembrare già sentita (due ragazzi giovani, lei imbranata ma bellissima, lui dolce ma muscoloso e forte, una città isolata e con misteri,....), ma che mette in campo elementi interessanti e nuovi che la fanno apprezzare molto.

I protagonisti si alternano come voce narrante e sono Howi, un giovane nativo americano nato e cresciuto a South Wolves, descritto come un ragazzo di diciotto anni, alto, muscoloso, ma col viso dolce ed il carattere altrettanto gentile; ed Emily, una ventunenne di Seattle che ha deciso di staccare per un po' dalla vecchia vita per cercare di ritrovare se stessa e cosa fare nel futuro.
Sarà il caso a farli incontrare poco dopo l'arrivo di Emily che, arrampicandosi sugli scogli, scivola e finisce in mare. Howi dovrà salvarla, dando il via ad un'amicizia che sembra fin da subito qualcosa di più; infatti dal primo istante i due si sentono non solamente attratti fisicamente, ma anche caratterialmente si trovano molto in sintonia.
Eppure c'è un grande MA, perché la città è praticamente isolata dal mondo e guarda questa ragazza "male", fin dal primo istante. L'unico che le resta accanto, nonostante alcuni rimproveri, è Howi che vede in lei il buono e non vuole emarginarla, affezionandosi fin da subito.

Lentamente faremo conoscenza dei due personaggi, che si racconteranno a vicenda: lui com'è stare in una comunità dove tutti si conoscono da sempre, e lei come sia finita in quel posto; oltre al passato e alle scottature di cuore che hanno subito.
Sarà un estate particolare per i due giovani, soprattutto per Emily che lentamente proverà a farsi accettare dagli amici di Howi e dalla comunità, mostrando il suo carattere gentile.
Ma sarà dopo l'incontro con Juri, un ragazzo di North Wolves, che le cose inizieranno a cambiare; infatti Emily scoprirà che ci sono in corso dissapori e lotte fra questi due frammenti della città, che risalgono ad una disputa antica, e che Juri ne è quasi un portavoce, essendo ricco, viziato, e pronto ad ottenere ciò che vuole ad ogni costo.

Una storia che, come dicevo, è interessante, anche se alcune parti sono vagamente familiari, ma il succo del romanzo è originale e piacevole da leggere. Ti ruba e per qualche ora non ti lascia andare via, trasportandoti in quella cittadina immersa nella natura, fra mare e montagna.
Consigliatissima agli amanti del genere, ma anche a chi cerca una lettura più leggera (ma sovrannaturale) per rilassarsi un po'.
Ora non mi resta che aspettare altri romanzi di Ornella, perché riesce sempre a conquistarmi!

giovedì 8 marzo 2018

Ieri vi ho parlato di "The Black Door", oggi è il turno di "The Fading Place"; Due novelle tra quelle in omaggio se ci si iscrive alla newsletter Dunwich: cogliete l'occasione! 😉😉 #TheBlackDoor #DominoFinn #horror #fantasy #TheFadingPlace #MarySangiovanni #DunwichEdizioni #Dunwich #thriller #racconto #reading #leggere #leggo #libro #book #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

Consiglio del Giorno: Volevo Solo Amore, di Anna Ieva e Anna Grieco

Esce Oggi
Claudia nasconde dentro di sé un segreto di cui ogni giorno porta il peso e che ha condizionato fortemente il suo relazionarsi con gli uomini. Alla soglia dei quarant’anni, tutta la sua vita sembra andare a rotoli: non ha un lavoro fisso, sta divorziando da un marito fedifrago e il figlio maggiore ha deciso di andare a vivere con il padre. La proposta di insegnare in un liceo di Torino sembra la classica manna dal cielo e Claudia non esita ad accettare l’offerta, convinta che un cambio radicale non possa farle che bene.
Ma è qui che il destino entra in gioco, mettendo sulla sua strada Marika Gori.
Marika ha soli sedici anni, ma ha già provato il dolore di una vita intera sulla sua pelle. Da quel momento, Claudia non potrà più restare indifferente: lotterà per la bambina che è stata e alla quale hanno crudelmente strappato l’innocenza e per quella ragazza appena conosciuta che si è già conquistato un posto così speciale nel suo cuore.
Scoprendo che, se anche dimenticare è impossibile, forse perfino dalle ferite più grandi si può guarire.
Grazie all’amore...
 
