martedì 12 dicembre 2017

E dobbiamo dire addio anche alla terza stagione 😢 Straordinarie puntate, con nuovi attori e nuove panoramiche che riescono a far breccia nel cuore degli spettatori; Tratta dal terzo libro di Diana #Gabaldon, #Voyager (diviso il Italia in due), ne resta fedele e lo porta alla grande sul piccolo schermo. Incrociamo le dita per non dover aspettare più di un anno per la quarta stagione 😍 #Outlander #IlCerchioDiPietre #LaCollinaDelleFate #DianaGabaldon #season3 #serie #davedere #Jamie #Claire #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #libri #library #libreria #book #books #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Outlander: Terza Stagione



Titolo: Outlander
Stagione Terza
Episodi 13
Distribuzione USA
Canale Starz
dal 10 settembre al 10 dicembre 2017
Distribuzione Italia
Canale Fox Life
dal 29 settembre al 22 dicembre 2017

Questa stagione è tratta dal romanzo Voyager,
in Italia diviso in due, ovvero:
Il Cerchio di pietre & La Collina delle Fate





Il cast principale di questa stagione è formato dagli incredibili Caitriona Balfe e Sam Heughan, che con la loro chimica rendono alla perfezione i ruoli dei protagonisti Claire e Jamie;
Tobias Menzies, tornando come Frank, insieme ad altri personaggi interpretati da Laura Donnelly (Jenny), Romann Berrux (Fergus), Steven Cree (Ian), Richard Rankin (Roger), Sophie Skelton (Brianna),....;
e ci saranno nuove aggiunte al cast, tra cui John Bell (Young Ian), David Berry (Lord John Grey), Lauren Lyle (Marsali), César Domboy (Fergus), Richard Dillane (Mr. Willoughby).

Beh, chi già segue questa serie sarà probabilmente innamorato dei personaggi e della storia incredibile che si portano dietro. E anche questa stagione non è da meno!
Sembra incredibile, ma il lavoro che porta avanti tutto questo rende sempre onore ai capolavori cartacei della Gabaldon (da cui si ispira), restando molto fedele a quei romanzi, anzi direi che porta sullo schermo qualcosa che va oltre e affascina lo spettatore, sia fan dei libri che non.

Nei primi episodi della storia scopriremo il passato, ovvero gli anni precedenti al 1968 (anno in cui si chiudeva la precedente stagione) quando Claire rivelava la verità a Brianna in Scozia, dicendo addio a Jamie; ma scoprendo, alla fine, che non è tutto perduto perché forse era sopravvissuto e forse sarebbe stato ancora vivo al riattraversamento della pietre.


Vedremo il ritorno di Claire nel 1948 da quando scelse di restare con Frank per dare alla bambina un padre. Vedremo gli anni, saltando molti periodi, e la vedremo diventare la donna matura e il chirurgo che è diventata, oltre che madre; e scopriremo insieme a Frank come sono proseguiti gli anni di matrimonio tra i due, e come hanno cresciuto Brianna, una ragazza testarda e forte.
Allo stesso tempo vedremo anche la storia da 1746 dopo la battaglia di Culloden, in cui Jamie pensava di morire, ma a cui sopravvisse. Lo seguiremo negli anni in cui gli scozzesi furono sottomessi agli inglesi e per i ribelli non furono anni facili, ma in particolare per lui e scopriremo la sua sorte negli anni, in modo quasi parallelo a Claire, nonostante circa 200 anni li separino...

Ma non posso svelarvi tutto!
Altrimenti si perderebbe il fascino di guardarla, per chi non ne sapesse nulla.
Per chi invece ha letto i romanzi e sa come si sviluppa il tutto, ritroverete sullo schermo i protagonisti con la storia che vi ha fatto appassionare a loro. Gli attori riescono a rendere certi momenti unici e quasi magici, portando lo spettatore a chiedersi cosa accadrà (nonostante lo sappia).
Anche le new entry sono ottime. Fergus adulto convince parecchio, come Marsali, anche se hanno ruoli abbastanza marginali. Il giovane Ian può far storcere il naso, eppure come recitazione ci sta come personaggio.
(Sappiate però che al momento sono ferma a "La Collina Delle Fate", quindi non ho presente i libri successivi e come si svilupperà la storia.
Mi baso su questi romanzi e la loro trasposizione.)