 
Volevo solo amore è un romanzo corale, un vero e proprio inno alla forza delle donne che, nonostante le tante difficoltà e le mille prove che la vita mette loro davanti, trovano sempre e comunque il coraggio di rialzarsi e di lottare per coloro che amano e per ciò in cui credono.
 Sono Claudia e Marika le protagoniste assolute di questa storia. Due donne che non potrebbero essere più diverse tra loro, non solo a causa della differenza d’età che le separa, ma anche per l’ambiente sociale in cui sono cresciute e hanno vissuto: Claudia è nata in una famiglia di umili origini; Marika, invece, è stata adottata e appartiene a una delle famiglie più in vista di Torino: i Gori, magnati dell’alta finanza.
Due vite agli antipodi, sembrerebbe, eppure qualcosa le accomuna: un segreto devastante di cui entrambe portano addosso il peso e le cicatrici.
Le strade di Claudia e di Marika si incrociano quando la prima accetta il posto di insegnante in un liceo di Torino, dopo che il suo matrimonio è miseramente naufragato. Per Claudia quel lavoro rappresenta un’altra occasione, un nuovo inizio, un modo per sfuggire ai suoi demoni interiori, ma molto presto la donna scoprirà che non si può fuggire dai fantasmi del proprio passato.
E allora verrà chiamata a compiere una scelta, forse la più difficile di tutta la sua vita: voltarsi dall’altra parte e scappare, come ha fatto per anni, oppure restare e lottare per la bambina che è stata e alla quale hanno strappato l’innocenza, e per Marika, che ha un bisogno disperato del suo aiuto.
Cosa sceglierà Claudia? Non vi resta che leggere il romanzo per scoprirlo….

 
Estratto 1
«Ciao, Cenerentola, finalmente ci rincontriamo!»
Marika riconobbe immediatamente il giovane che le stava davanti. Era il tipo con cui si era scontrata fuori della scuola quasi un mese prima, ed era ancora più bello di quanto ricordasse.
O volesse ammettere.
Perché più di una volta, in quel lasso di tempo, aveva pensato a lui. L’aveva colpita, inutile negarlo, e non perché le ricordava il principe azzurro delle sue favole o perché l’aveva fatta finire con il culo per terra, questo era sicuro. Indossava dei jeans neri e un maglioncino bianco, a collo alto, che gli stavano da Dio, e i capelli neri li portava sciolti in quel momento. Gli ricadevano davanti al viso in morbide onde simili al velluto, mettendo in risalto quegli occhi di smeraldo che la scrutavano e sembravano voler sapere tutto di lei.
Esattamente la cosa che non poteva permettersi.
«Scusa?» domandò, fredda, determinata a mantenere le distanze, ma le successive parole del giovane mandarono all’aria tutti i suoi piani, cogliendola di sorpresa.
«Credo di avere qualcosa che ti appartiene!» affermò infatti l’altro, sibillino. Si frugò nella tasca dei jeans e tirò fuori qualcosa.
Marika abbassò gli occhi. Sul palmo aperto del ragazzo c’era un braccialetto d’argento.
 
Estratto 2
Marika scosse il capo per scacciare quei pensieri angoscianti. Le recriminazioni non servivano a nulla, comunque, anche se il rimorso rimaneva sempre lì, a corroderla dentro. «Non ho bisogno della balia…» replicò, asciutta, «ormai sono grande.»
Amedeo le lanciò una lunga occhiata. «Oh sì, questo lo vedo! E diventi ogni giorno più bella.»
Lei non confutò quell’affermazione: sapeva di essere molto carina, glielo diceva ogni giorno la sua immagine riflessa nello specchio del bagno. Cristo, quanto avrebbe voluto che non fosse così! Se fosse stata brutta, lui forse non l’avrebbe voluta, non l’avrebbe costretta a soddisfare le sue schifose voglie.
A volte era stata tentata di radersi a zero i lunghi capelli biondi, di sfregiarsi il volto e deturparsi la pelle del corpo, ma non ne aveva mai avuto il coraggio.
Perché era una vigliacca, quella era la verità!
Lei non era l’eroina di una fiaba e non si  meritava nessun principe azzurro, solo l’orco cattivo.
«Vieni qui!» le ingiunse Amedeo con voce roca. Allungò una mano e le circondò i fianchi, poi se la strinse contro con forza.
Marika non protestò. A lui non piaceva quando faceva la difficile, ma quando l’uomo le sfilò la maglia e le afferrò un seno, strizzandole il capezzolo, non poté trattenere un ansito strozzato.
 
Note bio autrici
 
Anna Ieva ha 50 anni e vive ad Andria. Amante della poesia, alcuni suoi componimenti sono stati inseriti in un’antologia poetica pubblicata da Emozioni Edizioni. Questa è la prima volta che si cimenta nella scrittura di un romanzo. Ama la natura e i suoi due figli e odia l’ipocrisia. Attenta osservatrice delle problematiche femminili.

Anna Grieco, 45 anni, è nata nella ridente Puglia. Editor, madre e moglie a tempo pieno, le sue più grandi passioni sono la scrittura, la cucina, i libri e le serie tv. Ha diverse pubblicazioni al suo attivo, tra romanzi e racconti. Alcuni titoli: la saga La capoclan, edita Harper Collins Italia: (Il filo del tempo, Inscindibili Legami e Indomabile desiderio); la serie Le cronache degli arcangeli, sempre edita Harper Collins Italia: (La cacciatrice, La transizione, Il sacrificio); Vendetta d’amore e Piccante e delizioso, editi Leggereditore; I signori dell’arena, finalista del Premio Letterario La penna blu Edizioni; Vortice di passioni; Changeling; L’ordine delle sette spade; Un principe da (odiare) amare; Sei mia; Blood Moon; Il vaso di Pandora; Desiderio eterno; L’ira di Apollo; Vlad Dracul; Lacrime di sangue; Tenebra e luce; Stavros; La voce del cuore; Spiriti nella cattedrale; Bestia; Cassandra Prophecies; Natale rosso sangue; Speranza; curatrice dell’antologia Storie di dèi e di eroi, edita GDS Edizioni.

Opinione: The Fading Place, di Mary Sangiovanni

http://amzn.to/2tfgjRk
Cliccando sulla Cover si va su Amazon
Charlie Van Houten è una madre single. È impegnata nelle solite commissioni del fine settimana con la sua bambina, Haley, quando una folle donna armata di pistola, Simone, le prende in ostaggio entrambe nella loro auto. Mentre si dirigono verso una sconosciuta destinazione finale, e la paranoia di Simone degenera sempre di più, Charlie dovrà impedire a quel mostro di portarle via tutto ciò che ama.

Se vuoi, puoi scaricare gratuitamente questa novella iscrivendoti alla newsletter: www.dunwichedizioni.gr8.com


Anche riguardo questa novella, ho poco da dirvi, se non voglio rovinarvi la lettura.
La protagonista è una donna qualsiasi che sta facendo commissioni con la figlia in una giornata qualsiasi, quando una donna appare dal nulla, armata di pistola, minacciando entrambe di morte, se Charlie non si mette alla guida e fa quello che lei le dirà.
Sarà un viaggio non troppo lungo, ma pieno di tensione poiché Charlie vuole trovare il modo per sbarazzarsi di quella donna, Simone, che presto mostrerà segni di paranoia e squilibrio mentale...ma come farlo senza mettere in pericolo sua figlia?