Inutile dire che Caitriona e Sam portano avanti il tutto con maestria e con una chimica che traspare dai personaggi straordinaria, che non può far a meno di farti innamorare di loro due, come sempre d'altronde!
Attori incredibili anche in questa stagione.
Senza di loro, non sarebbe così bella da vedere.




E con la tristezza nel cuore, mi accingo ad aspettare spero solo un anno prima della quarta stagione. Nel frattempo recupererò la lettura dei seguenti romanzi per essere preparata, ma soprattutto perché non riuscirei a stare così tanto senza sapere nulla di tutti loro.

Superfluo dire che consiglio tantissimo di guardarla ed in lingua originale.
Fidatevi, non riuscirete più a far a meno delle sfumature che sanno regalare ad ogni dialogo (soprattutto Sam in scozzese, il suo Sassenach conquista).
Buona visione!

lunedì 11 dicembre 2017

Oggi vi parlo dell'ultima serie che ho divorato nel fine settimana: #Dark. Una nuova produzione marcata #Netflix che ci regala una storia interessante ed originale; una trama complessa e dai tratti difficili, ma che (con un poco di pazienza) porta lo spettatore lungo un viaggio che difficilmente dimenticherà! Passate sul blog per sapere qualcosa in più, spero di incuriosirvi 😉 @netflixit #serietv #davedere #thriller #drammatico #sovrannaturale #fantascienza #blog #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Dark



Titolo originale Dark 
Paese Germania
Anno 2017 – in produzione
Formato serie TV
Genere drammatico, thriller
Stagioni 1  (per ora)
Episodi 10 (per ora)
Durata 43-55 min (episodio)
Lingua originale tedesco
Ideatore Baran bo Odar, Jantje Friese
Regia Baran bo Odar
Sceneggiatura Baran bo Odar, Jantje Friese, Martin Behnke, Ronny Schalk, Marc O. Seng




Prima visione
Distribuzione originale
Data 1º dicembre 2017
Distributore Netflix
Distribuzione in italiano
Data 1º dicembre 2017
Distributore Netflix


(Alcuni) Interpreti e personaggi

Louis Hofmann
Louis Hofmann: Jonas KahnwaldOliver Masucci: Ulrich Nielsen
Jördis Triebel: Katharina Nielsen
Maja Schöne: Hannah Kahnwald
Sebastian Rudolph: Michael Kahnwald
Anatole Taubman: Bernd Doppler
Mark Waschke: Noah
Karoline Eichhorn: Charlotte Doppler
Stephan Kampwirth: Peter Doppler
Anne Ratte-Polle: Ines Kahnwald
Andreas Pietschmann: The Stranger
Lisa Vicari: Martha Nielsen
Angela Winkler: Ines Kahnwald


Trama
Winden 2019. La scomparsa di due bambini in una città tedesca e le conseguenti ricerche porteranno alla luce misteri e oscuri segreti che questa piccola cittadina nasconde, rivelando i rapporti e il passato di quattro famiglie che vi abitano: i Kahnwald, i Nielsen, i Doppler ed infine i Tiedemann.


La trama letta così può sembrare banale, perché dice tutto e niente, ma in particolare non da niente per cui creare curiosità. E sono felice di non averla nemmeno sbirciata prima di iniziare a guardarla. Al contrario, il trailer mi aveva incuriosito perché mostra qualcosa in più, ma sempre celando il grande mistero dietro a tutta la faccenda, altrimenti che serie thriller sovrannaturale sarebbe?
Infatti com'è riportato sulla locandina, la domanda non è dove, ma quando.
Che già fanno presagire quale potrebbe essere il nodo centrale della vicenda.

Trailer Originale, sottotitolato in Inglese
Mi spiace non esser riuscita a trovarlo sottotitolato in Italiano,
ma ho evitato di metterlo apposta doppiato perché perde molto rispetto all'originale.