Sentiremo il panico e la tensione, pagina dopo pagina, soprattutto in alcune scene dove l'ansia è quasi palpabile. Durante quel viaggio scopriremo chi sia Simone e cosa voglia da loro.
Una donna folle ma determinata, con un piano ingegnoso, che Charlie dovrà riuscire a non farle attuare.

Una lettura veloce, con un ritmo incalzante che riesce a rendere tutte le sensazioni di questa madre alla perfezione. Breve ma intenso, una storia interessante ed originale, molto bella da leggere.
La potete trovare sia in vendita su Amazon, che gratuita solo se vi iscrivete alla newsletter della Dunwich, insieme ad altri racconti.

mercoledì 7 marzo 2018

Storie Della Buonanotte Per Bambine Ribelli 2 #StorieDellaBuonanottePerBambineRibelli2 #favole #storievere #racconti #reading #leggere #leggo #libro #book #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Nei primi due mesi del 2018, insieme abbiamo letto: 75377 pagine 🎉🎉🎉 266 libri📚📚📚 In 22!!! . Per chi volesse aggiungersi, l'evento su #Facebook è questo: http://ift.tt/2x6NvZk (Contano Le Pagine, Non I Libri) Oppure se volete partecipare tramite IG, ditemelo che vi aggiungo al gruppo creato apposta 😉 #contanolepagine2018 #contanolepaginenonilibri #libri #leggere #sfida #sfidaamichevole #viaggiatricepigra


via IFTTT

Opinione: The Black Door, di Domino Finn


Questo breve racconto non si trova in venita.
Se vuoi, puoi scaricare gratuitamente questa novella iscrivendoti alla newsletter: www.dunwichedizioni.gr8.com


Perdonate, ma la trama online non esiste. Ve ne racconterò un poco mentre cerco di parlarvi di questa novella, purtroppo brevemente perché altrimenti direi tutto.
In questa avventura Cisco si trova con una ragazza molto carina all'entrata di una discoteca magica, ovvero solo chi ha determinati poteri può entrare, ma non è lì per divertirsi, bensì per lavoro.
Ovviamente troverà dal primo istante già i guai ad attenderlo e non riuscirà a tenere a freno la lingua, per evitare scontri gratuiti. Ma il suo scopo è andare dietro il locale, oltrepassando un'enorme porta nera dove scopriremo di più riguardo la sua amica e cosa ha a che fare con quel caso.

Si alterna il presente di Cisco ad alcune scene che inizialmente non comprenderemo appieno, sarà verso metà racconto che i tasselli andranno al loro posto e capiremo un po' tutto.
Anche se sarà lo stesso Cisco a spiegare, se non si collegano tutti i puntini.

Un avventura veloce, interessante, dove troviamo ancora questo adorabile e folle personaggio, mentre tenta di fare del bene immischiandosi anche dove non conosce la situazione.
Indifferente se lo leggete dopo il primo romanzo o il secondo della sua serie (per ora solo questi tradotti in Italia), ma sconsiglio di leggerlo prima di questi. Non riuscireste a collegare alcune cose.

Iscrivetevi alla Newsletter ad approfittate dell'offerta di poterla leggere gratis, come molte altre ogni tanto regalate dalla Dunwich.

martedì 6 marzo 2018

Oggi vi parlo di questa novità molto attesa: "Storie Della Buonanotte Per Bambine Ribelli 2" Una lettura adatta a tutti, davvero ben curata 😍 #StorieDellaBuonanottePerBambineRibelli2 #favole #storievere #racconti #reading #leggere #leggo #libro #book #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

Opinione: Storie per la Buonanotte per Bambine Ribelli 2

http://amzn.to/2oPqvuz
Cliccando sulla Cover si va su Amazon

C'erano una volta cento ragazze che hanno cambiato il mondo. Ora ce ne sono molte, molte di più! "Storie della buonanotte per bambine ribelli" è diventato un movimento globale e un simbolo di libertà. Le autrici Francesca Cavallo ed Elena Favilli tornano con cento nuove storie per ispirare le bambine - e i bambini - a sognare senza confini: Audrey Hepburn, che mangiava tulipani per sopravvivere alla fame ed è poi diventata un'inarrivabile icona di stile e una straordinaria filantropa; Bebe Vio, grintosissima campionessa di scherma malgrado una grave malattia; J.K. Rowling, che ha trasformato il fallimento in un punto di forza e ha cambiato per sempre la storia della letteratura. Poetesse, chirurghe, astronaute, giudici, acrobate, imprenditrici, vulcanologhe: cento nuove avventure, cento nuovi ritratti per ispirarci ancora e dirci che a ogni età, epoca e latitudine, vale sempre la pena di lottare per l'uguaglianza e di procedere a passo svelto verso un futuro più giusto


.° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Vi avevo parlato del primo volume un annetto fa (qui l'opinione se vi interessa) e non potevo farmi scappare l'occasione di leggere anche il secondo, di scoprire chi fossero le donne che si raccontano oppure le cui storie vengono raccontate fra queste pagine.
Arrivato ieri, dopo una serie di contrattempi per cui ho ancora i nervi a fior di pelle (non preordinate MAI: non serve a nulla); alla fin fine è giunto a casa mia e nel pomeriggio mi sono messa a leggerlo e, storia dopo storia, era già finito.

Come il precedente ha uno stile davvero carino e piacevole, adatto (appunto) ai più piccoli come favola per la Buona Notte. No, non è rivolto solo alle bambine e No, non è rivolto solo ai più piccoli.
Infatti ha e sta riscuotendo tantissimo successo fra gli adulti, innamorati di questo stile particolare con cui ci si presenta le vite di molte donne, sotto forma di fiaba, addolcita per i più piccoli.
Ad ogni "apertura" del libro c'è sulla sinistra la storia della donna in questione e sulla destra un'illustrazione che la ritrae, queste create da molte illustratrici diverse fra loro, con stili differenti, ma che riescono a rendere il tutto davvero bello nel complesso.
Le protagoniste sono tantissime, con storie estremamente varie tra di loro, ma con un filo comune: la tenacia che le ha portate ad avere successo e/o a sfidare certi preconcetti, vivendo come volevano loro, ribellandosi alla società (a volte antica, a volte moderna, purtroppo non così moderna ancora nel 2018).

La cosa che mi ha affascinato molto è che questo volume parla molto degli ultimi anni, porta alla ribalta donne affermate che si sono fatte carriera da sole e che ancora oggi conosciamo per fama, insieme a ragazzine davvero giovani che si sono trovate a combattere o scappare dalla loro casa, per poter sopravvivere e da questa esperienza portare la loro testimonianza per il Mondo, trovando il coraggio di parlare....
Forse è questo un altro filo conduttore molto presente in questa nuova raccolta: il coraggio di far parlare la propria voce. Di capire quando è il momento di smettere di stare in silenzio e alzarsi, raccontando la propria esperienza, dando un tassello in più al Mondo "civilizzato" ed informandolo, anche se spesso fa finta di non sentire o erge barriere per non vedere.
Dallo schiavismo fino alle guerre che ancora oggi distruggono certi paesi e portano morte a cittadini innocenti. Donne coraggiose che, oltre che scappare, non si sono fatte intimidire nemmeno da loro stesse e dalla paura che potessero dire qualcosa di sciocco, quasi.
Una lezione doppia, se vogliamo: per imparare sia a parlare davanti alle ingiustizie, sia ascoltare chi ne parla, capirlo e andare avanti insieme.