Solo una piccola nota, prima di andare avanti.
Ho visto Stranger Things e questa serie non ha NULLA in comune, nonostante vengano fatti riferimenti in molti articoli, dicendo addirittura che sia "la risposta tedesca".
Niente di più sbagliato.
Sono due serie con qualche vago elemento in comune e una trama di base sovrannaturale, ma fine.
Non fatevi influenzare da queste cavolate.


Ora, andiamo con ordine e vi parlerò un pochino della storia, cercando (ovviamente) di spingervi ad essere curiosi di vederla perché, anche se ha dei difetti, la trama è davvero ben studiata e, puntata dopo puntata, porta lo spettatore a non volersi scollare dallo schermo per scoprire cosa accadrà.

Ci sono quattro rami principali, quattro famiglie le cui storie si intrecciano e vengono portate avanti durante tutta la trama: Kahnwald, Nielsen, Doppler e Tiedemann.
Il tutto inizia con un avvenimento tragico: un uomo si suicida lasciandosi dietro una busta misteriosa, sulla quale c'è scritto che deve essere aperta un determinato giorni ad un ora specifica.
Da questo avvenimento saltiamo in avanti di alcuni mesi, conoscendo il primo dei vari protagonisti, Jonas Kahnwald; scopriremo che è stato suo padre a togliersi la vita e che per questo periodo lui è stato in una clinica per rimettersi. Quel giorno in particolare in cui lo conosciamo, ricomincia anche la scuola.
Fra le chiacchiere, la notizia più sconvolgente Ã¨ la scomparsa di un ragazzo da alcune settimane. Quella stessa sera lui insieme al suo migliore amico Bartosz Tiedemann e la sua fidanzata Martha Nielsen, oltre che i fratelli di Martha, Magnus e Mikkel, decidono di andare nei pressi di una grotta dove pensano che Erik nascondesse la sua droga.
Lì si troveranno anche con un'altra ragazza, Franziska Doppler, sempre della loro scuola, ma qualcosa li spingerà a fuggire e Mikkel scomparirà, portando la famiglia Nielsen alla disperazione.
Ulrich (il padre) è un poliziotto dai modi bruschi ed un passato turbolento, che tenterà ogni pista possibile per poter ritrovare suo figlio, insieme alla collega Charlotte Doppler, perché queste scomparse riportano a galla fatti di 33 anni prima, quando altri ragazzi scomparvero, tra cui il fratellino di Ulrich.
Il tutto poi prenderà una piega inquietante quando verrà ritrovato il corpo di un ragazzino nel bosco, con particolari, legati anche alla morte, che lasceranno gli investigatori senza saper come muoversi.


Non vi preoccupate, inizialmente i nomi sono un casino totale (e anche andando avanti, capirete poi i motivi) però alcuni si legheranno presto ai volti e si riuscirà a seguire il tutto. Ma non sempre con facilità, mi spiace ma anche questo fa parte del fascino della storia.

Le prime puntate non sono un gran che, anzi sono pesantucce e la visione è quasi faticosa, ma vi consiglio di armarvi di pazienza perché poi si migliora, nonostante alcuni elementi nella trama che appesantiscono il tutto. Come la musica.
Mi spiace ma questo elemento per tutta la serie tv mi è sembrata messa a sproposito nel 90% dei casi, dove volevano sottolineare qualcosa, ed invece si ottiene un effetto opposto. Bocciata!


Come recitazione non saprei dire, semplicemente perché l'ho vista in lingua originale (tedesco, che vi consiglio! Il doppiaggio non rende mai giustizia al 100%, se vi abituate a vedere le serie in lingua) e quindi non so rapportarmi e giudicare se ci può stare oppure no un certo tipo di recitazione; alcuni attori li ho trovati stupendi e coinvolgenti, altri rigidi e in certe scene quasi esagerati, portando a fondo quel
momento con loro.

Ma non vi arrendete!