Non date ascolto a chi lo inneggia come "libro feminazi" o dicendo che sia un libro che emargina gli uomini. Per nulla! Degli uomini e delle loro imprese si parla sempre e libri del genere sono sempre stati puntati a bambini, emarginando le femmine senza ragioni.
Questo (come il precedente) è nato ANCHE con lo scopo di far sentire forti le bambine di oggi, spingendole ad osare, a tentare, a seguire qualsiasi sogno possano avere, per cambiare il mondo. Ma non emargina per nulla i maschi, anzi, potrebbe essere una lettura per far capire non solo che chiunque può leggere qualsiasi cosa gli piaccia (che sia ritenuto da maschio o da femmine, perché LO SO che tra la folla c'è chi ancora trascina via i figli da un libro e/o giocattolo perché non lo ritiene adatto al suo sesso), ma che come tanti uomini più conosciuti, anche queste donne hanno sfidato certi stereotipi per seguire i loro sogni.
Chiunque può fare ciò che vuole, se ha abbastanza determinazione e passione.

Davvero una bella lettura.
Fidatevi: regalatela o compratela per voi.

giovedì 1 marzo 2018

La Signora Della Morte, di Terry Goodkind #LaSignoraDellaMorte #TerryGoodkind #goodkind #niccichronicles #LeCronacheDiNicci #Nicci #newtoncomptoneditori #newtoncompton #fantasy #DHara #Magic #magia #deathsmistress #serie #laspadadellaverità #theniccichronicles #swordoftruth #viaggiatricepigra


via IFTTT

TORNA GOODKIND! 💙 Ciao a tutti e Benvenuti in questa prima recensione che apre la giornata dedicata al ritorno (in Italia) di un autore fantasy davvero molto amato e che ha creato un Mondo enorme, con un potenziale ancora davvero forte. . In questo primo capitolo di questa nuova Serie, Goodkind da (finalmente) riposo a Richard e Kahlan (anche se mancano tantissimo 😢), per dare spazio ad altri due personaggi che saranno i nostri protagonisti: Nicci e Nathan. Andate sul blog per scoprire meglio di cosa di parlerà (Spoiler free, tranquilli!) . Ah, ma non sarò solo io a parlarvene. Infatti è in corso un Review Party per dare visibilità a questa uscita, che tanti aspettavano 😍 . Trovate tutti i nomi dei blog nelle Stories 😉 & Seguiteci nell'evento durante tutta la giornata per non perdere nulla 😉 http://ift.tt/2t1tDcc #ReviewParty #LaSignoraDellaMorte #TerryGoodkind #goodkind #niccichronicles #LeCronacheDiNicci #Nicci #newtoncomptoneditori #newtoncompton #fantasy #DHara #Magic #magia #deathsmistress #serie #laspadadellaverità #theniccichronicles #swordoftruth #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

Review Party: La Signora della Morte, di Terry Goodkind


Ciao a tutti e Benvenuti in questa prima recensione che apre la giornata dedicata al ritorno (in Italia) di un autore fantasy davvero molto amato e che ha creato un Mondo enorme, con un potenziale ancora davvero forte.
Forse avrete sentito parlare della saga "La Spada Della Verità"?
Esatto, lui ne è l'autore. No, non ha nulla a che fare col telefilm (io ho resistito 5 minuti davanti allo schermo e poi ho spento...i libri vincono mille a zero, fidatevi: leggetelo).
Se ancora non lo conoscete: molto molto male!
E ve lo dico sotto ai volumi (imponenti) che mi guardano dall'alto della loro mensola.
Si, sono tanti, ma credetemi: meritano di essere letti.
 
Ma prima di tutto, qualcosa che penso vi starete chiedendo:
Questo volume può esser letto separato dalla serie?
Con un pesante macigno sul petto credo di potervi dire di si.
I fatti sono collegati, ma possono essere compresi anche senza aver letto i precedenti, MA credo che la storia in sé possa essere apprezzata al meglio se si conosce il passato dei personaggi (anche se ci sono piccoli flash che rinfrescano la memoria e/o spiegano le cose).
 