Come già dicevo la trama è il nodo centrale ed il motivo per cui vi consiglio di prenderla in considerazione e guardarla. Originale e ben pensata, riesce a incastrare molti elementi davvero difficili tra loro e portarli avanti, rendendo il tutto sempre più interessante, nonostante spesso si aggiunga confusione alla storia.


Come potete vedere, anche la sigla di apertura è...allucinante!
La trovo splendida anche se decisamente confusa, caotica e senza senso...

 Non vorrei dirvi di più perché meno si sa, più si scopre guardandola e si rimane spiazzati dalla storia, nonostante tante cose siano intuibili e ci si azzecchi. La trama centrale ruota attorno ad una questione che ancora oggi viene molto dibattuta, specialmente tra appassionati di fantascienza:
passato, presente e futuro, possono essere influenzati tra di loro?
Ci sono molti film, telefilm, libri,....che ne parlano da angolazioni diverse e questa serie propone una visione che in parte si conosce già, ma con un punto di vista leggermente diverso dal solito e che rende il tutto più curioso e misterioso.
Insomma: un bel caos da cui si deve cercare di capire cosa accadrà, ma che non è semplice.

Il finale una bomba!
Ben creato, che porta alcuni nodi al pettine, però creandone molti altri, lasciando anche tante domande senza risposta. La storia resta aperta ad un seguito che spero venga fatto perché, nonostante alcune lacune, merita di essere approfondita e di rivelare tutti i suoi misteri.


Prima di lasciarvi, vi lascio solo una parola.
Potrà sembrarvi strana ma se lo guarderete capirete in fretta perché l'ho scritta e spero vi faccia sorridere, così saprete di non essere i soli:
ombrelli
 

sabato 9 dicembre 2017

(E finalmente) oggi si chiude la settimana dedicata a Sleeping Beauties con la mia opinione al romanzo 😉 Spero, per chi l'ha seguita, sia stata piacevole e che abbia incuriosito alla lettura di quest'ultimo libro del Re 😊 Ditemi le vostre opinioni, che lo abbiate letto oppure riguardo cosa vi aspettate di trovare leggendolo... #SleepingBeauties #StephenKing #OwenKing #sperlingkupfer #leggereovunque #profumodilibri #voglioleggereditutto #semprelibri #leggeresempre #reading #leggere #leggo #libro #book #loveread #amorelibri #bookblog #bookblogger #blogger #viaggiatricepigra


via IFTTT

Scopriamo meglio: Sleeping Beauties - Opinione



Ovviamente per prima cosa dico: Stupendo!
L'ho iniziato e letto molto lentamente, godendomi la storia in un modo che mi mancava davvero, visto che ultimamente ero "vorace", con troppe letture veloci che non mi catturavano abbastanza per godermi ogni pagina e rallentare.
King mai. Resta uno dei pochi autori che regala magia. Sempre.
E quindi: potevo farmelo scappare?
Ovviamente NO!
A parte un piccolo disguido, per cui ho dovuto ordinarlo online ed aspettare qualche giorno dopo la pubblicazione ufficiale (mi mangiavo le mani!!), mi è arrivato ed ho iniziato anche questa avventura.

Come vi ho raccontato nei giorni scorsi, la vicenda la vediamo attraverso gli occhi degli abitanti di Dooling, in Virginia, fra il Penitenziario Femminile, la roulotte nel bosco, le case degli abitanti, il bar, la stazione di polizia,...insomma, lentamente ci sembrerà di passeggiare lungo queste strade e di vivere in questo luogo, anche se per poco.
Inutile dire che i personaggi descritti sono realistici anche senza soffermarsi troppo su certi dettagli (ad esempio, certa gente si scopre che Ã¨ di colore solo dopo tantissimi capitoli: qualcosa di marginale, superfluo); ci permettono di mettere le loro scarpe, anche se alcune davvero scomode da indossare, e vivere tramite loro questa tragedia e scoprire come ognuno affronterà la cosa.