Prima di tutto vediamo la trama:  
http://amzn.to/2EvGch6
Cliccando sulla Cover si va su Amazon


Sorella della luce, sorella dell'oscurità, signora della morte. Nicci ha vissuto molte vite e affrontato tante sfide, ma ora il mondo è cambiato. Adesso che sul trono siedono i suoi alleati, Richard e Kahlan, Nicci è pronta per ricominciare a viaggiare. Al suo fianco c’è Nathan, che possiede poteri ultraterreni da profeta. Il loro incarico è esplorare in segreto i confini del regno appena costituito. Questo porterà lei e Nathan sulle tracce della Strega Red; a spasso per i vicoli tortuosi della città portuale di Tanimura; a incrociare le spade in battaglie mozzafiato in alto mare e persino ad affrontare un duello magico di proporzioni titaniche che potrebbe cambiare il destino del vecchio mondo e di quello nuovo.

Il re del fantasy è tornato
 
 

Goodkind ritorna!
Dopo la lunga serie de "La Spada Della Verità", la quadrilogia su "Richard & Kahlan", un prequel ed un romanzo collegato alla storia, il nostro amato scrittore torna a regalarci ancora romanzi legati a questo enorme mondo fantasy che ha creato, nel quale ha ambientato questa grande saga (che difficilmente si dimentica) e che, fortunatamente per chi la adora, continua ancora con le sue storie.
Ma stavolta si sente uno stacco davvero forte perché non ci saranno più i protagonisti conosciuti ed amati; dopo mille avventure Goodkind da finalmente riposo a Richard e Kahlan (anche se, mannaggia quando ci mancano!), per dare spazio a due personaggi che avevamo conosciuto durante le precedenti avventure, ma non così.

Nicci e Nathan, ovvero La Signora Della Morte che, grazie a Richard lasciò le Sorelle Dell'Oscurità comprendendo quanto fossero sbagliate quelle credenze e ciò che aveva fatto durante la sua lunghissima vita seguendo quelle idee; e il Profeta, antenato di Richard, rimasto imprigionato per secoli dalle Sorelle Della Luce...o per meglio dire Ex Profeta, poiché dopo l'ultima avventura Richard aveva completamente stravolto il loro mondo per estirpare la Profezia in ogni forma, portando cambiamenti che nessuno si sarebbe aspettato (come scopriremo durante questa lettura).
Per continuare a servire Lord Rahl anche in questo inizio di pace, Nicci diventa sua ambasciatrice per portare ovunque la notizia di quel nuovo regno dove non saranno tollerate prepotenze e barbarie, ma anche per incoraggiare il popolo a battersi per ciò che è giusto. E ad accompagnarla ci sarà Nathan, con il suo carattere particolare ed i suoi modi alquanto strani.
Li incontreremo mentre stanno andando dalla Strega Red, che avevamo conosciuto nei precedenti volumi ("Il Terzo Regno" e mi pare anche in "Cuore Guerriero", ma non vorrei dire cavolate), dalla quale Nathan vuole un libro particolare...ed invece si ritroverà ad aver a che fare con qualcosa che suona come una profezia e porterà entrambi a cercare un luogo lontano e sconosciuto:

Il Futuro e il Destino dipendono dal viaggio e dalla meta.
Kol Adair si trova nell'estremo sud del Vecchio Mondo.
Da lì, il Mago vedrà ciò che gli serve per tornare ad essere se stesso.
E la Strega deve salvare il mondo.

Mi spiace, ma non ho trovato una mappa dei luoghi descritti
Solo una vaga sul Vecchio Mondo
L'inizio di un viaggio alquanto strano, in cui dovremo familiarizzare con queste nuove figure e, durante il viaggio, incontrare nuovi personaggi che ne incroceranno le strade, chi per rimanere e chi solo per una fugace apparizione.
Un'avventura che li porterà fra mare e montagne, alla ricerca di Kol Adair senza sapere dove possa essere e cosa possa serbare per loro quel luogo, anche se durante il viaggio Nathan spera che sia come profetizzato, ossia una meta per ritrovare se stesso. Cosa che gli sta sfuggendo di mano.

Ammetto che l'inizio è stato un pochino arduo, forse per i personaggi diversi, per la nuova avventura e lo stile diverso con cui ci i protagonisti ci si approcciano,...eppure da metà in poi ero immedesimata completamente nel romanzo e sentivo di nuovo quella passione e quello stile che contraddistingue Goodkind e che lo fa amare così tanto.
Rispetto alla prima serie, l'autore ha tirato sempre più fuori gli artigli ed ormai non ha paura di esagerare, infatti in questo romanzo ci sono alcune scene a volte ai limiti dello splatter.
A me non danno fastidio, anzi, ma posso capire che ad alcuni possa non piacere. Un peccato, perché contribuiscono a rendere più vere e cruente certe scene e i pericoli che si possono incontrare in quel mondo a tratti così oscuro.
Gli ultimi capitoli lasciano spiazzato il lettore, ricordando un po' gli ultimi volumi della quadrilogia "appena" passata, dove niente è mai certo fino alla fine; e col cuore pesante il lettore va avanti fino alle ultime frasi che lo lasciano tremendamente curioso di scoprire come proseguirà la storia.
(Il secondo capitolo è uscito da pochissimo in lingua originale, e già si vocifera di un terzo!)


Consigliatissimo ai fan di Goodkind!
Anche se spero che non abbiano mai pensato di mollare di loro spontanea volontà la serie.
Per i nuovi, decidete voi se buttarvi.
Io consiglio il percorso lungo, ma è possibile anche quello breve.


Ma fermi!
Non dimenticate che ci sono ancora altre recensioni da scoprire.
Ve ne parleranno in questi blog durante la giornata:
(Li potete trovare anche in questo evento su Facebook)

Bostonian library
Hook a Book
Il libro sulla finestra
LiberArcanus
Libri, libretti, libracci
Living among the books
Niente di personale
Reading In The T.A.R.D.I.S.


Alla fine di tutto ci tengo però a dire un'ultima cosa che mi ha dato fastidio: 
la traduzione
Per chi conosce già questa saga sa che era stata pubblicata da Fanucci, fino a questo volume che è stato acquistato dalla Newton Compton. Come testo in sé, non ho notato nulla di particolare.
Sono le piccole cose che però mi hanno innervosito molto.
Anche se i precedenti 18 libri (eh si, tanti) sono appartenuti alla stessa CE, i traduttori sono cambiati nel tempo, ma hanno tenuto alcune parole sempre costanti, cosa che permetteva una continuità alla storia senza sentirne il cambiamento (che da profana non colgo, ma probabilmente chi è più professionale magari capisce la differenza di traduzione).
Qui proprio no!
Per esempio già fra le prime pagine si legge Magia Additiva e Sottrattiva....infarto immediato!
Poiché erano sempre state Magia Aggiuntiva e Detrattiva.
Oppure l'Impero D'Hariano, che diventa D'Harian (credo immutato dall'inglese).
Mi spiace: NO!
Un minimo di coerenza, si trovano anche su Wikipedia questi termini se proprio non si è mai sfogliato uno di questi romanzi.
Sarebbe come passare da Tassorosso a Tassofrasso mentre si legge Harry Potter (e non parlo delle nuove versioni, ma di un'ipotetica prima versione distorta): brividi!

Mi spiace davvero molto, sono estremamente grata alla Newton per aver portato questo volume in Italia (e spero continui con i prossimi), però un po' di attenzione in più ci stava.