E' una delle cose che ammiro ed amo di più di King, perché non tralascia MAI il lato umano in ogni genere di storia che racconta. Alla fin fine di tutto, non importa quanto sia cattivo il mostro nell'armadio, ci sarà sempre qualcuno accanto ai personaggi che potrebbe competere (o vincere) in crudeltà. Porta a riflettere su quanto certi problemi vengano visti con superficialità oppure ignorati, senza percepirne il peso, da certa gente.
Una cosa che a leggerla fa male, ma è vera!
Uno dei lati sicuramente più spaventosi di qualunque suo lavoro.

Non vorrei ripetermi, quindi sarò generica. Ho parlato dei personaggi e dei luoghi, quindi non riprenderò la trama, anche se è interessante vedere come nella prima metà del volume (circa un 300paginette) ci sia solo l'inizio del tutto, attraverso tantissimi occhi e tantissime prospettive diverse.
Vedremo e scopriremo come "nasce" e si diffonde questa malattia così incredibile e strana ed unica.

Sarà nella seconda parte che inizieranno ad arrivare alcune risposte e la storia procederà verso la conclusione...e purtroppo c'è un MA.
Il Finale.
Infatti, come in molti altri libri, King perde qualcosa ed i suoi romanzi non hanno una fine che merita e che rende giustizia alla trama letta fino a quel momento. Non so perché.
Non è brutta, ma la trovo leggermente stonata e più vaga rispetto al minuzioso lavoro fatto fino a poco prima.

In ogni caso, consiglio l'acquisto e la lettura: resta stupendo!
Tra i migliori libri di questo 2017.



E siamo arrivati alla fine di tutto.
Un pochino mi dispiace, avrei voluto parlare e parlare...ma ammetto che, restando Spoiler Free, è difficile farlo. Molto molto difficile.
Spero che vi siano piaciute le varie tappe e di avervi dato una spintarella verso il Si, lo compro.

Se lo avete già letto, che impressioni vi ha fatto?
Se volete parlarne, contattatemi e sarò felice di fare due chiacchiere (e "fangirlare" alla grande sul romanzo).
 
Io comunque lascio il calendario con tutte le tappe che ho fatto,
così se scoprite il tutto solo ora,
potete andare a vedere cosa ho creato per i giorni passati.

venerdì 8 dicembre 2017

Cover Reveal: Dimmi Chi Sei, di Nicole Teso

Oggi ci sarà il Cover Reveal del nuovo romanzo di Nicole Teso, autrice di "Loving the demon" e "Loving the angel", primi due volumi di una trilogia.
Questo romanzo (separato dalla serie!) Ã¨ un erotic-suspence autoconclusivo.
 
 
 
Titolo: Dimmi chi sei
Autrice: Nicole Teso
Genere: Romance/ Erotic-Suspence
Editore: Self - Publishing
Data di pubblicazione: Gennaio 2018
 
 
 
 

Trama
"E se uno sconosciuto ti offrisse una nuova identità, chi vorresti essere?"
 

 
Mi chiamo Mercy Stone ed ero convinta di sapere tutto di me. 
Avevo un lavoro, l'amica migliore del mondo e una famiglia che si faceva in quattro per me. 
In una notte la mia vita cambiò per sempre. 
Venni aggredita, ma uno sconosciuto dallo sguardo magnetico accorse in mio aiuto.
Non sapevo niente di lui. L'unica cosa certa era l'attrazione inspiegabile che nutrivo nei suoi confronti. 
Così, la verità venne a galla.
Così, scoprii chi ero davvero.
 
 
 
 
Estratti

Booktrailer

 

Autrice
Nicole Teso nasce il 10 novembre 1996 a San Donà di Piave, una città in provincia di Venezia.
Commessa di giorno e lettrice compulsiva di notte, è amministratrice di un blog letterario e scrittrice per passione.
Ama qualsiasi genere di storia, purché intensa e popolata da protagonisti dall’animo oscuro.
"Loving the demon" e "Loving the angel" sono i suoi primi due romanzi.
Per essere sempre aggiornato sulle sue pubblicazioni iscriviti su www.nicoleteso.com o metti "Mi piace" alla sua pagina ufficiale.